Home Salute Cervello e sistema nervoso Nel plasma un biomarker per Alzheimer precoce

Nel plasma un biomarker per Alzheimer precoce

Immagine: Public Domain.

La proteina P-tau217 nel plasma ha discriminato l’Alzheimer da altre malattie neurodegenerative in tre coorti selezionate.

Tau fosforilato treonina 217 (P-tau217) si mostra promettente come biomarcatore per la malattia di Alzheimer (AD), secondo uno studio pubblicato online il 28 luglio sul Journal of the American Medical Associazione in concomitanza con l’Alzheimer’s Association International Conference 2020, tenutasi virtualmente dal 27 al 31 luglio.

- Advertisement -

Sebastian Palmqvist, MD, Ph.D., dell’Università di Lund in Svezia e colleghi hanno esaminato P-tau217 come biomarcatore diagnostico nell’AD utilizzando i dati di tre coorti trasversali. La coorte 1 includeva 34 partecipanti con AD e 47 senza AD; la coorte 2 includeva 301 partecipanti non compromessi cognitivamente e 178 pazienti con decadimento cognitivo lieve, 121 con demenza AD e 99 con altre malattie neurodegenerative; e la coorte 3 includeva 365 portatori della mutazione PSEN1 E280A e 257 non portatori della mutazione.

I ricercatori hanno scoperto che la P-tau217 plasmatica antemortem differenziava l’AD neuropatologicamente definita dalla non-AD nella coorte 1 con un’accuratezza significativamente maggiore rispetto alla P-tau181 plasmatica e alla catena leggera dei neurofilamenti (NfL; area sotto la curva [AUC], 0,89 contro 0,50-0,72)Nella coorte 2, l’accuratezza discriminante della P-tau217 plasmatica per l’AD clinico rispetto ad altre malattie neurodegenerative era significativamente più alta rispetto alle misure di P-tau181 plasmatica, NfL plasmatico e risonanza magnetica (AUC, 0,96 contro 0,50-0,81). I livelli plasmatici di P-tau217 erano significativamente maggiori nei portatori della mutazione PSEN1 rispetto ai non portatori nella coorte 3.

Vedi anche: Confermato il legame tra la malattia di Alzheimer e il microbiota intestinale

“Sebbene sia necessario più lavoro per ottimizzare il dosaggio e testarlo su altre persone prima che diventi disponibile in clinica, l’esame del sangue potrebbe diventare particolarmente utile per migliorare il riconoscimento, la diagnosi e la cura delle persone nel contesto dell’assistenza primaria“, a coautore ha detto in una dichiarazione.

- Advertisement -

Fonte:Abstract / Full Text

ULTIMI ARTICOLI

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock. Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il...