L’uso di antibiotici può aiutare a curare la leucemia mieloide cronica

0
42

La tigeciclina antibiotico, se utilizzata in combinazione con il trattamento attuale, può contenere la chiave per sradicare le cellule di leucemia mieloide cronica (LMC), secondo nuove ricerche.

Lo studio, condotto da ricercatori dell’ Università di Glasgow e pubblicato in Nature Medicine oggi, dimostra l’efficacia della combinazione di tigeciclina con il farmaco imatinib – un inibitore della tirosina chinasi (TKI) e un trattamento standard per il trattamento dei pazienti  con LMC.

( Vedi anche:Leucemia: la vitamina C può incoraggiare la morte delle cellule staminali).

Utilizzando cellule isolate da pazienti affetti da leucemia mieloide cronica, i ricercatori hanno dimostrato che il trattamento con tigeciclina, un antibiotico usato per trattare l’infezione batterica, è efficace nell’uccidere le cellule staminali della LMC quando viene utilizzato in combinazione con Imatinib. Lo studio mostra anche che la nuova combinazione di farmaci ritarda significativamente la recidiva nei modelli animali pre-clinici di LMC umano.

I ricercatori sono convinti che due farmaci insieme, possono sradicare le cellule staminali leucemiche nei pazienti LMC e potenzialmente aumentare i tassi di cura.

Il Dr. Vignir Helgason, dell’Università di Glasgow e del Wolfson Wohl Cancer Research Center e autore principale dello studio, ha dichiarato: ” Quando abbiamo trattato le cellule della leucemia mieloide cronica sia con la tigeciclina antibiotica che con il farmaco TKI Imatinib, le cellule staminali LMC sono state uccise selettivamente. Crediamo che le nostre scoperte forniscano una solida base per sperimentare questa nuova strategia terapeutica negli studi clinici per eliminare le cellule staminali della LMC e fornire una cura efficace ai pazienti”.

La leucemia mieloide cronica è una forma di cancro del sangue che trasforma le normali staminali del sangue in cellule staminali leucemiche che producono quindi un gran numero di cellule leucemiche che, se non trattate, sono fatali.

Al momento, i pazienti sono trattati con inibitori della tirosina chinasi, altrimenti conosciuti come TKIs, incluso il farmaco Imatinib. I TKI sono efficaci per uccidere la maggior parte delle cellule leucemiche, ma non uccidono le cellule staminali LMC che causano la malattia.

Di conseguenza, i TKI da soli, raramente curano la malattia, ma mantengono ila sua progressione a bada. Pertanto, la maggior parte dei pazienti devono rimanere in trattamento TKI per il resto della loro vita per controllare la malattia, sebbene con il rischio di sviluppare la resistenza ai farmaci. Inoltre, i farmaci sono costosi e possono causare gravi effetti collaterali in alcuni pazienti.

Il Professor Eyal Gottlieb, responsabile dell’Unità di ricerca sul metabolismo del cancro presso l’ Isituto britannico Beatson Cancer Research, ha dichiarato: “Il nostro lavoro in questo studio dimostra per la prima volta, che le cellule staminali LMC sono metaboliche distinte dalle normali cellule staminali del sangue e questo a sua volta, offre opportunità per mirarle selettivamente”.

Il Professor Karen Vousden, ricercatore principale del Cancer Research, ha dichiarato: “È emozionante vedere che l’uso di un antibiotico a fianco ad un trattamento esistente potrebbe essere un modo per tenere a bada questo tipo di leucemia e potenzialmente persino curarlo. Se questo approccio risulterà sicuro ed efficace anche negli esseri umani, potrà offrire una nuova opzione per i pazienti che in questo momento affrontano un trattamento a lungo termine con la possibilità di recidiva”.

Questa ricerca pionieristica è stata guidata, in parte, dal Professor Holyoake, il cui lavoro nel mondo della leucemia mieloide cronica continuerà a modellare la ricerca e salvare vite per gli anni a venire”.

Fonte: Nature Medicine