Nuova strategia per una migliore previsione dell’attacco cardiaco

attacco cardiaco

Immagine, l’imaging ottico ha distinto sette categorie di arterie coronarie ,da sinistra: normale, fibrosa, grassa, calcificata, cappuccio spesso, cappuccio sottile, cappuccio rotto. Credito: Otsuka, K. et al. J Am Coll Cardiol Img.

I medici hanno bisogno di modi migliori per rilevare e monitorare le malattie cardiache, la principale causa di morte nei paesi industrializzati. Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital con il supporto del National Institute of Biomedical Imaging and Bioengineering (NIBIB) ha sviluppato una tecnica di imaging migliorata che ha trovato differenze tra placche coronariche potenzialmente pericolose per la vita e quelle che presentano un pericolo meno imminente per i pazienti con malattia coronarica. Il loro metodo può fornire ai cardiologi ulteriori dati per identificare i pazienti ad alto rischio di futuri attacchi di cuore e aiutarli a migliorare la terapia medica.

La malattia coronarica è il tipo più comune di malattia cardiaca negli Stati Uniti. È causata da depositi di placche aterosclerotiche all’interno delle arterie coronarie che forniscono sangue al muscolo cardiaco. Le placche aterosclerotiche sono sono costituite da materiale ricco di lipidi e creano calcificazioni nella parete del vaso causando l’irrigidimento delle arterie interne.
Il sintomo più comune della malattia coronarica è l’angina, che provoca dolore o disagio al torace durante lo sforzo fisico perché le placche limitano il flusso sanguigno e l’apporto di ossigeno al muscolo cardiaco. Chiamata anche angina pectoris stabile, questa condizione può indebolire la funzione cardiaca nel tempo, ma di solito non provoca un attacco cardiaco improvviso. Ma quando il cappuccio fibroso che copre una placca aterosclerotica piena di lipidi si rompe e rilascia il contenuto della placca nel vaso, può derivarne un coagulo di sangue che blocca l’arteria coronaria e provoca un infarto. Questa brusca condizione pericolosa per la vita è chiamata sindrome coronarica acuta.
I cardiologi vorrebbero essere in grado di distinguere placche coronarie stabili da quelle inclini alla rottura.

“Questa ricerca si basa sulle più recenti tecniche di imaging ottico per classificare sistematicamente le placche come indicatori della malattia coronarica“, ha dichiarato Behrouz Shabestari, Ph.D., Direttore del programma NIBIB di imaging ottico e spettroscopia. “La tecnica potrebbe essere un punto di svolta per i cardiologi e i loro pazienti, offrendo una visione approfondita delle lesioni aterosclerotiche arteriose coronariche con dati di imaging quantificabili”.

Il team di ricerca è guidato da Brett Bouma, Ph.D., Professore di dermatologia e scienze e tecnologia della salute, Wellman Center for Photomedicine, Massachusetts General Hospital e Harvard Medical School, Boston. In uno studio pubblicato nel numero dell’8 agosto 2019 di JACC: Cardiovascular Imaging, il team di Bouma ha studiato le proprietà di polarizzazione delle placche aterosclerotiche coronariche in 30 pazienti con malattia coronarica, alla ricerca di indicazioni di instabilità della placca. I ricercatori hanno raccolto dati utilizzando la polarimetria intravascolare, una tecnica per valutare le proprietà di polarizzazione delle sezioni trasversali del tessuto vascolare.

Vedi anche, Il calcio nelle arterie aumenta il rischio imminente di un attacco di cuore.

Il campo elettrico della luce polarizzata crea un segnale d’onda lungo un singolo piano (come verticale o orizzontale). Quando è diretto al tessuto, il campo elettrico è influenzato dalla struttura microscopica e dall’organizzazione del tessuto. I tessuti ricchi di collagene e cellule muscolari lisce dividono il raggio di luce in due raggi che si differenziano in direzioni leggermente diverse. I ricercatori hanno potuto distinguere la composizione e la stabilità della placca coronarica in base all’effetto ottico.

I partecipanti a questo studio sono stati sottoposti a cateterizzazione cardiaca, imaging intravascolare con tomografia a coerenza ottica, per misurare le proprietà di polarizzazione della parete coronarica. L’imaging intravascolare utilizza la luce nel raggio del vicino infrarosso per acquisire immagini in sezione trasversale ad alta definizione della parete del vaso. Dodici cateterizzazioni sono state eseguite su pazienti affetti da sindrome coronarica acuta – la forma di rischio più elevato della malattia e altre18 su pazienti con sintomi di angina pectoris stabile.

Le 30 cateterizzazioni hanno fornito immagini multiple della placca per ciascuna procedura, tra cui 342 immagini della placca in sezione trasversale e 244 immagini dai cappucci fibrosi delle lesioni aterosclerotiche responsabili di sintomi ad alto rischio o stabili. Le immagini ad alta risoluzione hanno permesso ai ricercatori di classificare le sezioni coronariche in una delle sette categorie: normale, fibrosa, grassa, calcificata, tappo spesso, cappuccio sottile o cappuccio rotto. Quindi, il team ha utilizzato lo strumento specializzato per determinare le proprietà di polarizzazione della parete arteriosa coronarica.

Questo è il primo studio pilota sull’uomo, della polarimetria intravascolare”, ha detto Bouma, osservando che i tappi fibrosi delle placche che sono inclini alla rottura possono ora essere identificati in modo affidabile con questo metodo. “La polarimetria intravascolare può aprire nuove strade per studiare la composizione della placca e rilevare pazienti ad alto rischio”.

Fonte, Cardiovascular Imaging 

 


Altri articoli su attacco cardiaco