HomeReniMalattia renale avanzata: Dapagliflozin è efficace e sicuro

Malattia renale avanzata: Dapagliflozin è efficace e sicuro

 (Malattia renale-Immagine- Credit- Public Domain).

Nello studio randomizzato controllato con placebo Dapagliflozin And Prevention of Adverse Outcomes in Chronic Kidney Disease (DAPA-CKD), l’inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio 2 Dapagliflozin ha ridotto significativamente il rischio di insufficienza renale e prolungato la sopravvivenza nei pazienti con CKD con o senza diabete di tipo 2.

Gli studi hanno dimostrato che i farmaci per il diabete chiamati inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio 2 (SGLT2) possono fornire benefici a livello renale e cardiovascolare a individui con o senza diabete e con o senza funzionalità renale compromessa. Un’analisi che appare in un prossimo numero di JASN fornisce ora approfondimenti sull’efficacia e la sicurezza degli inibitori SGLT2 nelle persone con malattia renale cronica avanzata (CKD), una popolazione particolarmente vulnerabile.

- Advertisement -

Per l’analisi, Glenn M. Chertow, MD, MPH (Stanford University School of Medicine) e i suoi colleghi hanno esaminato i dati dello studio Dapagliflozin And Prevention of Adverse Outcomes in Chronic Kidney Disease (DAPA-CKD) che ha arruolato pazienti con e senza diabete di tipo 2 e con funzionalità renale da lievemente ridotta a gravemente ridotta (CKD di stadio 4).

Nello studio  DAPA-CKD, 624 su 4.304 (14%) pazienti avevano una funzionalità renale CKD di stadio 4, con una velocità di filtrazione glomerulare stimata (eGFR), una misura della funzione renale, a partire da 25 ml/min/1,73 m 2 – all’inizio del lo studio. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere trattamenti giornalieri dell’inibitore SGLT2 Dapagliflozin o placebo. Tra i pazienti con insufficienza renale cronica di stadio 4, quelli randomizzati a ricevere Dapagliflozin hanno sperimentato una riduzione del 27% dell’endpoint primario (un composito di un prolungato e ampio declino della funzione renale, insufficienza renale o morte) e riduzioni del 29%, 17% e 32% negli endpoint renali, cardiovascolari e di mortalità, rispettivamente, rispetto a quelli randomizzati al placebo. I tassi di effetti collaterali gravi erano simili nei due gruppi.

Vedi anche:Malattia renale cronica: un enzima potrebbe aiutare milioni di persone

“Questa analisi mostra che gli effetti di Dapagliflozin nei pazienti con insufficienza renale cronica di stadio 4 sono simili agli effetti nei pazienti con insufficienza renale cronica da lieve a moderata”, ha affermato il Dott. Chertow. “ Pertanto, un farmaco inizialmente sviluppato per il trattamento del diabete può giovare ai pazienti con insufficienza renale cronica con e senza diabete, compresi i pazienti con insufficienza renale cronica da moderata a avanzata”.

- Advertisement -

Fonte:Journal of the American Society of Nephrology

ULTIMI ARTICOLI

Immunoterapia: riprogrammare l’immunità anticancro

Immunoterapia-Immagine Credit Public Domain. Asgard Therapeutics sta portando avanti l'immunoterapia del cancro con una piattaforma di riprogrammazione cellulare diretta, pronta all'uso, che trasforma le cellule...

Nutrigenomica: ciò che mangi può riprogrammare i tuoi geni

Nutrigenomica-Immagine Credit Public Domain. Le persone in genere pensano al cibo come calorie, energia e sostentamento. Tuttavia, le ultime prove suggeriscono che il cibo "parla" anche...

La carenza di vitamina B12 può avere gravi conseguenze

Vitamina B12-Immagine Credit Public Domain. La vitamina B12 è scarsa nella dieta e si trova solo negli alimenti di origine animale. Fortunatamente, gli esseri umani hanno...

“Mangiare un arcobaleno” di frutta e verdura: i benefici di ogni colore

I nutrizionisti ti diranno di mangiare un "arcobaleno di frutta e verdura". Ogni colore indica diversi nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno. I nutrienti...

L’emicrania causa cambiamenti cerebrali

Emicrania-Immagine Credit Public Domain. Un nuovo studio di neuroimaging identifica i malati di emicrania che hanno spazi perivascolari allargati in una regione del cervello chiamata...