Metaboliti alterati nella malattia renale cronica

malattia renale cronica

La malattia renale cronica (CKD) colpisce 1 su 7 persone negli Stati Uniti, secondo l’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali (NIDDK). Queste persone hanno un rischio molto elevato di malattie cardiovascolari e alcune di esse progrediscono verso l’insufficienza renale che richiede dialisi o trapianto.

Esistono ad oggi, poche opzioni per trattare queste coindizioni e poche importanti scoperte sono state fatte negli ultimi 30 anni. Più di 660.000 americani soffrono di insufficienza renale, secondo il NIDDK.

( Vedi anche:Un peptide nel veleno del mamba verde riduce i sintomi della malattia renale).

Un nuovo studio, a cui hanno partecipato ricercatori norvegesi, l’Università di Washington, l’Università della California di San Diego e l’Università del Texas Health Science Center di San Antonio (ora UT Health San Antonio), ha scoperto che decine di piccole molecole chiamate metaboliti sono alterate in questa malattia. “Abbiamo analizzato queste piccole molecole nel sangue e nelle urine di pazienti non diabetici con malattia renale cronica e abbiamo confrontato i risultati con campioni ottenuti da un gruppo di individui sani”, ha detto Stein Hallan, primo autore dello studio pubblicato su EBioMedicine. “È importante sottolineare che il nostro studio ha identificato un gruppo di molecole chiamate metaboliti del ciclo dell’acido tri-carbossilico (TCA) che sono significativamente influenzate nella malattia renale cronica “.

Malattia renale cronica, affaticamento e metabolismo

“Il ciclo TCA è un processo in cui le molecole di combustibile vengono convertite in energia. Questa attività si verifica nei mitocondri, i centri energetici di tutti i tipi di cellule. Il fatto che il ciclo TCA abbia un impatto significativo nella malattia renale cronica supporta la visione della malattia renale cronica come uno stato di disfunzione mitocondriale“, ha detto il co-autore dello studio Kumar Sharma, capo della nefrologia e Direttore fondatore del Center for Renal Precision Medicina presso la UT Health San Antonio.

“In genere, i pazienti con stadi più avanzati di malattia renale cronica soffrono di affaticamento grave e molti altri organi (muscoli, cervello, intestino e altri) non funzionano bene”, ha detto il Dr. Hallan. “Il quadro clinico indica che esiste un difetto di base generale nella funzione mitocondriale di questi pazienti”.

Il Dr. Hallan è stato un collaboratore attivo della Dott.ssa Sharma.

Questa scoperta si basa sul lavoro precedente del gruppo Sharma. Dal 2013, quando il team era alla UC San Diego, i ricercatori hanno pubblicato diversi documenti di ricerca a sostegno del fatto che la disfunzione mitocondriale è un meccanismo importante nel diabete e altri tipi di malattie renali .

Il nuovo studio ha anche scoperto che nei pazienti con insufficienza renale cronica, l’espressione dei geni che regolano il ciclo TCA era significativamente ridotta rispetto agli individui sani.

Indizi molecolari e terapie per malattie renali

I ricercatori sperano che una nuova terapia rivoluzionaria possa emergere da queste intuizioni.

“Questo è certamente il nostro obiettivo”, ha detto la Dr.ssa Sharma. “La metabolomica, l’analisi di piccole molecole in campioni biologici, ha rivelato numerose anomalie nel sangue dei pazienti uremici, i cui reni non sono in grado di eliminare i rifiuti prodotti dall’organismo. Ulteriori esplorazioni del ciclo TCA, utilizzando la metabolomica, possono identificare nuovi bersagli terapeutici per la malattia renale cronica e aiutarci a valutare gli effetti di interventi promettenti “.

Il Centro di Medicina di Precisione Renale alla UT Health San Antonio ha contribuito al lavoro e lo svilupperà in studi futuri. Il progetto Kidney Precision Medicine, che è finanziato dal National Institutes of Health nei centri tra cui UT Health San Antonio e The University of Texas System STARs Program, farà parte della ricerca in corso.

Fonte: EBioMedicine


Altri articoli su malattia renale cronica