Home Primo piano Nobel per la Medicina ai ricercatori che hanno scoperto il virus dell'epatite...

Nobel per la Medicina ai ricercatori che hanno scoperto il virus dell’epatite C

Agli americani Harvey J. Alter e Charles M. Rice e al britannico Michael Houghton il premio Nobel per la Medicina per aver reso possibile l’identificazione di un killer silenzioso:il virus dell’epatite C.

“I ricercatori Harvey Alter, Michael Houghton e Charles Rice hanno fatto scoperte seminali che hanno portato all’identificazione di un nuovo virus, il virus dell’epatite C“, ha scritto il Comitato per il Nobel in una dichiarazione. “Due altre forme di epatite virale – l’epatite A e B – erano già state scoperte all’epoca, ma la maggior parte dei casi di epatite cronica rimaneva inspiegabile”, ha osservato il Comitato.

“La scoperta del virus dell’epatite C ha rivelato la causa dei restanti casi di epatite cronica e ha reso possibili esami del sangue e nuovi farmaci che hanno salvato milioni di vite”, ha scritto ancora il Comitato. “Il pluripremiato lavoro degli scienziati si è svolto tra gli anni ’70 e ’90 e ha consentito ai medici di sottoporre a screening il sangue dei pazienti per il virus e di curare molte delle malattie”, ha riferito Science Magazine.

ll virus dell’epatite C viene trasmesso attraverso il sangue. Sebbene molte persone eliminino rapidamente l’infezione, alcune sviluppano un’infiammazione cronica del fegato che distrugge silenziosamente l’organo per anni o decenni, portando infine alla cirrosi e al cancro. I pazienti spesso finiscono per aver bisogno di un trapianto di fegato o per morire.

Mezzo secolo fa, i medici sapevano che i destinatari di trasfusioni di sangue erano a maggior rischio di malattie del fegato e nel 1967 Baruch Blumberg, anche lui al NIH, scoprì il virus dell’epatite B che gli valse la metà del Premio Nobel per la fisiologia o Medicina del 1976. Ma l’epatite B non ha spiegato tutti i casi di epatite osservati in pazienti che avevano subito una trasfusione di sangue. I premi Nobel di quest’anno hanno lavorato per oltre 3 decenni per identificare il virus dell’epatite C, dimostrare che era responsabile della maggior parte dei casi inspiegabili di epatite nelle trasfusioni di sangue e rendere possibile lo screening delle donazioni di sangue per il virus

“Non ci sono dubbi sui contributi che questi tre scienziati hanno dato”, dice Jens Bukh, virologo dell’Università di Copenaghen che ha anche condotto studi importanti sull’epatite C. “Sono dei collaboratori fantastici e anche persone fantastiche. … Hanno avuto un profondo impatto su come si è sviluppato questo campo di ricerca, non solo attraverso le loro scoperte, ma anche nel supportare altri giovani scienziati che si sono uniti al campo”.

Negli anni ’70, Alter e i suoi colleghi hanno studiato l’epatite in soggetti sottoposti a trasfusione e hanno dimostrato che anche se gli schermi per il virus dell’epatite B potevano ridurre il numero di casi, molti rimanevano. Anche l’epatite A, un virus trasmesso attraverso l’acqua o il cibo, non era la spiegazione. Nel 1978, Alter dimostrò che il plasma di pazienti con epatite inspiegabile poteva causare malattie quando trasferito agli scimpanzé, indicando che erano causate da un agente infettivo. In ulteriori esperimenti con gli scimpanzé, gli unici animali sensibili all’epatite C, Alter e i suoi colleghi hanno dimostrato che la malattia da trasfusione era probabilmente causata da uno o più virus.

Negli anni ’80, Houghton, che allora lavorava presso la società farmaceutica Chiron e i suoi colleghi cercarono il possibile colpevole setacciando raccolte di frammenti di DNA chiamati DNA complementare (cDNA) raccolti da scimpanzé infetti. Tuttavia, la maggior parte dei geni che avevano identificato nelle loro schermate iniziali apparteneva alle scimmie.

