L’orologio biologico influenza l’efficienza della risposta immunitaria

orologio biologico

Secondo un recente studio pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America, l’orologio biologico influenza l’efficacia della risposta immunitaria.

In effetti, le cellule T CD8, essenziali per combattere infezioni e tumori, funzionano in modo molto diverso a seconda dell’ora del giorno.

Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori guidato da Nicolas Cermakian, del Douglas Research Center e Nathalie Labrecque, del Maisonneuve-Rosemont Hospital Research Center.

Sappiamo che i ritmi circadiani sono generati dai ” geni dell’orologio “, che influenzano la maggior parte degli organi e delle cellule, compresi quelli del sistema immunitario, la cui funzione varia a seconda dell’ora del giorno. Di conseguenza, si trovano ritmi circadiani per vari aspetti della fisiologia, tra cui sonno, alimentazione, attività ormonale e temperatura corporea. Questi ritmi quotidiani aiutano il corpo ad adattarsi ai cambiamenti ciclici nell’ambiente, come le stagioni e il ciclo diurno e notturno.

In ricerche precedenti, il team aveva dimostrato che le cellule T reagiscono più o meno fortemente a un corpo estraneo in base all’ora del giorno, ma il ruolo dell’orologio biologico in questo fenomeno è rimasto sconosciuto. “Usando un modello murino di vaccino, abbiamo osservato che dopo la vaccinazione, la forza della risposta delle cellule T CD8 variava in base all’ora del giorno. Al contrario, nei topi le cui cellule T CD8 erano carenti per il gene dell’orologio, questo ritmo circadiano veniva abolito e la risposta al vaccino è diminuita di giorno “, spiega il Dott. Cermakian che è anche Professore presso il Dipartimento di Psichiatria dell’Università McGill.

“Il nostro studio mostra che le cellule T sono più inclini ad essere attivate in determinate ore del giorno. Identificare i meccanismi attraverso i quali l’orologio biologico modula la risposta delle cellule T ci aiuterà a comprendere meglio i processi che regolano le risposte ottimali delle cellule T. Questa conoscenza potrà contribuire a migliorare le strategie di vaccinazione e le terapie immunitarie del cancro “, afferma Nathalie Labrecque, Prof.ssa presso i Dipartimenti di Medicina e Microbiologia, Malattie Infettive e Immunologia presso l’Università di Montréal.

L’articolo “L’orologio circadiano delle cellule T CD8 modula la loro risposta precoce alla vaccinazione e la ritmicità dei relativi percorsi di segnalazione” è stato pubblicato in Proceedings of National Academy of Sciences il 16 settembre 2019.

Fonte, PNAS

 


Altri articoli su orologio biologico