HomeSaluteSistema ImmunitarioMalattie autoimmuni e allergie: scoperto meccanismo genetico

Malattie autoimmuni e allergie: scoperto meccanismo genetico

(Malattie autoimmuni-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico).

Un team internazionale guidato da un medico della Karl Landsteiner University for Health Sciences, Krems, descrive per la prima volta una mutazione del gene IL-33 nel genoma umano che provoca molteplici manifestazioni di malattie allergiche e malattie autoimmuni.

Infiammazione della pelle e dell’esofago, allergia alimentare e l’asma sono solo alcuni dei sintomi di un ragazzo di 12 anni che è stato il primo paziente in cui è stata identificata una mutazione sul gene IL-33. Un team internazionale guidato da un medico della Karl Landsteiner University for Health Sciences, Krems, ha scoperto questa nuova entità patologica. La descrizione di questo singolo caso fornisce approfondimenti completamente nuovi sulle funzioni in vivo di IL-33 che è considerato un regolatore centrale a monte delle risposte immunitarie umane. Finora, gli studi sulla sua funzione erano limitati a modelli cellulari o derivati in vitro​​dall’uomo e da animali. Questa scoperta di una sovraespressione di IL-33 negli esseri umani aiuta ad acquisire nuove conoscenze sulle conseguenze della sua disregolazione negli esseri umani. Allo stesso tempo, apre anche potenziali opzioni terapeutiche per i pazienti affetti.

- Advertisement -

La risposta immunitaria di tipo 2 del corpo umano serve a difendersi da agenti patogeni più grandi, ma rappresenta anche il segno distintivo dell’infiammazione allergica. L’interleuchina 33 (IL-33), una cosiddetta “alarmin” per il suo rilascio in seguito a danno cellulare, svolge un ruolo centrale nell’inizio e nella regolazione dell’infiammazione allergica. I modelli animali in cui la sua produzione è geneticamente sovra o sottoregolata hanno contribuito alla comprensione e suggerito funzioni oltre l’infiammazione allergica, ma consentono solo una visione limitata delle condizioni negli esseri umani. I sintomi della malattia di un paziente con un gene IL-33 duplicato ora forniscono tale intuizione per la prima volta.

Un team internazionale dell’Ospedale per bambini guidato dal Prof. Thomas Eiwegger della Karl Landsteiner Private University for Health Sciences Krems (KL Krems) è riuscito a formulare la diagnosi e a fornire la prima descrizione. “Uno dei sintomi più eclatanti del paziente è l’infiammazione cronica dell’esofago, un’esofagite eosinofila, nonché i cambiamenti infiammatori cronici della pelle“, spiega il Prof. Thomas Eiwegger, recentemente diventato capo del Dipartimento di Pediatria e Medicina dell’Adolescenza presso l’Ospedale universitario St. Pölten, che fa parte del KL Krems.

Pertanto, nel paziente sono stati trovati un numero elevato di granulociti eosinofili (ipereosinofilia), livelli elevati di anticorpi IgE e ricorrenti infiammazioni cutanee dominate dagli eosinofili. Secondo il Prof. Eiwegger: “Soprattutto le reazioni cutanee e l’infiammazione dell’esofago confermano il ruolo centrale dell’IL-33 nelle reazioni immunitarie di tipo 2 nei tessuti esposti all’ambiente esterno”. Inoltre, le allergie alimentari e l’asma, così come le complicanze infiammatorie del tratto gastrointestinale più ampio, si manifestano anche in termini di risposta autoimmune.

Vedi anche:Malattie autoimmuni: esplorare le radici regolatorie

- Advertisement -

Numerose indagini nello studio, ora pubblicato su Gastroenterology, sono state condotte presso l’Hospital for Sick Children di Toronto, in Canada, in collaborazione con l’Università locale. Oltre ai sintomi infiammatori, sono state registrate anche anomalie fisiche del paziente. Queste includono alterazioni delle ossa craniche, della mascella e del viso, nonché aumento di peso ritardato e crescita in lunghezza con ipermobilità delle articolazioni, miopia e un moderato ritardo dello sviluppo. Per il Prof. Eiwegger, queste sono indicazioni del ruolo pleiotropico dell’IL-33 oltre la classica infiammazione di tipo 2.

Più gene, più citochine

La misura in cui questa duplicazione genica ha influenzato la concentrazione effettiva della citochina IL-33 nel sangue e in vari tessuti è stata molto interessante. Sebbene non vi sia stato alcun aumento di IL-33 nel sangue, vi sono stati aumenti significativi nei tessuti del tratto gastrointestinale e nella pelle. “Anche le diverse localizzazioni subcellulari di IL-33 in diversi tessuti erano sorprendenti”, osserva il Prof. Eiwegger. Il team suggerisce che questi risultati mostrano quanto strettamente IL-33 sia regolato a livello locale e punta a nuove spiegazioni per i modelli di malattia tessuto-specifica del paziente che potrebbero essere fondamentali per terapie mirate per malattie in cui IL-33 svolge un ruolo.

Gli anticorpi monoclonali che legano e rimuovono l’IL-33 vengono studiati come opzioni terapeutiche in studi di fase 2 per il trattamento dell’asma, della dermatite atopica e delle allergie alimentari, un’opzione che il team considera anche degna di essere valutata in questo studio. Pertanto, questa ricerca esemplifica la moderna medicina di precisione in cui la scienza di base ha un impatto diretto sul processo decisionale clinico.

Fonte:Gastroenterology

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...