Nuova speranza per il trattamento dell’Alzheimer e di altre malattie neurologiche

alzheimer

Immgine: Illustrazione 3D di cellule nervose. Credito: Shutterstock.

C’è una nuova speranza per il trattamento dell’Alzheimer e di altre malattie neurologiche dopo una scoperta rivoluzionaria fatta da una collaborazione di ricerca australiano-cinese.

Ricercatori della University of South Australia e della Third Military Medical University in Cina hanno scoperto una via di segnale all’interno delle cellule e hanno anche progettato un potenziale farmaco che potrebbe fermare la degenerazione e migliorare effettivamente l’apprendimento e la memoria nei pazienti affetti da alzheimer e altre malattie neurologiche .

Il Professor Xin-Fu Zhou e colleghi di UniSA hanno studiato le tauopatie, una classe di malattie causate dall’errato ripiegamento della proteina tau all’interno delle cellule nervose che provoca il danno cellulare e infine la morte cellulare.

( Vedi anche:Lo squilibrio del pH nelle cellule cerebrali può contribuire alla malattia di Alzheimer).

Queste malattie includono il morbo di Alzheimer, Parkinson e SLA che attualmente non hanno alcuna cura.

In particolare, il team ha esaminato la degenerazione del lobo frontotemporale (FTLD), un termine che rappresenta un gruppo di sindromi cliniche correlate a disturbi cognitivi, anomalie comportamentali e disturbi del linguaggio.

Il Professor Zhou afferma che in precedenza non era noto in che modo la mutazione genica fosse responsabile della morte o del danno alle cellule di cui si parla generalmente come neurodegenerazione e demenza in pazienti con FTLD e altre malattie del motoneurone. “In questo momento non esiste alcuna terapia disponibile”, dice il Prof Zhou .” Abbiamo studiato come queste tauopatie (malattie) abbiano una patologia comune, inclusa una particolare proteina tau che svolge un ruolo critico nella funzione delle cellule nervose“.

La Proteina Tau è una proteina che stabilizza i microtubuli ed è specificamente abbondante nei neuroni del sistema nervoso, ma non altrove.

“La nostra ricerca ha rilevato che sia nel modello animale che nel cervello umano, la via di segnale delle neurotrofine e dei recettori è anormale nel cervello con FTLD“, afferma il Prof. Zhou. “Abbiamo scoperto un aumento del percorso di segnalazione della neurotropina che è correlato alla vita e alla morte delle cellule nervose, noto come proNGF / p75 e abbiamo  dimostrato che bloccando le sue funzioni si riduce il danno cellulareCosì, in questo documento non solo abbiamo scoperto una via di segnalazione, ma abbiamo anche sviluppato un potenziale farmaco per il trattamento di tali malattie”, ha aggiunto il ricercatore.

Data questa forte evidenza ora disponibile, la fase successiva è una sperimentazione clinica e la società di biotecnologie del Sud Australia Tiantai Medical Technology Pty Ltd ha recentemente acquisito una licenza per sviluppare ulteriormente e commercializzare questa tecnologia medica.

Secondo il Professor Zhou, questo coinvolgimento dell’industria significa che v’è la possibilità di tradurre la scoperta in un trattamento per l’Alzheimer e altri taupatie.

Il documento, pubblicato in Molecular Psychiatry, è frutto di una collaborazione tra due laboratori guidati dal Professor Xin-Fu Zhou dell’Università del Sud Australia e dal Professor Yanjiang Wang, la terza Università Medica Militare.

Fonte: University of Sud Australia

Altri articoli su alzheimer