Mutazione di due geni responsabile della fibrosi polmonare e accorciamento dei telomeri

fibrosi polmonare

I ricercatori del UT Southwestern Medical Center hanno identificato le mutazioni in due geni che causano cicatrici nella fibrosi polmonare familiare. I ricercatori hanno anche scoperto che queste mutazioni causano eccessivo accorciamento delle estremità dei cromosomi, note come telomeri.

” La fibrosi polmonare idiopatica (o IPF) è una malattia cronica, invalidante e con esito fatale, caratterizzata da un progressivo declino della funzionalità polmonare. Il termine fibrosi polmonare significa cicatrizzazione del tessuto che è la causa del peggioramento della dispnea (mancanza di fiato). Il termine “idiopatica” viene utilizzato poiché la causa della fibrosi polmonare è ancora sconosciuta”.

I telomeri sono sequenze ripetute di DNA che proteggono le estremità dei cromosomi dal deterioramento. A volte sono paragonati alle estremità di plastica di lacci delle scarpe, che proteggono i lacci delle scarpe da sfilacciamento. Insieme, questi geni – PARN e RTEL1 – spiegano circa il 7 per cento di fibrosi polmonare familiare e rafforzano il legame tra la fibrosi polmonare e disfunzione dei telomeri, secondo lo studio, realizzato in collaborazione con il Centro di Yale per l’analisi del genoma.

La ricerca è stata pubblicata on line, su Nature Genetics.

“Anche se RTEL1 era stato precedentemente collegato alla biologia dei telomeri, la nostra scoperta che anche PARN è coinvolto nella regolazione dei telomeri e nella fibrosi polmonare, era del tutto inaspettata”, ha detto l’autore senior, Dr. Christine Kim Garcia, professore associato di Medicina Interna.

Circa 50.000 persone negli Stati Uniti ogni anno, sviluppa la fibrosi polmonare idiopatica, una malattia progressiva che colpisce principalmente gli anziani, secondo la Pulmonary Fibrosis Foundation. Approximately. Circa una persona su 20, ha un parente stretto con la malattia e in questo caso si parla di fibrosi polmonare familiare.

Senza un trapianto di polmone, i pazienti con fibrosi polmonare in genere muoiono entro tre anni dalla diagnosi.

Il gruppo di ricerca ha identificato 99 famiglie che avevano la forma ereditaria della malattia, ma non avevano mutazioni in uno dei geni precedentemente identificati. Utilizzando una tecnica nota come exome sequencing, i ricercatori hanno identificato mutazioni in PARN e RTEL1, nel 12 per cento di queste famiglie. Inoltre, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica chiamata PCR quantitativa (o Real time PCR) per misurare la lunghezza dei telomeri in questi pazienti.

“Abbiamo scoperto che la lunghezza dei telomeri era significativamente più breve in questi pazienti, rispetto ai controlli normali”, ha detto il primo autore dello studio, il Dr. Bridget Stuart, assistente professore di pediatria all’ Eugene McDermott, Centro per la crescita umana e lo sviluppo. ” Questa scoperta implica entrambi i geni nel mantenimento dei telomeri, nonché nello sviluppo della fibrosi polmonare”.  Le nuove scoperte si aggiungono alla precedente ricerca guidata dal dottor Garcia che aveva individuato mutazioni in altri tre geni, collegati alla fibrosi polmonare familiare. Due di questi geni, ter e TERC, come PARN e RTEL1, influenzano la lunghezza dei telomeri. Il terzo, SFTPA2, colpisce una proteina espressa esclusivamente nel liquido che bagna le cellule epiteliali del polmone. Complessivamente, le mutazioni nei cinque geni identificati, rappresentano circa il 25 per cento di tutti i casi di fibrosi polmonare familiare.

“Il nostro obiettivo finale è quello di acquisire una piena comprensione di ciò che provoca la forma genetica di questa malattia in modo da sviluppare  farmaci efficaci”, ha concluso il Dr. Garcia.

Fonte:

Altri articoli su fibrosi polmonare