HomeSaluteFegatoMalattia del fegato grasso: coinvolti gli ormoni intestinali

Malattia del fegato grasso: coinvolti gli ormoni intestinali

Immagine:Malattia del fegato grasso. Professore dell’Illinois Jongsook Kim Kemper. Credito: L. Brian Stauffer.

Gli ormoni intestinali sono considerati tra i responsabili della malattia del fegato grasso secondo un nuovo studio dell’Università dell’Illinois Urbana-Champaign.

Gli ormoni intestinali svolgono un ruolo importante nella regolazione della produzione di grasso nel corpo. Un ormone chiave, rilasciato poche ore dopo aver mangiato, spegne la produzione di grasso regolando l’espressione genica nel fegato, ma questa regolazione è anormale nell’obesità.

- Advertisement -

Lo studio, condotto dal Professore di fisiologia molecolare e integrativa Jongsook Kim Kemper e dal ricercatore Young-Chae Kim, è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Dopo aver mangiato, il pancreas produce insulina, che induce il fegato a convertire gli alimenti digeriti in grasso per la conservazione in un processo noto come lipogenesi. Poche ore dopo, quando il corpo inizia la transizione alla modalità di digiuno, il fegato rallenta la produzione di grasso

Vedi anche: Nuovo farmaco antisenso mostra risultati promettenti nel rallentare la malattia del fegato grasso

“Mentre la via dell’insulina è stata studiata a fondo, la via attraverso la quale viene disattivata la lipogenesi è rimasta in gran parte sconosciuta”, ha detto Kemper.

- Advertisement -

Nel nuovo studio, il team di Kemper ha scoperto che l‘ormone intestinale FGF15 nei topi e la sua controparte umana FGF19 disattivano i geni che producono grasso nel fegato. Gli ormoni vengono rilasciati poche ore dopo aver mangiato, quando il corpo passa dall’alimentazione al digiuno. FGF15 / 19 attivano le molecole regolatrici per entrare nel nucleo, il centro della cellula in cui è immagazzinato il DNA e inibiscono l’espressione genica.

Questo ormone intestinale agisce effettivamente come un interruttore dell’azione dell’insulina e inibisce specificamente la lipogenesi nel fegato in modo che sia strettamente regolata“, ha detto Kemper. “Ad esempio, con le vacanze in arrivo, se mangi dei biscotti, il corpo rilascerà insulina, che promuove la lipogenesi. Se la lipogenesi non viene ridotta in seguito quando il corpo entra nello stato di digiuno, il grasso in eccesso si accumulerà nel fegato, quindi l’ormone FGF19 frena la produzione di grasso“.

Inoltre, in esperimenti che coinvolgono topi con obesità e pazienti umani con steatosi epatica non alcolica, i ricercatori hanno scoperto che il percorso per disattivare la produzione di grasso era disregolato. I geni che l’ormone intestinale regola erano altamente attivi, le molecole regolatrici attivate da FGF15 / 19 non sono nemmeno entrate nel nucleo della cellula e i marcatori di soppressione non sono stati aggiunti ai geni.

“Questo studio potrebbe essere molto importante per comprendere questo percorso e indagare su come è anormale nell’obesità e nella steatosi epatica non alcolica “, ha detto Kemper. “Si aggiunge alla nostra comprensione dell’obesità, della steatosi epatica non alcolica e di altri disturbi metabolici. Potrebbe anche avere implicazioni in altre malattie come il diabete o alcuni tipi di cancro, per i quali l’obesità è un fattore di rischio. Sulla base di questo studio, potremmo potenzialmente cercare opzioni di trattamento terapeutico per indirizzare questo percorso e aumentare la funzione di regolamentazione“.

Fonte:Nature Communications 

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...