Nuova tecnologia consente di rilevare il cancro del polmone in stadio iniziale

cancro del polmone

Una nuova piattaforma analizza il sangue o la saliva di pazienti con cancro del polmone in fase iniziale per identificare due mutazioni collegate al cancro.

Lo studio è stato riportato nel The Journal of Molecular Diagnostics.

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) è spesso fatale perché la maggior parte dei casi non viene diagnosticata fino a quando il carcinoma non è così avanzato che l’intervento chirurgico non è più possibile. Per migliorare i risultati i ricercatori stanno sviluppando un esame del sangue per rilevare il cancro del polmone, precocemente.

Un rapporto pubblicato in The Journal of Molecular Diagnostics descrive una nuova tecnologia, EFIRM (Release and Induced Field-Induced) che è sia altamente sensibile che specifica nel rilevare due mutazioni del recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) associate al cancro del polmone nel sangue di pazienti con malattia allo stadio iniziale. 

Nonostante i progressi della chemioterapia, la sopravvivenza a 5 anni nei pazienti con diagnosi di NSCLC non resecabile è inferiore al 10%. La capacità di diagnosticare il cancro del polmone non a piccole cellule negli stadi 1 e 2, quando la resezione chirurgica e la possibile cura sono ancora possibili, potrebbe ridurre significativamente la mortalità da NSCLC in tutto il mondo. “La rivoluzionaria tecnologia EFIRM è lo sviluppo più eccitante della biopsia liquida non invasiva degli ultimi anni: il potenziale di rilevare pazienti con cancro del polmone in fase iniziale con un test di sangue o saliva potrebbe salvare migliaia di vite ogni anno in tutto il mondo”, ha dichiarato Charles M. Strom, co-Direttore del Center for Oral / Head and Neck Oncology Research presso la UCLA School of Dentistry di Los Angeles, CA, USA, e Vicepresidente senior e Chief Medical Officer dell’ EZLife Bio, USA, Woodland Hills, CA, USA

In precedenza, i ricercatori avevano misurato con successo due mutazioni di EGFR  in campioni di sangue da pazienti con NSCLC in stadio avanzato utilizzando la tecnologia EFIRM. Nel presente lavoro, i ricercatori hanno indagato se le mutazioni potevano essere presenti in campioni da pazienti con malattia allo stadio iniziale.

( Vedi anche:L’ ablazione termica tratta efficacemente il cancro del polmone in stadio iniziale).

I ricercatori hanno raccolto campioni di plasma da 248 pazienti con noduli polmonari radiograficamente determinati. Di questi, 44 sono stati diagnosticati con NSCLC stadio I o stadio II (23 con noduli polmonari benigni sottoposti a biopsia e 21 con adenocarcinoma stadio I o stadio II). EFIRM è stato in grado di rilevare la mutazione p.L858R in 11 campioni su 12 e la mutazione di Exon 19  in sette su nove campioni, con una sensibilità superiore al 90% e una specificità dell’80%.

“Attualmente, la sensibilità clinica dell’EFIRM per rilevare i pazienti con NSCLC è limitata dalla percentuale di tumori che contengono una o entrambe le varianti, che è stimata al 27% dei tumori NSCLC“, ha spiegato il co-ricercatore Wu-Chou Su del Dipartimento di Medicina Interna, National Cheng Kung University Hospital e College of Medicine della National Cheng Kung University, Tainan. “Stiamo attualmente sviluppando un pannello di 10 varianti che contiene le mutazioni rilevate nel 50% di tutte le neoplasie polmonari“.

I ricercatori sottolineano che questo studio non presenta prove dirette che la rilevazione di mutazioni di EGFR nel plasma di un individuo sia predittiva del fatto che il paziente abbia un cancro. Il lavoro futuro esplorerà se trovare una mutazione di EGFR nella circolazione ha un valore predittivo. Attualmente, la biopsia liquida EFIRM può essere utile per guidare la selezione del trattamento in pazienti per i quali non è disponibile il materiale bioptico.

“Siamo soddisfatti delle prestazioni della piattaforma EFIRM in pazienti i cui tumori erano ancora sufficientemente piccoli da essere idonei all’assistenza chirurgica. Sono in corso lavori per aumentare il numero di mutazioni analizzate e per automatizzare il processo per aumentare la sensibilità e facilitare lo screening di massa”, ha commentato il Dr. Strom.

Fonte: The Journal of Molecular Diagnostics

Altri articoli su cancro del polmone