“Il lavoro pionieristico dei vincitori del Nobel di quest’anno è una pietra miliare nella nostra battaglia in corso contro le  infezioni da virus”, dice Gunilla Karlsson Hedestam del Comitato per il Nobel.

I ricercatori hanno quindi provato un approccio diverso. Hanno raccolto l’RNA (la molecola genetica che aiuta a codificare le proteine) dal siero degli scimpanzé infetti e hanno utilizzato l’RNA per creare una nuova raccolta di cDNA. Hanno messo quella raccolta in batteri che potevano produrre le proteine ​​codificate dagli snippet di DNA. Infine, hanno usato il siero di un paziente infetto, che presumevano portasse gli anticorpi contro il virus, per identificare eventuali colonie batteriche che avrebbero potuto produrre una proteina virale. Su 1 milione di colonie batteriche hanno esaminato, una codificava per una proteina di un virus. I ricercatori hanno descritto il loro lavoro nel 1989 in un articolo su Science in cui hanno chiamato la malattia epatite C.

I ricercatori hanno quindi sviluppato un esame del sangue e hanno dimostrato che poteva identificare campioni sospettati di trasmettere i casi inspiegabili di epatite. Ciò ha consentito lo screening delle donazioni di sangue in tutto il mondo, riducendo drasticamente il numero di persone infette.

“Prima di queste scoperte, era come la roulette russa ricevere una trasfusione di sangue“, dice Nils-Göran Larsson, membro del Comitato per il Nobel. “La trasmissione attraverso la trsfusione di sangue è ormai quasi eliminata”, osserva Ralf Bartenschlager, virologo dell’Università di Heidelberg che ha condiviso il Lasker-DeBakey Clinical Medical Research Award con Rice e Michael Sofia nel 2016 per il lavoro sull’epatite C. “Hanno reso la trasfusione di sangue sicura”, dice. “Questo ha impedito innumerevoli casi”.

Ma non era ancora chiaro se il solo virus fosse responsabile della malattia o se avesse bisogno di un complice di qualche tipo. Rice, che allora lavorava alla Washington University di St. Louis, tentò senza riuscirci, di infettare gli scimpanzé con le versioni del virus costruite in laboratorio. Sospettava che, come molti virus a RNA, il nuovo virus mutasse molto rapidamente, portando a molti cloni che non causavano malattie. Ha quindi elaborato una sequenza “media” con meno probabilità di contenere mutazioni invalidanti. In un articolo del 1997, sempre su  Science, ha dimostrato che questa versione ingegnerizzata del virus, da sola, poteva causare infezioni e malattie del fegato negli scimpanzé.

Alla fine, le scoperte del trio hanno portato anche allo sviluppo di trattamenti antivirali che ora possono curare circa il 95% dei pazienti con epatite C.

“Queste terapie, insieme allo screening del sangue, hanno salvato milioni di vite in tutto il mondo”, ha detto oggi Gunilla Karlsson Hedestam, membro del Comitato Nobel. “Il lavoro pionieristico dei vincitori di quest’anno è una pietra miliare nella nostra battaglia in corso contro le infezioni da virus”.

In una conferenza stampa oggi, Alter ha detto che sta lavorando per assicurarsi che ogni paziente con cui ha lavorato nel corso degli anni riceva un trattamento; dice che quasi il 90% di loro lo ha già fatto. “Tutti sono stati curati. Penso che una delle più grandi emozioni per me sia stata aver identificato il primo paziente [con probabile epatite C] e ora vedere non solo che era guarito, ma che tutti gli altri che ho seguito nel corso degli anni stanno guarendo. Non avrei mai potuto immaginarlo, non durante la mia vita”.

