L’uso di antibiotici negli animali influisce sulla salute umana?

antibiotici

La resistenza agli antibiotici rappresenta una seria minaccia per la salute pubblica, sia negli Stati Uniti che a livello globale.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), la resistenza agli antibiotici è responsabile di 25.000 decessi annuali nell’Unione europea e 23.000 decessi annuali negli Stati Uniti. Circa 2 milioni di individui statunitensi sviluppano un’infezione resistente ai farmaci ogni anno.

Entro il 2050, alcuni ricercatori prevedono che la resistenza agli antibiotici causerà 10 milioni di morti ogni anno, superando il cancro come la principale causa di mortalità in tutto il mondo.

Alcuni dei fattori che hanno portato a questa crisi includono l‘eccessiva prescrizione di antibiotici, scarsa igiene e pratiche igieniche negli ospedali e test di laboratorio insufficienti in grado di rilevare un’infezione in modo rapido e preciso.

Un ulteriore fattore che può contribuire alla resistenza ai farmaci negli esseri umani è l’uso eccessivo di antibiotici in agricoltura e negli animali. L’uso di antibiotici negli animali può aumentare il rischio di trasmissione di batteri resistenti ai farmaci agli esseri umani sia per infezione diretta che trasferendo “geni di resistenza dall’agricoltura in patogeni umani“.

Quindi, come vengono attualmente utilizzati gli antibiotici negli animali e quali potrebbero essere le implicazioni per la salute umana? 

Al London Microbiome Meeting  che si è svolto nel Regno Unito, Nicola Evans – un ricercatore dottorando in biologia strutturale al King’s College di Londra – ha condiviso alcune delle sue idee su questi temi.

Nella sua presentazione, Evans ha tratto dal lavoro che ha condotto al Parlamento del Regno Unito, che può essere letto integralmente qui. In questa funzione di Spotlight, riportiamo i risultati chiave del suo intervento.

Uso globale di antibiotici negli animali

Su scala globale, gli Stati Uniti e la Cina sono i maggiori utilizzatori di antibiotici per la produzione alimentare. Secondo la Food and Drug Administration (FDA), l’ 80% dell’uso totale di antibiotici negli Stati Uniti è in agricoltura, con suini e pollame che ricevono da cinque a dieci volte più antibiotici di mucche e pecore.

Perché gli antibiotici sono usati così ampiamente in questi animali

Una risposta arriva dalle richieste dell’industria della carne che mettono a dura prova la salute degli animali.

Inoltre, a volte vengono utilizzati antibiotici per far crescere più velocemente gli animali. Negli esseri umani, gli studi hanno dimostrato che gli antibiotici aumentano il rischio di aumento di peso e obesità, in quanto eliminano i batteri benefici dell’intestino che aiutano a regolare il peso.

Negli animali, tuttavia, questo fenomeno è stato considerato positivo, con diversi paesi che utilizzano ancora antibiotici come promotori della crescita.

Fino a un anno fa, gli agricoltori statunitensi usavano gli antibiotici come promotori della crescita, ma da allora la pratica è stata vietata. ‘La Cina e l’UE hanno inoltre messo fuori legge questa pratica, ma molti altri paesi continuano a usare antibiotici per promuovere la crescita negli animali’, ha spiegato Evans.

Infine, l’uso profilattico o preventivo degli antibiotici si aggiunge anche al problema. Molte aziende danno antibiotici ai pulcini non appena nascono, indipendentemente dal fatto che siano malati o meno.

Antibiotici e il microbioma animale

Le pratiche di svezzamento che avvengono nelle fattorie influenzano il microbioma degli animali e creano un falso bisogno di antibiotici. Come ha spiegato Evans nel suo discorso, i maialini vengono portati via dalle loro madri troppo presto – cioè, prima che abbiano avuto la possibilità di sviluppare un forte sistema immunitario o un tratto gastrointestinale sano e completamente maturato.

Ad esempio, i maialini sarebbero naturalmente svezzati quando hanno circa 3-4 mesi di età.

Negli Stati Uniti, tuttavia, i maialini vengono svezzati quando hanno 17-28 giorni.

Evans ha spiegato che non avere accesso agli anticorpi naturali presenti nel latte materno influisce sul sistema immunitario degli animali. Si è anche scoperto che lo svezzamento “brusco” aumenta il rischio di malattie gastrointestinali nei vitelli e negli agnelli.

A loro volta, queste malattie richiedono l’uso di antibiotici, a volte profilattici. Ad esempio, suinetti, vitelli e agnelli possono avere diarrea post-svezzamento e infezioni associate, quindi gli agricoltori somministrano loro antibiotici per prevenire tali infezioni.

Inoltre, ha spiegato Evans nel suo discorso, il microbioma di un maiale “è colonizzato alla nascita e successivamente modificato durante il periodo dell’allattamento” e il periodo di svezzamento. Durante questo periodo, il microbioma intestinale si diversifica.

Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che uno svezzamento improvviso, che comporta un drastico cambiamento nella dieta e nell’ambiente, può causare una perdita di diversità microbica e uno squilibrio tra batteri benefici e dannosi nell’intestino.

Inoltre, studi genomici citati da Evans hanno riscontrato un aumento drammatico di Escherichia coli nell’intestino tenue dei maiali dopo aver ricevuto antibiotici. E. coli è responsabile per la metà di tutti i decessi di suinetti in tutto il mondo.

