Malattia X: una malattia sconosciuta che potrebbe richiedere milioni di vite

Malattia x

Soprannominata “malattia X”, gli scienziati ritengono che una futura epidemia del virus dell’influenza potrebbe causare milioni di morti in tutto il mondo, imitando gli effetti dell’influenza spagnola del 1918.

Con il commercio globalizzato, l’aumento della connettività tra i paesi e un numero più elevato di persone che viaggiano frequentemente, grandi epidemie di malattie infettive stanno “diventando inevitabili”, si legge in una brochure sulla progettazione e lo sviluppo (R & S).

Il piano di R & S è un “piano globale di preparazione e strategia” che mira a rendere rapidamente disponibili test, vaccini e medicinali durante le epidemie per evitare una crisi su vasta scala.

Il progetto è iniziato dopo che l’epidemia di Ebola ha insegnato all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che “[…] dobbiamo promuovere il nuovo sviluppo di nuovi prodotti medici per rilevare, prevenire e curare le malattie infettive con potenziale epidemico”.

Nel maggio 2015, 194 Stati membri hanno chiesto all’Organizzazione mondiale della sanità di riunire una rete di esperti per ideare il piano di ricerca e sviluppo per prevenire e controllare epidemie epidemiche.

La Revisione annuale 2018 del Piano identifica le malattie e i patogeni che dovrebbero essere prioritari per la ricerca.

In primo luogo, assemblato nel 2015 e rivisto nel 2017, l’elenco evidenzia le malattie che hanno contromisure insufficienti, alcune delle quali non hanno alcuna contromisura in atto. Si ritiene che tali malattie rappresentino un rischio significativo per la salute pubblica.

Recentemente rivisto per il 2018, l’elenco evidenzia le seguenti malattie che richiedono ricerca e sviluppo urgenti. È importante notare che le malattie non sono classificate in base all’urgenza, né è un elenco esaustivo delle malattie evidenziate per la ricerca e lo sviluppo.

  • Febbre emorragica della Congo-Crimea (CCHF)
  • Malattia del virus Ebola e malattia del virus Marburg
  • Febbre di Lassa
  • Sindrome respiratoria del Medio Oriente coronavirus (MERS-CoV) e sindrome respiratoria acuta grave (SARS)
  • Malattie di Nipah e di henipaviral
  • Rift Valley fever (RVF)
  • Zika
  • Malattia X.

La malattia X rappresenta la consapevolezza che una grave epidemia internazionale potrebbe essere causata da un agente patogeno attualmente sconosciuto a causare malattie umane. “

Organizzazione mondiale della sanità

Attualmente non esiste una malattia chiamata malattia X. Tuttavia, il precedente per gli effetti della malattia X è stabilito con l’influenza spagnola nel 1918, una pandemia influenzale che ha causato la morte del 5% della popolazione mondiale.

Si pensa che se la malattia X rispecchia le pandemie del passato, potrebbe lasciare individui sani con il sistema immunitario più forte, più a rischio.

Si ritiene che l’influenza spagnola abbia causato “tempeste di citochine” nei pazienti a causa del sistema immunitario che attacca sé stesso. Tali eventi si verificano quando il sistema immunitario del corpo produce una quantità schiacciante di segnali contraddittori che alla fine si rivelano fatali.

Lo studio ”  “Pandemic Versus Epidemic Influenza Mortality: a pattern of changing age distribution” ” afferma che il maggior numero di decessi è stato osservato in modo insolito nelle persone di età inferiore ai 65 anni, con le conclusioni che il sistema immunitario più forte è stato più è vulnerabile all’influenza spagnola.

Una teoria diversa è che le generazioni più anziane, al momento della pandemia influenzale spagnola del 1918, svilupparono una maggiore resistenza alle infezioni influenzali attraverso l’esposizione ad altri ceppi e, in quanto tali, erano più protette rispetto ai loro coetanei più giovani.

Confrontando tre focolai di influenza A nel 1918, 1957 e 1968, lo studio “Pandemia versus epidemia” mostra che le proporzioni erano maggiori tra le popolazioni più giovani, ma le morti tra i più giovani “rappresentavano proporzioni decrescenti di decessi durante la prima decade successiva ogni pandemia “.

Prosegue suggerendo che “l’ampia percentuale di decessi correlati all’influenza durante ogni pandemia e il decennio successivo tra le persone con meno di 65 anni dovrebbe essere presa in considerazione nella pianificazione delle pandemie”.

I virus dell’influenza mutano estremamente rapidamente e alcuni ceppi possono essere trasmessi tra animali e umani, il che significa che prevedere o individuare i focolai può essere difficile.

Nel 2015, l’OMS ha registrato 212 casi di influenza aviaria A (H7N9) che hanno causato la morte di 571 casi confermati dal laboratorio. Mentre l’influenza aviaria A (H7N9) non trasmette bene agli esseri umani, il Dott. Jonathan Quick ha detto che i focolai possono essere resi più pericolosi attraverso il contatto da persona a persona:

La nostra più grande paura è essere accecati da un nuovo virus, molto probabilmente a causa dello spillover umano-animale, che poi si diffonde facilmente da uomo a uomo. Ha un tasso di mortalità del 5-10%, non risponde ai farmaci esistenti e un vaccino efficace e un accurato test diagnostico non possono essere sviluppati rapidamente “, dice Jonathon Quick, Presidente del Global Health Council

Sperando che possiamo affrontare un’epidemia di una malattia sconosciuta in modo più efficace in futuro e salvare innumerevoli vite umane, il consulente scientifico dell’OMS Rottingen afferma che “la storia ci dice che è probabile che il prossimo grande focolaio sarà qualcosa che non abbiamo mai visto prima, e che “il punto è assicurarsi di preparare e pianificare in modo flessibile in termini di vaccini e test diagnostici”.

Fonte, WHO