Eppure circa 71 milioni di persone nel mondo soffrono ancora di un’infezione cronica e la trasmissione continua, principalmente nei paesi in via di sviluppo. Le principali vie di trasmissione oggi sono le apparecchiature mediche contaminate, il parto – quando la madre è infetta – e la condivisione di aghi contaminati per iniezione di farmaci. L’Organizzazione mondiale della sanità stima che circa 400.000 persone siano morte di epatite C nel 2016, principalmente per cirrosi e cancro.

L’Egitto è uno dei paesi più colpiti al mondo, con fino al 15% delle persone colpite in alcune regioni. L’epidemia nel paese è iniziata mezzo secolo fa, quando gli aghi sono stati ampiamente riutilizzati durante una campagna per il trattamento della schistosomiasi, una malattia parassitaria trasmessa dalle lumache. Recentemente, l’Egitto ha aperto la strada alla lotta contro il virus, curando milioni di persone con i nuovi farmaci e conducendo una campagna di screening a livello nazionale per trovare casi non diagnosticati.

Molti scienziati oggi hanno espresso la speranza che il Premio Nobel contribuirà a ridurre ulteriormente il bilancio della malattia. “La scoperta e il trattamento dell’HCV [virus dell’epatite C] è un’incredibile storia di successo per la scienza fondamentale”, ha twittato il biologo evoluzionista Oliver Pybus dell’Università di Oxford . “Congratulazioni ai vincitori e speriamo che questo aggiunga slancio agli sforzi globali per l’eliminazione dell’HCV”.

Bukh spera che il premio stimoli gli investimenti in un possibile vaccino. “Poiché l’epatite C causa pochi sintomi acuti, è molto difficile identificare tutte le persone infette”, dice. “I trattamenti sono ottimi, ma non possono controllare il virus nelle regioni povere”, aggiunge. “Un vaccino è davvero necessario per controllare questo virus”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ci siano oltre 70 milioni di casi di epatite nel mondo e 1 milione di vittime ogni anno.

 

Chi sono gli scienziati premiati

Harvey J. Alter Alter, 85 anni, è nato nel 1935 a New York e si è laureato all’Università di Rochester, dove ha continuato a lavorare  per poi trasferirsi a Seattle. Dal 1961 ha lavorato per il National Institutes of Health (Nih), tranne un breve periodo in cui è stato alla Georgetown University.

Rice (65 anni) è nato nel 1952 a Sacramento e si è laureato nel 1981 al California Institute of Technology (Caltech). Dal 1986 ha lavorato alla Washington University School of Medicine a St Louis. Dal 2001 insegna alla Rockefeller University di New York, dove fino al 2018 ha diretto il Centro di ricerca sull’epatite C.

Il britannico Houghton si è laureato nel 1977 al King’s College di  Londra e in seguito ha lavorato per le aziende G. D.Searle & Company e Chiron. Dal 2010 insegna all’Università di Alberta.

Alter, con le sue ricerche sull’epatite associata alle trasfusioni, ha dimostrato che un virus sconosciuto era una causa comune di epatite cronica. Houghton ha utilizzato una strategia inedita per isolare il  genoma del nuovo virus, battezzato appunto virus dell’epatite C. Rice ha fornito le prove definitive che dimostrano che questo virus, da  solo, può causare epatite. Il Premio Nobel 2019 per la Medicina era andato a William Kaelin, Peter Ratcliffe e Gregg Semenza per le loro scoperte su come le cellule si adattano alla disponibilità di ossigeno, un meccanismo d’importanza cruciale per mantenere le cellule in buona salute che apre la strada alla comprensione di molte malattie, prime fra tutte anemia e tumori.  Il più giovane a essere insignito del Nobel per la Medicina è stato Frederick Banting, premiato a 32 anni per la scoperta dell’insulina. I prossimi appuntamenti scientifici sono in programma il 6 ottobre con l’annuncio del Nobel per la Fisica e mercoledì 7 con il Nobel per la Chimica.

Fonte: Science

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...