Anche l’ambiente di un animale gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo di un microbioma vario e sano. Studi precedenti, ad esempio, hanno scoperto che il microbioma di un maiale può essere influenzato da qualcosa di semplice come la presenza di paglia.

La presenza di paglia nell’ambiente ha portato a un diverso rapporto tra batteri intestinali nei suini e la paglia è stata associata ad un minor rischio di sviluppare la sindrome riproduttiva e respiratoria dei suini.

Come ha notato Evans nel suo discorso, il microbioma di pollame è ancora più influenzato dalle pratiche di allevamento intensivo rispetto a quello del maiale.

La ragione principale di ciò è che negli uccelli la colonizzazione dell’intestino precoce si verifica durante lo sviluppo dell’uovo nell’ovidotto della madre. I pulcini assorbono i microrganismi dalla madre in questa fase, così come attraverso i pori delle uova durante la cova.

Una volta che i pulcini si sono schiusi, continuano ad arricchire il loro microbioma mediante l’esposizione alle feci. Tuttavia, nei moderni sistemi di allevamento, le uova vengono portate via dalla madre e pulite sulla superficie, un procedimento che rimuove i batteri benefici.

Inoltre, quando le uova si schiudono, i pulcini non hanno accesso ad uno spazio esterno dove avrebbero accesso alle feci e ad altre fonti di batteri benefici. Inoltre non interagiscono con i polli adulti.

Infine, le condizioni affollate in cui spesso vivono i polli possono causare stress da calore. Questo, a sua volta, è un terreno fertile per lo sviluppo di infezioni da E. coli e Salmonella. Questo è ancora un altro esempio di come l’ambiente può influenzare il microbioma degli uccelli.

Implicazioni per la salute umana

Quindi, cosa significa questo uso di antibiotici negli animali per la salute umana? Abbiamo parlato con Evans delle potenziali implicazioni sulla resistenza agli antibiotici negli esseri umani.

“La cosa più importante da considerare”, ha dettoevans, “è che ogni volta che si usano antibiotici, sia negli animali che negli esseri umani, si rischia di selezionare batteri resistenti ai farmaci. Dobbiamo salvaguardare gli antibiotici per l’uso sia negli animali che negli esseri umani, per garantire che possano essere utilizzati per il trattamento dell’infezione in futuro”.

‘Ci sono alcuni modi principali in cui gli antibiotici somministrati agli animali possono influenzare l’uomo’, ha spiegato Evans. ‘In primo luogo, il contatto diretto tra animali e esseri umani può causare malattie. Ad esempio, gli agricoltori sono a rischio di essere colonizzati da MRSA associato al bestiame (LA-MRSA)’.

“LA-MRSA non è pericolosa come la MRSA Ospedale-associato in quanto è adattata agli animali e non si diffonde facilmente da persona a persona, ma c’è il rischio che i batteri possano cambiare e adattarsi agli umani “, ha avvertito Evans.

Ha proseguito citando uno studio danese che ha rilevato che il 40% della carne suina venduta commercialmente conteneva Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA).

Una revisione degli studi esistenti sulla catena di produzione del maiale ha rilevato che “il processo di macellazione gioca un ruolo decisivo nella trasmissione di MRSA dalla fattoria alla tavola”.

Un secondo modo in cui l’uso di antibiotici somministrati agli animali può colpire gli esseri umani è attraverso il consumo di residui antibiotici nella carne“, ha spiegato Evans.

“Tuttavia,  questo rischio è considerato molto basso nell’UE e in America”, ha continuato.

“In queste aree, c’è qualcosa chiamato periodo di sospensione, in cui viene interrotto il trattamento antibiotico di un animale in modo che gli antibiotici possano liberare il sistema prima che l’animale venga abbattuto per la carne o munto”.

batteri intestinali

L’uso di antibiotici negli animali può influenzare i batteri dell’intestino umano.

‘Ciò vale per le pratiche agricole sia biologiche che non organiche’, ha osservato Evans. ‘Dopo il periodo di sospensione’, ha detto il ricercatore, ” i livelli di antibiotico nel cibo sono considerati centinaia di volte inferiori ai livelli che dovrebbero influenzare in qualsiasi modo i batteri”.

Infine, i batteri resistenti agli antibiotici presenti nella carne possono trasferire la resistenza antimicrobica nei batteri umani. Tuttavia, il rischio che ciò si verifichi è molto basso grazie alle alte temperature di cottura.

Inoltre, “a causa del periodo di sospensione”, ha detto Evans, “è molto improbabile che i residui di antibiotici nella carne influenzino il microbioma umano”.

Nel complesso, il ricercatore ha dichiarato a Medical News Today : “Penso che tutti gli usi degli antibiotici comportino un rischio per la salute umana e che la riduzione dell’uso non necessario di antibiotici negli animali dovrebbe essere parte della soluzione globale”.

“Gli antibiotici sono necessari […] per salvaguardare la salute e il benessere degli animali, ma dovrebbero essere usati solo quando gli animali sono malati e non utilizzati come promotori della crescita o per prevenire le malattie degli animali “.

” Prove evidenti indicano che non vi è un impatto diretto dei residui di antibiotici nella carne sulla salute umana, ma il rischio di generare batteri resistenti agli antibiotici negli animali rappresenta un potenziale rischio per l’uomo. Tuttavia l’uso di antibiotici nell’uomo è molto più dannoso”.

Fonte, Medicalnews

Altri articoli su antibiotici