Nuova terapia studiata per il carcinoma mammario ereditario

carcinoma mammario ereditario

I ricercatori della UT Health San Antonio hanno scoperto un nuovo modo di combattere il carcinoma mammario ereditario causato da una mutazione in  BRCA1, il tipo di tumore per il quale l’attrice Angelina Jolie ha avuto una doppia mastectomia preventiva e un intervento chirurgico ricostruttivo nel 2013.

“Questo rappresenta un nuovo trattamento per il carcinoma mammario ereditario e ovarico che è più diffuso nella nostra regione”, ha dichiarato Robert A. Hromas, Professore e Preside della Joe R. e Teresa Lozano Long School of Medicine presso la UT Health San Antonio. Il Dott. Hromas è ricercatore senior nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences. 

Una minuscola molecola chiamata microRNA (miR) 223-3p impedisce alle cellule normali di commettere errori mentre ripara il loro DNA. Tuttavia, i tumori con mutazioni di BRCA1 reprimono miR223-3p per consentire alle loro cellule di dividersi. “L’aggiunta di miR223-3p costringe le cellule cancerose con mutazione in BRCA1 a morire”, ha affermato il coautore dello studio Patrick Sung che si è trasferito alla UT Health San Antonio nel 2019 dalla Yale ed è un esperto di cancro BRCA1 mutante e occupa la cattedra di Biochimica al Robert A. Welch.

Sfruttare il tallone d’Achille del cancro

“MiR223-3p si comporta come un interruttore della luce, disattivando le proteine ​​che i tumori BRCA1 mutante utilizzano per la divisione cellulare corretta. Senza queste proteine ​​chiave della divisione cellulare, i tumori causati da BRCA1 si suicidano”, ha affermato il Dott. Hromas.

Vedi anche, Nuovo farmaco intelligente promettente per il carcinoma mammario triplo negativo metastatico.

“È una specie di bel modo di pensare al trattamento”, ha detto il Dott. Hromas. “Stiamo usando la natura stessa di queste cellule cancerose carenti di BRCA1 contro di esse. Stiamo attaccando il meccanismo stesso con cui sono diventate un cancro in primo luogo”.

“Ci sono prove che ripristinare miR223-3p prima che le cellule si convertano in cancro può persino prevenire la malattia correlata a BRCA1”, ha aggiunto il ricercatore.

Le mutazioni del gene BRCA colpiscono 1 persona su 400 negli Stati Uniti, circa 825.000. Dopo gli ebrei ashkenaziti, gli ispanici hanno la seconda prevalenza più alta di mutazioni che causano la malattia BRCA1. L’onere della malattia a San Antonio e nel Texas meridionale è quindi tra i più alti del paese.

Fonte, Proceedings of National Academy of Sciences.