Migliore accesso alle cure per i pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto

sindrome da distress respiratorio acuto

I numeri sono tristi: tra i 200.000 americani con diagnosi di sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) ogni anno, dal 30 al 50 per cento morirà. Ma i ricercatori clinici della divisione di Medicina polmonare, terapia intensiva e medicina ambientale dell’Università del Missouri hanno identificato un’opzione di trattamento meno invasiva per i pazienti con funzionalità polmonare gravemente compromessa.

“Trattare i pazienti con ARDS è storicamente difficile”, ha detto Hariharan Regunath, Assistente Professore di medicina clinica presso la MU School of Medicine e Direttore medico dell’Unità di cura progressiva dell’Ospedale universitario. “Questi pazienti tendono ad essere già molto malati e la natura degli interventi attuali è massacrante”, ha affermato la ricercatrice.

In uno studio che comprendeva 15 pazienti, Regunath e il suo team sono stati in grado di utilizzare volumi di ventilazione a pressione più bassa rispetto a quella standard – 6 ml per chilogrammo del peso del paziente – in alcuni casi fino a 2 ml / kg. I ricercatori hanno indicato questa opzione come “ventilazione meccanica ultraprotettiva“, in quanto crea meno rischi per le lesioni tipiche dei polmoni come l’iperinflazione e il barotrauma.

Regunath ha notato che questa strategia è significativa perché i pazienti non hanno richiesto la rimozione extracorporea del biossido di carbonio o ECCO2R, che rimuove la CO2 prodotta dal corpo umano usando un dispositivo comunemente chiamato ECMO (ossigenazione della membrana extracorporea). Lo scambio di gas è importante, in quanto il sangue del paziente può diventare acido se si aumenta l’eccesso di anidride carbonica. Tuttavia, molte strutture di riferimento negli Stati Uniti e in tutto il mondo non hanno in casa le attrezzature ECMO o le competenze per l’ECCO2R.

I pazienti di Regunath hanno osservato solo livelli di anidride carbonica leggermente elevati nonostante non usassero ECCO2R e il tasso di mortalità per questi pazienti non è aumentato.

“I risultati di questo studio preliminare evidenziano due punti importanti”, ha affermato Regunath. “Uno, ospedali più piccoli e ospedali di riferimento nelle aree rurali che si occupano di pazienti ARDS malati potrebbero essere in grado di continuare a trattare i pazienti nelle loro case piuttosto che trasportarli in ospedali lontani per l’ECCO2R. Due, i pazienti che già stanno lottando per riprendersi da gravi malattie come l’ARDS potrebbero non dover essere sottoposti a trattamenti invasivi come l’ECCO2R”.

Oltre a Regunath, allo studio hanno partecipato Mohammed Alnijoumi, Troy Whitacre e Jonathan Collins.

Gli autori dello studio non hanno dichiarato potenziali conflitti di interesse rispetto alla ricerca, all’autorizzazione e / o alla pubblicazione di questo articolo e non hanno ricevuto alcun sostegno finanziario per la ricerca. Lo studio “Ventilazione meccanica ultraprotettiva senza rimozione di biossido di carbonio extra-corporeo per la sindrome da distress respiratorio acuto” è stato recentemente pubblicato sul Journal of the Intensive Care Society.

Fonte: Journal of the Intensive Care Society

Altri articoli su sindrome da distress respiratorio acuto