Il calcio nelle arterie influenza il rischio di attacco cardiaco

attacco cardiaco,ictus

I pazienti che non presentano accumulo di calcio nelle arterie coronarie hanno un rischio significativamente più basso di attacco cardiaco o ictus futuri, nonostante altri fattori di alto rischio come il diabete, l’ipertensione o alti livelli di colesterolo, secondo una nuova ricerca della UT Southwestern.

Questi individui avevano meno del 3% di probabilità di un evento cardiovascolare nel corso del prossimo decennio – anche se molti presentavano ben noti fattori di rischio.

( Vedi anche: Sempre più vicini alla rigenerazione del cuore danneggiato da attacco cardiaco).

“I tassi di eventi cardiaci o ictus quando il calcio coronarico è assente, sono bassi”, ha detto il cardiologo Dr. Parag Joshi, Assistente Professore di Medicina Interna alla UT Southwestern. “I nostri risultati suggeriscono che gli individui che non hanno accumulo di calcio nei loro vasi sanguigni possono non avere necessità di assumere statine nonostante la presenza di altri fattori di rischio che possono causare malattie cardiache”.

 

Il calcio si accumula nelle arterie del cuore dopo che la placca si accumula e calcifica nel tempo.

I ricercatori dell’Ut Southwestern hanno esaminato le scansioni CT del cuore di 6.184 persone di età compresa tra 45 e 84 anni, che non avevano mai avuto un infarto o ictus e partecipavano ad un grande studio noto come MESA ( Studio multietnico di aterosclerosi).

Circa la metà dei partecipanti non hanno mostrato depositi di calcio nelle loro arterie caronarie, il che significa che avevano un punteggio di calcio coronarico (CAC) di zero.

Tuttavia, un punteggio zero CAC non significa che nessuna placca si sta sviluppando all’interno delle arterie del cuore o che il paziente abbia zero rischi – anzi, ” Significa che il rischio di un attacco cardiaco del paziente è inferiore alla soglia in cui i medici raccomandano tipicamente il trattamento con le statine”, ha detto il Dr. Joshi. Un rischio del 5 per cento, basato su un calcolo che analizza i fattori come l’ età, sesso, etnia, fumo, diabete, alta pressione sanguigna e livelli di colesterolo, è considerato la soglia estrema per raccomandare l’uso delle statine.

“Inoltre, anche la storia familiare può essere un motivo per iniziare la terapia statinica prima che ci sia prova di accumulo di calcio”,  ha detto il Dr. Joshi.

“Un punteggio CAC può davvero aggiungersi alla discussione clinico-paziente per decidere se avviare o meno la prevenzione primaria di attacchi cardiaci e ictus con le statine”, ha detto il Dr. Joshi.

Fonte: Medicalxpress

Altri articoli su attacco cardiaco, ictus