Home Salute Tumori Medulloblastoma: terapia protonica più efficace e sicura della radioterapia standard

Medulloblastoma: terapia protonica più efficace e sicura della radioterapia standard

Un nuovo studio ha rivelato che la terapia protonica, che utilizza protoni anzichè fotoni o raggi X, è più efficace nel trattamento del medulloblastoma nei bambini e causa meno effetti collaterali a lungo termine della radioterapia standard.

La ricerca è stata condotta dal Massachusetts General Hospital (MGH) di Boston e pubblicata su The Lancet Oncology.

Torunn Yock – Direttore di oncologia pediatrica al  MGH e Professore associato di oncologia presso la Harvard Medical School di Boston, MA – dice:

“I nostri risultati indicano che la terapia protonica ottiene ottimi tassi di guarigione nel medulloblastoma pediatrico, riducendo gli effetti collaterali a lungo termine, in particolare sull’udito, funzione neurocognitiva, sul cuore, polmoni, apparato gastrointestinale e riproduttivo”.

Il medulloblastoma è un tumore del  cervello in rapida crescita che si verifica soprattutto nei bambini e rappresenta il 18% dei tumori cerebrali infantili. Si sviluppa nel cervelletto, alla base del cervello.

Nella maggior parte dei casi, il medulloblastoma può essere trattato con successo con una combinazione di chirurgia, chemioterapia e radioterapia, ma a causa della sua posizione nel cervello, il trattamento spesso provoca effetti collaterali a lungo termine.

Meno danni collaterali ai tessuti sani

L’obiettivo della radioterapia è quello di uccidere tutte le cellule maligne per eliminare il tumore e fermare la sua crescita. La radioterapia convenzionale che utilizza fotoni o raggi X, provoca gravi danni collaterali perché le radiazioni, anche se è dirette al tumore, si  diffondono anche al tessuto circostante.

Tali danni fanno una grande differenza a seconda del tessuto che colpiscono: se colpiscono una zona in cui vi è abbondanza di tessuto, la  perdita non altera ovviamente, la funzione circostante. Ma nel caso del cervello – in particolare nel cervello di un bambino – ogni piccolo pezzo di tessuto sano colpito dalle radiazioni, danneggia funzioni importanti.

La terapia protonica – noto anche come terapia del fascio di protoni – utilizza un fascio di protoni, con cui è possibile confinare più precisamente le radiazioni nel tumore. Il risultato è una probabilità molto più piccola di uccidere il tessuto sano circostante.

Il seguente video da IBA – un’azienda che produce dispositivi medici per trattamento del cancro, spiega come funziona la terapia del fascio di protoni:

 

Il Prof. Yock spiega che, anche se la terapia protonica non è ancora ampiamente disponibile negli Stati Uniti e in altri paesi, sempre più medici apprezzano il suo potenziale per ridurre gli effetti collaterali del trattamento, in particolare nei bambini, e in “centri di esperienza”,  noti, ” la terapia protonica ha una comprovata esperienza di successo del trattamento e sicurezza “.

Tuttavia, mentre la terapia protonica è apprezzata perché sembra ridurre gli effetti collaterali negativi, gli autori fanno notare che nessuna ricerca ha effettivamente fatto un lungo periodo di follow-up dei bambini trattati con la terapia protonica per il medulloblastoma.

Così, per la nuova  ricerca, il team ha arruolato 59 pazienti di età media 6/5 ​​anni  che erano stati sottoposti a terapia protonica per il trattamento del medulloblastoma al MGH, fra 2003-2009, dopo l’intervento chirurgico per rimuovere il tumore. Tutti i pazienti avevano anche ricevuto chemioterapia prima, durante o dopo la terapia protonica.

All’inizio dello studio e durante le visite di follow-up, i ricercatori hanno misurato l’udito dei pazienti, la funzione mentale, i livelli ormonali, altezza e peso. Tredici pazienti sono deceduti nel corso del follow-up, durato fino a 8 anni.

I tassi di sopravvivenza simili, ma gli effetti collaterali ridotti

Quando hanno analizzato i risultati, i ricercatori hanno scoperto che i tassi di sopravvivenza e l’incidenza e il tipo di recidiva tumorale per i pazienti trattati con la terapia protonica erano simili a quelli riportati nei pazienti trattati con la radioterapia con fotoni, in altri studi.

Tuttavia, vi sono state riduzioni degli effetti collaterali. Ad esempio, 3 anni dopo il trattamento, il 12% dei pazienti ha avuto significativa perdita di udito e questa percentuale è aumentata al 16% a 5 anni, rispetto al 25% registrato negli studi che utilizzano radioterapia con  fotoni.

L’impatto della terapia protonica su alcune funzioni mentali – come comprensione verbale e la velocità di elaborazione – era meno grave di quello riportato con la radioterapia con fotoni.

Effetti sui livelli ormonali erano paragonabili a quelli riportati con la terapia con fotoni, con il 63% dei pazienti che hanno mostrato un deficit di ormoni 7 anni dopo il trattamento.

Ma un risultato significativo è l’assenza di effetti cardiaci, polmonari, intestinali e tumorali secondari nei pazienti trattati con la terapia protonica. Tutti questi effetti indesiderati sono stati riportati in studi che hanno utilizzato la terapia con fotoni.

Gli autori concludono che, poiché i loro risultati mostrano che la radioterapia protonica ha “tossicità accettabile” e ha ottenuto risultati di sopravvivenza simili alla radioterapia convenzionale, potrebbe essere un’alternativa ai trattamenti basati sui fotoni.

Il team sta ora studiando le differenze di qualità della vita tra il trattamento con protoni e il trattamento con fotoni, ma il prof Yock dice tuttavia:

“Credo davvero che – in particolare per i più piccoli – la capacità di offrire loro la terapia protonica può fare una grande differenza nella qualità della loro vita”.

Fonte: http://www.thelancet.com/journals/lanonc/article/PIIS1470-2045(15)00167-9/abstract


ULTIMI ARTICOLI

Confermata la trasmissione da uomo a gatto di SARS-CoV-2

Immagine: polmone di un gatto infettato da SARS CoV-2; un segnale positivo per la proteina nucleocapside (segnale verde) è stato rilevato all'interno del citoplasma dell'epitelio...

COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perchè?

Immagine:Public Domain. COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perché? L'età e le condizioni di salute sottostanti sono fattori di rischio, ma gli scienziati...

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...