Nella “microglia” la chiave per fermare la malattia di Alzheimer?

alzheimer

Un gruppo di ricerca di Leuven guidato dal Prof. Bart De Strooper (VIB-KU Leuven, UK DRI) ha studiato come le cellule cerebrali specializzate chiamate microglia rispondano all’accumulo di proteine ​​tossiche nel cervello, una caratteristica tipica dell’Alzheimer. 

I tre principali fattori di rischio per l’Alzheimer – età, sesso e genetica – influenzano tutti la risposta della microglia, aumentando la possibilità che i farmaci che modulano questa risposta possano essere utili per il trattamento.

Uno dei tratti distintivi del morbo di Alzheimer è la presenza delle cosiddette placche amiloidi nel cervello. La ricerca suggerisce che queste placche attivano una serie di processi in cui le cellule della microglia svolgono un ruolo centrale. Le microglia sono cellule cerebrali specializzate che agiscono come la prima e principale forma di difesa immunitaria nel cervello.

Vedi anche, Gli occhi possono rivelare precocemente il morbo di Alzheimer.

“La risposta di queste importanti cellule di supporto all’accumulo di beta amiloide tossica può avere un grande effetto sul processo patologico”, afferma l’esperto di Alzheimer Bart De Strooper (VIB-KU Leuven, UK DRI). “Ecco perché volevamo capire meglio la risposta microgliale alla beta amiloide e come potrebbe differire tra gli individui.”

Lo stato di attivazione di 10.000 cellule

“Sappiamo che la microglia viene coinvolta nella malattia di Alzheimer passando a una modalità attivata“, spiega il Dott. Carlo Sala Frigerio. “Eravamo interessati a sapere se l’invecchiamento in presenza o assenza di deposizione beta amiloide avrebbe influenzato questa attivazione.” Sala Frigerio ha lavorato nel laboratorio di De Strooper a Leuven e ha recentemente avviato il proprio gruppo presso il Dementia Research Institute del Regno Unito a Londra.

I ricercatori hanno utilizzato un modello genetico di topo in cui si accumula progressivamente l’amiloide beta, mimando il processo patologico nei pazienti umani. Il team ha analizzato i profili di espressione genica di oltre 10.000 singole cellule di microglia isolate da diverse regioni del cervello di topi maschi e femmine in diversi stadi della malattia.

“Abbiamo scoperto che le risposte microgliali alle beta amiloidi erano complesse, ma potevano essere catalogate essenzialmente in due stati di attivazione principali, gli stessi due stati di attivazione trovati durante il normale invecchiamento, ma in questo caso, l’attivazione è stata più lenta e meno pronunciata”.

Nei topi femmina, la microglia reagiva prima alla beta amiloide, specialmente se i topi erano più vecchi. Risultati simili sono derivati ​​dall’analisi della microglia in un diverso modello di topo di Alzheimer e nel tessuto cerebrale umano.

Target dell’attivazione della microglia

“I nostri dati indicano che i principali fattori di rischio di Alzheimer, come età, sesso e rischio genetico, influenzano la complessa risposta delle microglia alle placche amiloidi nel cervello“, afferma De Strooper. “In altre parole, i diversi fattori di rischio dell’Alzheimer convergono sulla risposta di attivazione della microglia”.

Sia De Strooper che Sala Frigerio credono che la risposta delle singole microglia dipenderà in gran parte dal loro ambiente diretto all’interno del cervello. “Una sfida particolare sarà la dissezione della distribuzione della microglia in diversi stati di attivazione attraverso il cervello: una dissezione così dettagliata potrebbe portare a un intero set di nuovi bersagli farmacologici che potrebbero essere utili per sintonizzare la risposta  della microglia in modo benefico”.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su alzheimer