Home Salute Nuova ricerca dimostra che il litio ha effetti antinvecchiamento

Nuova ricerca dimostra che il litio ha effetti antinvecchiamento

Il litio è uno stabilizzatore dell’umore utilizzato per il trattamento di pazienti con disturbo bipolare, ma secondo un nuovo studio, può anche aprire la strada allo sviluppo di  farmaci anti-invecchiamento.

Pubblicato sulla rivista Cell Reports, lo studio rivela che i moscerini della frutta trattati con il litio sono vissuti più a lungo di un gruppo di controllo.

Per lo studio, il Dr. Jorge Iván Castillo-Quan dell’Institute of Healthy Ageing at the UK’s University College London (UCL) e colleghi, hanno somministrato diverse dosi di cloruro di litio a 160 moscerini della frutta adulti.

Il moscerino della frutta, o Drosophila melanogaster, è un modello ideale per lo studio della genetica umana poichè condivide il 75% degli stessi geni che causano malattie negli esseri umani.

Il team ha scoperto che quando i moscerini della frutta in età adulta sono stati trattati con basse dosi di litio sono vissuti una media del 16-18% più a lungo dei moscerini che hanno ricevuto cloruro di sodio, a prescindere dal patrimonio genetico degli insetti.

Nessun effetto negativo è stato rilevato dal trattamento con basse dosi di litio: il team ha notando che i moscerini della frutta si sono alimentati normalmente e hanno avuto una prole sana.

Dosi più elevate del farmaco, tuttavia, hanno provocato una riduzione del tempo di vita delle mosche.

L’aumento della durata della vita nei moscerini della frutta è determinato dalla capacità del litio di bloccare una molecola chiamata glicogeno sintasi chinasi-3 (GSK-3) precedentemente collegata allo sviluppo di malattie legate all’età, come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Inoltre, i ricercatori hanno anche scoperto che il litio promuove l’attività di una molecola chiamata fattore nucleare 1 (eritroidederivato)-2 (Nrf2), che è coinvolta nella protezione delle cellule contro lo stress ossidativo, un fattore chiave nel processo di invecchiamento.

Sulla base dei loro risultati, i ricercatori suggeriscono che il targeting GSK-3 potrebbe essere un bersaglio promettente nella lotta contro l’invecchiamento.

Parlando delle possibili implicazioni di questi risultati, il Dottor Castillo-Quan dice:

“Per migliorare la qualità e la durata della vita, dobbiamo ritardare l’insorgenza di malattie legate all’età. L’ identificazione di un altro obiettivo per combattere l’invecchiamento è un passo fondamentale e prendendo di mira GSK-3, potremmo scoprire nuovi modi di controllare il processo di invecchiamento nei mammiferi, compreso l’uomo”.

Claire Bale, responsabile della comunicazione presso il Parkinson’s UK che ha contribuito a finanziare lo studio, descrive i risultati come “incoraggianti”, osservando che essi possano portarci più vicino a strategie che combattono le malattie legate all’età .

“Questa ricerca ha il potenziale non solo di contribuire a creare una generazione più sana di anziani, ma anche fornire spunti importanti sul modo in cui potremmo potenzialmente trattare o anche prevenire condizioni di invecchiamento, come il morbo di Parkinson”, aggiunge il ricercatore.

Secondo il Prof. Dame Linda Partridge – autore principale dello studio e Direttore della UCL’s Institute of Healthy Ageing and the Max Planck Institute for Biology and Ageing in German, il passo successivo è quello di colpire GSK-3 negli animali più complessi, con l’obiettivo finale di sviluppare un farmaco che può essere testato negli esseri umani.

Fonte: medicalnews


ULTIMI ARTICOLI

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...

Composto ultrapotente può aiutare a trattare C. diff e ridurre le recidive

Immagine:Public Domain. Clostridioides difficile o C. diff, è la principale causa di infezione associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Solo due antibiotici, Vancomicina eFfidaxomicina, sono stati...

Sindrome dell’intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Ricercatori dell'Università del Queensland hanno scoperto che un peptide specifico trovato nel veleno di ragno potrebbe alleviare il dolore nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Lo...

Nuove inaspettate possibilità per la ricerca sugli antidolorifici da SARS-CoV-2

Immagine: la proteina spike su SARS-CoV-2 interferisce con la percezione del dolore. SEBASTIAN KAULITZKI / SCIENCE PHOTO LIBRARY / Getty Images. L'autore di un nuovo...

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...