Home Alimentazione & Benessere L'olio di pesce può prevenire la demenza alcol-correlata

L’olio di pesce può prevenire la demenza alcol-correlata

L’olio di pesce  protegge contro la demenza alcol-correlata, secondo uno studio presentato al 14 ° Congresso della Società Europea per la Ricerca Biomedica sull’ Alcolismo che si è svolto a Varsavia.

Lo studio, condotto da ricercatori della Loyola University di Chicago, ha analizzato le cellule cerebrali di ratti che erano stati esposti a grandi quantità di alcol.

In uno studio precedente, lo stesso gruppo di ricerca ha scoperto che bere moderate quantità di alcol, circa due bevande alcoliche al giorno per gli uomini e una per le donne, potrebbe ridurre il rischio di deterioramento cognitivo e demenza .

La ricerca ha dimostrato che piccole quantità di alcol potrebbero migliorare la forma fisica delle cellule del cervello, aiutandole ad affrontare lo stress che nel corso della vita potrebbe portare alla demenza. Tuttavia, elevate quantità di alcol sposono “sopraffare” le cellule del cervello causando infiammazione e  morte cellulare.

Secondo la Società di Alzheimer, la demenza alcol-correlata,nspesso indicata come la sindrome di Wernicke-Korsakoff, viene diagnosticata in circa 1 su 8 persone affette da alcolismo .Diversi studi hanno dimostrato che la condizione è più comune negli uomini di età compresa tra 45 e 65 anni con una lunga storia di abuso di alcol.

Per questo ultimo studio, i ricercatori hanno valutato le cellule adulte del cervello di ratto che erano state esposte a grandi quantità di alcol: l’equivalente di un essere umano quattro volte oltre il limite legale di alcol consentito per la guida.

Le cellule sono state poi confrontate con le cellule cerebrali che erano state esposte all’ omega-3 dell’ olio di pesce.

I risultati hanno mostrato che le cellule cerebrali esposte alla combinazione di olio di pesce e alcool mostravano il 95% meno di neuroinfiammazione e morte neuronale nelle cellule cerebrali, rispetto alle cellule cerebrali che esposte soltanto  ad alcool.

Michael Collins, della Loyola University di Chicago e autore dello studio, ha spiegato:

“Abbiamo quantificato la morte neuronale provocata dall’ alcool ed abbiamo trovato che la presenza di DHA riduce o sopprime la morte neuronale del 95%, in modo significativo.

Il cervello contiene sostanziali livelli di DHA endogeno nelle membrane che si riduce a causa dell’ alcool e la supplementazione evita questa perdita. Inoltre, ci sono alcuni passaggi critici ‘neuroinfiammatori’ enzimatici che si pensa possano portare alla morte neuronale, possibilmente aumentando i radicali liberi dell’ossigeno e mentre l’uso di alcol li aumenta notevolmente, il trattamento con DHA dell’olio di pesce li ha ridotti notevolmente “.

Il Prof. Collins aggiunge che il gruppo di ricerca spera di studiare se i supplementi di olio di pesce potrebbero impedire la  neurodegenerazione indotta dall’ alcol e il deficit di memoria funzionali, in ratti adulti in futuro.

Anche se i ricercatori sostengono che questo studio dimostra che l’olio di pesce ha il potenziale per contribuire a preservare l’integrità del cervello negli alcolizzati, il Prof. Collins afferma che il modo migliore per proteggere il cervello è quello di smettere di bere o di ridurre il consumo a quantità moderate:

“Non vogliamo che la gente pensi che vada  bene assumere un paio di capsule di olio di pesce e poi continuare ad andare avanti abusando di alcol.”

L’ olio di pesce ricco di omega3 è stato collegato a numerosi altri benefici per la salute, secondo una ricerca pubblicata nel BMJ di quest’anno. Lo studio ha  suggerito che il consumo di almeno 1-2 porzioni di pesce grasso alla settimana potrebbero ridurre il rischio di cancro al seno del 14%.

Tuttavia, uno studio condotto quest’anno dai ricercatori americani ha rivelato che gli uomini con elevate concentrazioni nel sangue di acidi grassi omega-3 sono ad un rischio maggiore di sviluppare il cancro alla prostata.

 

Fonte Medical news


ULTIMI ARTICOLI

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all’insulina

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all'insulina e altri indicatori di salute negli individui con diabete di tipo 1,...

Studio di fase 1 mostra un’incoraggiante attività anti-cancro di Sotorasib

Immagine: Public Domain. "Uno studio clinico di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati pesantemente pretrattati, mostra un'attività anti-cancro incoraggiante di Sotorasib (AMG 510),...

Gli astrociti sono essenziali per la salute della barriera emato-encefalica

Immagine: Public Domain. Oltre a un guscio esterno resistente, il cervello ha difese interne, tra cui un potente scudo chiamato barriera emato-encefalica che difende le...

La vitamina E è necessaria per il corretto sviluppo del sistema nervoso

Immagine: Public Doimain. La ricerca dell'Oregon State University, che interessa anche le donne in età fertile, mostra che gli embrioni prodotti dal pesce zebra carente...