Nuovi risultati riguardanti il funzionamento dell’endosoma

endosomi

Ogni giorno una moltitudine di molecole entra in ogni cellula del nostro corpo. Queste possono essere nutrienti o molecole di segnale o microrganismi patogeni. Un organello nella cellula dirige queste molecole verso altre stazioni per ulteriori elaborazioni. Questo organello si chiama endosoma.

Se i percorsi attraverso i quali si verifica questo ordinamento falliscono in qualsiasi fase, possono verificarsi diverse malattie come le malattie neurodegenerative e alcuni tumori. Pertanto, una migliore comprensione dei passaggi di questi percorsi è della massima importanza.

In un recente studio pubblicato su Communications Biology, un gruppo di scienziati provenienti dal Giappone e dall’Austria, guidati dal Prof. Jiro Toshima dell’Università della Scienza di Tokyo, riporta una nuova scoperta riguardante il mantenimento e il funzionamento dell’endosoma.

Vedi anche, Endosomi disfunzionali segno precoce di neurodegenerazione.

La conoscenza convenzionale è che sono necessari due processi per la manutenzione degli endosomi: a) sacche di molecole si formano costantemente sulla membrana cellulare, vengono trasportate sull’endosoma e si fondono in essa; b) le vescicole contenenti proteine ​​trasportate dal Golgi (un altro organello cellulare) si fondono con l’endosoma.

I ricercatori di questo studio sostengono che non è così.

Hanno introdotto mutazioni genetiche e farmaci nelle cellule di lievito, per inibire ciascuno di questi processi di trasporto. Quando non si verifica il trasporto dal Golgi, una proteina essenziale per la manutenzione dell’endosoma, Rab5, non viene attivata e la formazione dell’endosoma ne risente. Quando il trasporto cellulare dalla membrana è inibito, non vi è alcun effetto sull’endosoma.

Quindi, essenzialmente, il trasporto dal Golgi è necessario e quello dalla membrana cellulare è superfluo, o meno cruciale. “I nostri risultati forniscono una visione diversa della formazione di endosomi e identificano il Golgi come fondamentale per il mantenimento e il funzionamento ottimali degli endosomi”, afferma il Prof. Toshima.

Questo studio chiarisce solo una frazione del percorso di classificazione delle molecole nelle cellule. Ma questo è certamente un passo da gigante nella ricerca in questo campo. Forse, le intuizioni di questo studio appariranno presto sulle pagine dei libri di testo di biologia cellulare.

Fonte, Communications Biology