HomeReniMalattia renale avanzata: Dapagliflozin è efficace e sicuro

Malattia renale avanzata: Dapagliflozin è efficace e sicuro

 (Malattia renale-Immagine- Credit- Public Domain).

Nello studio randomizzato controllato con placebo Dapagliflozin And Prevention of Adverse Outcomes in Chronic Kidney Disease (DAPA-CKD), l’inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio 2 Dapagliflozin ha ridotto significativamente il rischio di insufficienza renale e prolungato la sopravvivenza nei pazienti con CKD con o senza diabete di tipo 2.

Gli studi hanno dimostrato che i farmaci per il diabete chiamati inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio 2 (SGLT2) possono fornire benefici a livello renale e cardiovascolare a individui con o senza diabete e con o senza funzionalità renale compromessa. Un’analisi che appare in un prossimo numero di JASN fornisce ora approfondimenti sull’efficacia e la sicurezza degli inibitori SGLT2 nelle persone con malattia renale cronica avanzata (CKD), una popolazione particolarmente vulnerabile.

- Advertisement -

Per l’analisi, Glenn M. Chertow, MD, MPH (Stanford University School of Medicine) e i suoi colleghi hanno esaminato i dati dello studio Dapagliflozin And Prevention of Adverse Outcomes in Chronic Kidney Disease (DAPA-CKD) che ha arruolato pazienti con e senza diabete di tipo 2 e con funzionalità renale da lievemente ridotta a gravemente ridotta (CKD di stadio 4).

Nello studio  DAPA-CKD, 624 su 4.304 (14%) pazienti avevano una funzionalità renale CKD di stadio 4, con una velocità di filtrazione glomerulare stimata (eGFR), una misura della funzione renale, a partire da 25 ml/min/1,73 m 2 – all’inizio del lo studio. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere trattamenti giornalieri dell’inibitore SGLT2 Dapagliflozin o placebo. Tra i pazienti con insufficienza renale cronica di stadio 4, quelli randomizzati a ricevere Dapagliflozin hanno sperimentato una riduzione del 27% dell’endpoint primario (un composito di un prolungato e ampio declino della funzione renale, insufficienza renale o morte) e riduzioni del 29%, 17% e 32% negli endpoint renali, cardiovascolari e di mortalità, rispettivamente, rispetto a quelli randomizzati al placebo. I tassi di effetti collaterali gravi erano simili nei due gruppi.

Vedi anche:Malattia renale cronica: un enzima potrebbe aiutare milioni di persone

“Questa analisi mostra che gli effetti di Dapagliflozin nei pazienti con insufficienza renale cronica di stadio 4 sono simili agli effetti nei pazienti con insufficienza renale cronica da lieve a moderata”, ha affermato il Dott. Chertow. “ Pertanto, un farmaco inizialmente sviluppato per il trattamento del diabete può giovare ai pazienti con insufficienza renale cronica con e senza diabete, compresi i pazienti con insufficienza renale cronica da moderata a avanzata”.

- Advertisement -

Fonte:Journal of the American Society of Nephrology

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...