Malattia di Huntington: l’instabilità genetica nelle cellule cerebrali possibile causa

malattia di Huntington

La malattia di Huntington è innescata dall’instabilità genetica di una particolare sequenza di DNA nelle cellule cerebrali, secondo un nuovo studio su questo disturbo neurodegenerativo letale.

Se confermato, lo studio potrebbe portare a nuovi metodi per prevenire l’insorgenza della malattia e potrebbe anche comportare una previsione più accurata di quando i portatori sani inizieranno a mostrare i sintomi.

Lo studio appare in un momento in cui la speranza di un trattamento efficace è alle stelle. Ionis Pharmaceuticals ha sviluppato un farmaco che riduce la produzione di una proteina mutante che si ritiene causi la malattia. Ora è in fase di test nei pazienti di Huntington dal colosso svizzero  Roche.

La Huntington è causata da una mutazione in un gene che produce una proteina chiamata huntingtina.

I sintomi emergono gradualmente, inclusi disturbi del movimento, sbalzi d’umore e perdita della funzione cognitiva. 

Anche l’età di insorgenza varia ed è legata alla gravità della mutazione: una ripetizione di tre lettere del DNA chiamate CAG.

Si supponeva che questa mutazione fosse statica, producendo un huntingtina alterata che causava gradualmente danni. Tuttavia, lo studio ha trovato prove che un aumento della durata della mutazione durante la vita del paziente determina il tempo di insorgenza. Quando viene superata una soglia di CAG consecutivi, la malattia inizia a manifestarsi.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che l’età di esordio è influenzata da almeno sei geni che mantengono e riparano il DNA. Questi geni forniscono nuovi obiettivi per le terapie.

Lo studio è stato pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Cell e si basa sui dati ottenuti da oltre 9000 persone con la malattia di Huntington.

Vedi anche, Scoperto nuovo meccanismo responsabile della malattia di Huntington.

“Lo studio suggerisce che se il farmaco Ionis funziona, dovrebbe essere somministrato il prima possibile, prima che si manifestino i sintomi”, ha detto il ricercatore James Gusella, un leader dello studio presso il Massachusetts General Hospital.

Gusella ha affermato che altre malattie sono causate da queste ripetizioni CAG in altri geni. Quindi, se il gene della huntingtina mutante potesse essere stabilizzato con un farmaco, un tale approccio potrebbe fornire un trattamento universale per tutte queste malattie.

I portatori di Huntington con abbastanza ripetizioni CAG per innescare la malattia, sanno che alla fine si ammaleranno. Ma le stime basate sulle ripetizioni sono talvolta imprecise, portando le persone a sviluppare sintomi prima o dopo del previsto.

“Migliorare queste stime sarebbe di grande utilità sia per i medici che per i pazienti”, ha affermato Rocio Gomez-Pastor, neuroscienziato e ricercatore presso l’Università del Minnesota.

Don W. Cleveland, ricercatore dell’Università di California, a San Diego, il cui lavoro ha portato allo sviluppo del farmaco Ionis, ha affermato che è possibile sviluppare farmaci per stabilizzare il genoma dei neuroni colpiti.

“Ma per essere efficaci, quei potenziali trattamenti dovrebbero probabilmente essere applicati prima dell’inizio della malattia”, ha detto Cleveland. “Lo studio rafforza anche la promessa di efficacia del farmaco Ionis / Roche ora in fase di sperimentazione”.

Lo studio è stato finanziato dalla Fondazione CHDI, dal National Institutes of Health e dalla UK Medical Research Council.

Fonte, SDBN


Altri articoli su malattia di Huntington