Home Alimentazione & Benessere L'olio di soia provoca cambiamenti genetici nel cervello

L’olio di soia provoca cambiamenti genetici nel cervello

(Olio di soia-Immagine Credit Public Domain).

La nuova ricerca della UC Riverside mostra che l’olio di soia non solo porta all’obesità e al diabete, ma potrebbe anche influenzare condizioni neurologiche come autismo, morbo di Alzheimer, ansia e depressione.

Usato per friggere fast food, aggiunto a cibi confezionati e somministrato al bestiame, l’olio di soia è di gran lunga l’olio commestibile più prodotto e consumato negli Stati Uniti, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Con ogni probabilità, non è salutare per gli esseri umani.

- Advertisement -

Certamente non va bene per i topi. Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Endocrinology, ha messo a confronto topi alimentati con tre diverse diete ricche di grassi: olio di soia, olio di soia modificato per essere a basso contenuto di acido linoleico e olio di cocco.

Lo stesso team di ricerca dell’UCR ha scoperto nel 2015 che questo olio induce obesità, diabete, resistenza all’insulina e fegato grasso nei topi. Quindi, in uno studio del 2017, lo stesso gruppo ha indagato se l’olio di soia è progettato per essere a basso contenuto di acido linoleico, induce meno obesità e resistenza all’insulina.

Tuttavia, nello studio pubblicato questo mese, i ricercatori non hanno trovato alcuna differenza tra gli effetti dell’olio di soia modificato e non modificato sul cervello. In particolare, gli scienziati hanno scoperto effetti pronunciati dell’olio sull’ipotalamo, dove si verificano una serie di processi critici.

“L’ipotalamo regola il peso corporeo attraverso il metabolismo, mantiene la temperatura corporea, è fondamentale per la riproduzione e la crescita fisica, nonché per la risposta allo stress”, ha detto Margarita Curras-Collazo, Prof.ssa associato di neuroscienze dell’UCR e autrice principale dello studio.

- Advertisement -

Il team ha determinato che una serie di geni nei topi nutriti con olio di soia non funzionavano correttamente. Uno di questi geni produce l’ormone “dell’amore”, l’ossitocina. Nei topi nutriti con olio di soia, i livelli di ossitocina nell’ipotalamo sono diminuiti.

Il team di ricerca ha scoperto circa 100 altri geni influenzati anche dalla dieta a base di olio di soia. I ricercatori credono che questa scoperta potrebbe avere ramificazioni non solo per il metabolismo energetico, ma anche per il corretto funzionamento del cervello e malattie come l’autismo o il morbo di Parkinson. Tuttavia, è importante notare che non ci sono prove che l’olio causi queste malattie.

Inoltre, il team osserva che i risultati si applicano solo all’olio di soia, non ad altri prodotti a base di soia o ad altri oli vegetali.

“Non buttare il tofu, il latte di soia, l’edamame o la salsa di soia”, ha detto Frances Sladek, tossicologa dell’UCR e professoressa di biologia cellulare. “Molti prodotti a base di soia contengono solo piccole quantità di olio e grandi quantità di composti salutari come acidi grassi essenziali e proteine“.

Un avvertimento per i lettori preoccupati per il loro pasto più recente è che questo studio è stato condotto sui topi e gli studi sui topi non si traducono sempre negli stessi risultati negli esseri umani.

Inoltre, questo studio ha utilizzato topi maschi. Poiché l’ossitocina è così importante per la salute materna e promuove il legame madre-figlio, è necessario eseguire studi simili utilizzando topi femmine.

Un’ulteriore nota su questo studio: il team di ricerca non ha ancora isolato quali sostanze chimiche nell’olio sono responsabili dei cambiamenti che hanno trovato nell’ipotalamo. Ma ha escluso due candidati: acido linoleico, poiché l’olio modificato ha prodotto anche alterazioni genetiche e lo stigmasterolo, una sostanza chimica simile al colesterolo che si trova naturalmente nell’olio di soia.

Vedi anche:Alzheimer: un derivato della soia combatte la perdita di memoria

L’identificazione dei composti responsabili degli effetti negativi è un’area importante per la ricerca futura del team.

“Questo potrebbe aiutare a progettare oli dietetici più sani in futuro”, ha detto Poonamjot Deol, assistente scienziato del progetto nel laboratorio di Sladek e primo autore dello studio.

“Il dogma è che il grasso saturo è cattivo e quello insaturo è buono. L’olio di soia è un grasso polinsaturo, ma l’idea che fa bene non è provata“, ha detto Sladek.

In effetti, l’olio di cocco, che contiene grassi saturi, ha prodotto pochissimi cambiamenti nei geni ipotalamici.

“Se c’è un messaggio che voglio che le persone portino via, è questo: ridurre il consumo di olio di soia”, ha detto Deol in merito allo studio più recente.

Questo articolo della Università della California è il comunicato stampa più visitato su EurekAlert! nel 2020 e ha collezionato poco meno di 1 milione di visite, il massimo nei quasi 25 anni di storia del sito.

Fonte: Università della California Riverside

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...