HomeSaluteTumoriNeuroblastoma: nuovi bersagli farmacologici

Neuroblastoma: nuovi bersagli farmacologici

(Neuroblastoma-Immagine Credit Public Domain).

Il più grande studio su una singola cellula fino ad oggi realizzato sul neuroblastoma, un cancro infantile, ha risposto a importanti domande sulla genesi della malattia. I ricercatori del Wellcome Sanger Institute, del Great Ormond Street Hospital (GOSH) e del Princess Máxima Center for Pediatric Oncology, hanno scoperto che tutti i neuroblastomi derivano da un singolo tipo di cellula embrionale chiamata simpaticoblasti.

Lo studio, pubblicato oggi su Science Advances, ha cercato di capire perché i neuroblastomi variano in gravità, con alcuni facili da trattare e altri con tassi di sopravvivenza a cinque anni relativamente bassi. Il fatto che tutti i neuroblastomi derivino dai simpatoblasti li rende un bersaglio farmacologico attraente.

- Advertisement -

Il neuroblastoma è un cancro raro che colpisce generalmente i bambini sotto i cinque anni. Inizia nell’addome, di solito nelle ghiandole surrenali, ghiandole che producono ormoni. Il neuroblastoma è notevole in quanto la sua gravità può variare notevolmente da individuo a individuo. In alcuni bambini il cancro scomparirà senza trattamento, mentre in altri il cancro è implacabile. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni per il neuroblastoma è uno dei più bassi di tutti i tumori infantili.

Questa prospettiva variegata ha spinto i ricercatori a chiedersi se la gamma di gravità potesse essere causata da neuroblastomi derivanti da diversi tipi di cellule in diversi stadi dello sviluppo del bambino nell’utero. Ciò è stato reso possibile dall’avvento del sequenziamento dell’mRNA a cellula singola, una tecnologia ad alta risoluzione in grado di identificare diversi tipi di cellule presenti in un tessuto in base ai geni espressi dalle singole cellule.

In questo studio, l’espressione genica di 19.723 cellule tumorali è stata analizzata e confrontata con un riferimento di 57.972 cellule surrenali nella speranza di identificare i tipi di cellule da cui derivano i neuroblastomi e di trovare nuovi bersagli di trattamento.

Il Dr. Jan Molenaar, autore senior dello studio del Princess Máxima Center for Pediatric Oncology nei Paesi Bassi, ha affermato: “Ciò che più colpisce dei nostri risultati è che, nonostante la grande diversità del comportamento clinico del neuroblastoma, esiste un  tipo di cellula che si trova in tutti i neuroblastomi. L’identificazione dei simpatoblasti come radice di tutti i neuroblastomi è un passo importante verso la comprensione di come si sviluppa la malattia e, si spera, come possiamo trattarla“.

- Advertisement -

Attualmente, molti trattamenti contro il cancro causano gravi effetti collaterali per il paziente. Ma negli ultimi anni, i progressi tecnologici hanno accelerato lo sviluppo di farmaci consentendo ai ricercatori di identificare le differenze tra i processi biologici, come l’espressione di un particolare gene, all’interno di cellule umane sane e quelle all’interno di quelle cancerose. Queste differenze possono essere sfruttate per attaccare le cellule tumorali senza intaccare le cellule sane del paziente.

La presenza di simpaticoblasti, un tipo di cellula evolutiva che normalmente non si trova nei bambini dopo la nascita, li rende un promettente bersaglio farmacologico per il trattamento del neuroblastoma.

Vedi anche:Neuroblastoma difficile da trattare:potenziale nuova cura

La Dr.ssa Karin Straathof, autrice senior dello studio del Great Ormond Street Hospital, ha dichiarato: “Il neuroblastoma è un cancro insolito in quanto alcuni tumori si risolvono senza intervento, ma la malattia ha ancora uno dei tassi di sopravvivenza a cinque anni più bassi di qualsiasi altro cancro dell’infanzia. Questo studio colma importanti lacune nella nostra conoscenza di cosa sono le cellule di neuroblastoma e ha rivelato nuovi obiettivi di trattamento. La mia speranza è che nuove terapie meno invasive possano essere sviluppate prendendo di mira i simpatoblasti, un tipo di cellula dello sviluppo che esiste solo nei neuroblastoma che si sviluppano dopo la nascita”.

Oltre a facilitare la scoperta dei simpatoblasti come radice del neuroblastoma, la mappa di riferimento unicellulare dello sviluppo della ghiandola surrenale contribuirà anche al progetto Human Cell Atlas. Il progetto mira a creare mappe di riferimento complete di tutti i tipi di cellule umane, le unità fondamentali della vita, come base per la comprensione della salute umana e la diagnosi, il monitoraggio e il trattamento delle malattie.

Il Dr. Sam Behjati, autore senior dello studio del Wellcome Sanger Institute e degli Ospedali dell’Università di Cambridge, ha dichiarato: “Il nostro studio mostra il potere di guardare le singole cellule tumorali infantili per rivelare non solo una, ma una pletora di nuove idee di trattamento. Ciò solleva l’eccitante prospettiva che un atlante di una singola cellula di tutti i tipi di tumori pediatrici possa trasformare la nostra comprensione del cancro infantile “.

Fonte: Science Advances

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...