Nessun produttore avrà un vaccino contro il coronavirus prima della metà del 2020

0
4

Nessun produttore avrà un vaccino contro il coronavirus pronto per l’uso prima della metà del 2020, nonostante un intenso sforzo globale”, ha detto un dirigente delle biotecnologie a AFP venerdì.

Stephane Bancel è amministratore delegato di Moderna Therapeutics, una delle diverse società coinvolte in uno sforzo internazionale per creare un vaccino il prima possibile per questo virus mortale simile alla SARS, noto ormai come nCoV-2019, che ha già ucciso più di 200 persone. Moderna sta lavorando in coordinamento con il National Institutes of Health degli Stati Uniti, mentre Inovio Pharmaceuticals e l’Università del Queensland in Australia stanno cercando percorsi alternativi. Tutti hanno ricevuto finanziamenti dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), un ente internazionale istituito per finanziare costose ricerche biotecnologiche. Ma Bancel ha avvertito che “nessun produttore sarà in grado di avere un vaccino pronto per l’estate”.

In un’intervista in lingua francese con AFP, Bancel ha anche descritto la tecnologia utilizzata da Moderna nel suo approccio. “Il nostro approccio si basa sulla tecnologia messenger RNA. Messenger RNA (mRNA) è una molecola informativa codificata“, ha affermato Bancel.

Il sito Web di Moderna spiega che “mRNA sono un insieme di istruzioni che le cellule del corpo usano per produrre proteine ​​per prevenire o combattere le malattie”. Bancel ha aggiunto: “Una volta che siamo riusciti a padroneggiare la tecnologia ed essere certi che funziona sugli esseri umani, le cose potrebbero andare avanti molto rapidamente perché è sempre lo stesso processo di produzione … per l’RNA messaggero contro l’influenza o contro il coronavirus, è lo stesso metodo di fabbricazione, l’unica differenza è l’ordine delle lettere che codificano le proteine. Per il coronavirus, stiamo lavorando con il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti che hanno acquisito la sequenza del virus dal governo cinese, quindi l’NIH e i nostri team lo hanno analizzato per comprendere le strutture proteiche che sono diverse dagli altri virus. I nostri team vicino a Boston stanno preparando un vaccino e non appena sarà pronto, verrà inviato al NIH che effettuerà studi clinici di fase 1″, ha dichiarato Bancel in riferimento ai test di sicurezza iniziali sull’uomo.

Alla domanda se un vaccino potesse essere sviluppato in tempo per rispondere all’epidemia, ha avvertito che “il vaccino dovrà sottoporsi a numerosi studi clinici. La sfida è che potrebbe essere rapidamente somministrato a milioni di persone. La responsabilità della sua sicurezza è quindi molto importante. Anche andando avanti rapidamente con tecnologie come l’mRNA, nessun produttore sarà in grado di avere un vaccino pronto entro l’estate, o addirittura da l’autunno”.

Bancel ha sottolineato che “‘unica risposta ora sono le azioni di salute pubblica, cercando di contenere il più possibile la trasmissione da uomo a uomo. Penso che la più grande sfida per la salute pubblica sarà durante l’inverno nell’emisfero meridionale, insieme al rischio che il coronavirus ritorni nell’emisfero settentrionale in autunno“, ha previsto Bancel.Oggi è necessario prevedere se la situazione sarà grave in autunno o se il virus sarà scomparso. Ma un vantaggio di ottenere l’approvazione di un vaccino contro il coronavirus è che se in seguito si verifica una mutazione di un altro virus, sarà possibile disporre rapidamente di un prodotto”.
In un’intervista separata con l’European Pharmaceutical Review, l’amministratore delegato della CEPI Richard Hatchett ha dichiarato: “La nostra aspirazione con queste tecnologie è di portare il nuovo patogeno dalla sequenza genetica ai test clinici in 16 settimane”.
 Progetto rischioso
Brancel ha riferito ad AFP che la sua azienda ha assunto grandi rischi per questo tipo di progetto. “Esiste il rischio che il prodotto non funzioni, perché la biotecnologia è complicata. C’è anche il rischio che venga trovata un’altra soluzione prima di noi e che diventi il ​​prodotto di successo che tutti prescrivono. Ecco perché le partnership con CEPI sono molto importanti. CEPI ci fornisce i fondi per realizzare il primo lotto di vaccini per l’NIH. Ciò rimuove una grande spina dalla nostra parte. L’idea alla base del CEPI è ottenere l’approvazione normativa per una dozzina di vaccini, per virus come Zika o coronavirus, perché rappresentano una grande minaccia per l’uomo. Abbiamo bisogno di vaccini approvati in modo che se ci sono mutazioni all’interno di un ceppo di virus, possiamo produrre vaccini in grandi quantità entro pochi mesi”, dice il ricercatore.