HomeSaluteIntestino e stomacoMorbo di Crohn: risolto il mistero dell'insorgenza?

Morbo di Crohn: risolto il mistero dell’insorgenza?

(Morbo di Crohn-Immagine: micrografia ad alto ingrandimento del morbo di Crohn. Biopsia dell’esofago. Macchia H&E. Credito: Nephron/Wikipedia).

Un nuovo studio potrebbe aver risolto un mistero che circonda il morbo di Crohn, una malattia infiammatoria intestinale in cui le difese immunitarie, destinate ad attaccare i microbi invasori, prendono invece di mira erroneamente il tratto digestivo del corpo. Il norovirus, che causa un’infezione comune che provoca vomito e diarrea, è uno dei numerosi virus e batteri che si pensa possano scatenare l’insorgenza della malattia nei pazienti con Crohn, ma non si sa ancora perché.

Un indizio è emerso quando studi precedenti hanno scoperto che un certo cambiamento genetico (mutazione) è presente nella maggior parte dei pazienti con questa condizione. Questa mutazione rende le cellule del rivestimento dell’intestino più vulnerabili ai danni. Il mistero si è approfondito di nuovo, tuttavia, quando si è appreso che la metà di tutti gli americani ha la stessa mutazione genetica che conferisce il rischio, ma meno di mezzo milione sviluppa il Crohn.

- Advertisement -

Pubblicato online il 5 ottobre sulla rivista Nature, il nuovo lavoro sui topi e sui tessuti umani ha rivelato per la prima volta che negli individui sani, i difensori immunitari chiamati cellule T secernono una proteina chiamata inibitore dell’apoptosi cinque (API5), che segnala al sistema immunitario di fermare l’attacco alle cellule che rivestono l’intestino. Questa proteina aggiunge un ulteriore livello di protezione contro i danni immunitari, quindi anche le persone con la mutazione possono avere un intestino sano. Tuttavia, i ricercatori hanno anche scoperto che l’infezione da norovirus blocca la secrezione dei linfociti T di API5 nei topi allevati per avere una forma del morbo di Crohn, uccidendo nel processo le cellule del rivestimento intestinale.

Guidato dai ricercatori della NYU Grossman School of Medicine, il lavoro supporta la teoria secondo cui API5 protegge la maggior parte delle persone con la mutazione dalla malattia fino a quando un secondo fattore scatenante, come l’infezione da norovirus, spinge alcuni oltre la soglia della malattia.

In esperimenti incentrati su topi geneticamente modificati per avere la mutazione legata al morbo di Crohn negli esseri umani, i topi che hanno ricevuto un’iniezione di API5 sono sopravvissuti, mentre metà del gruppo non trattato è morto. “Ciò ha confermato l’idea che la proteina protegga le cellule intestinali”, affermano gli autori dello studio. Nel tessuto umano, i ricercatori hanno scoperto che le persone con malattia di Crohn avevano tra cinque e dieci volte meno cellule T che producono API5 nel loro tessuto intestinale rispetto a quelli senza la malattia.

“I nostri risultati offrono nuove informazioni sul ruolo chiave che l’inibitore dell’apoptosi cinque svolge nel morbo di Crohn”, afferma l’autore principale dello studio e gastroenterologo Yu Matsuzawa-Ishimoto, MD, Ph.D. “Questa molecola può fornire un nuovo obiettivo per il trattamento di questa malattia autoimmune cronica, che si è rivelata difficile da gestire a lungo termine”.

- Advertisement -

Matsuzawa-Ishimoto, ricercatore post-dottorato presso la NYU Langone Health, osserva che le attuali terapie, che agiscono sopprimendo il sistema immunitario, mettono i pazienti ad alto rischio di infezione e spesso diventano meno efficaci dopo alcuni anni di utilizzo. “Un metodo di trattamento mirato all’API5″, aggiunge il ricercatore, “potrebbe evitare questi problemi”.

In un’altra serie di esperimenti, i ricercatori hanno creato strutture simili a organi da tessuti raccolti da esseri umani che sono risultati positivi alla mutazione. In particolare, queste strutture erano fatte solo di cellule del rivestimento dell’intestino. Quindi, il team di ricerca ha inserito l’API5 in questi “mini intestini” e ha scoperto che questo trattamento proteggeva le cellule del rivestimento dell’intestino. Inoltre, l’aggiunta di cellule T che producono API5 ha protetto anche il rivestimento intestinale.

Vedi anche:Morbo di Crhon: identificate nuove varianti genetiche coinvolte

“I risultati della nostra indagine aiutano a spiegare perché i legami genetici con il Crohn sono molto più ampi del numero effettivo di persone che hanno la malattia”, afferma il co-autore senior dello studio e biochimico Shohei Koide, Ph.D. Koide è Professore presso il Dipartimento di Biochimica e Farmacologia Molecolare della NYU Langone ed è membro del suo Perlmutter Cancer Center.

“Il nostro studio suggerisce che quando il norovirus infetta le persone con una capacità indebolita di produrre l’inibitore dell’apoptosi cinque, fa pendere l’equilibrio verso una malattia autoimmune conclamata“, aggiunge il co-autore senior dello studio e microbiologo Ken Cadwell, Ph.D., il Recanati Professore di microbiologia presso la NYU Langone.

Cadwell avverte che mentre gli autori dello studio hanno derivato la proteina API5 dal tessuto umano piuttosto che dai roditori, non è ancora chiaro se il trattamento possa essere somministrato in sicurezza nell’uomo.

Il team di ricerca prevede quindi di esplorare gli effetti a lungo termine delle iniezioni di API5 per capire meglio se il potenziale trattamento può gestire efficacemente la malattia di Crohn.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...