HomeMedicina AlternativaL'olio di krill protegge i neuroni dopaminergici dalla degenerazione legata all'età

L’olio di krill protegge i neuroni dopaminergici dalla degenerazione legata all’età

Olio di krill-Immagine Credit Public Domain.

“L’olio di krill è un alimento dietetico, utilizzato esclusivamente come integratore alimentare. Si tratta di un prodotto oleoso (quindi lipidico) ricchissimo di acidi grassi essenziali omega tre (ω3); in particolare, contiene soprattutto acido eicosapentaenoico (EPA) e docosaesaenoico (DHA)”.

 L’olio di krill protegge i neuroni dopaminergici dalla degenerazione legata all’età, diminuisce l’aggregazione dell’alfa-sinucleina e migliora la cognizione e il comportamento dipendenti dalla dopamina nei modelli di laboratorio della malattia di Parkinson.

- Advertisement -

Si stanno accumulando prove del fatto che l’interferenza con i meccanismi di base dell’invecchiamento può migliorare la longevità sana. Le strategie interventistiche/terapeutiche mirate a molteplici segni distintivi dell’invecchiamento potrebbero essere più efficaci rispetto al targeting di un segno distintivo.

Sebbene le qualità benefiche per la salute degli oli marini siano state ampiamente studiate, i meccanismi molecolari sottostanti non sono stati completamente compresi.

Gli estratti lipidici dell’olio di krill antartico sono ricchi di acidi grassi omega-3 a catena lunga, colina e astaxantina. In questo nuovo studio, i ricercatori Tanima SenGupta, Yohan Lefol, Lisa Lirussi, Veronica Suaste, Torben Luders, Swapnil Gupta, Yahyah Aman, Kulbhushan Sharma, Evandro Fei Fang e Hilde Nilsen dell’Università di Oslo, dell’Oslo University Hospital e dell’Akershus University Hospital hanno usato C. elegans e cellule umane per verificare se l’olio di krill promuove un invecchiamento sano.

“In un modello C. elegans del morbo di Parkinson, dimostriamo che l’olio di krill protegge i neuroni dopaminergici dalla degenerazione legata all’invecchiamento, diminuisce l’aggregazione dell’alfa-sinucleina e migliora il comportamento e la cognizione dipendenti dalla dopamina”, affermano i ricercatori.

- Advertisement -

L’olio di krill ricollega programmi di espressione genica distinti che contribuiscono ad attenuare diversi segni distintivi dell’invecchiamento, tra cui lo stress ossidativo, lo stress proteotossico, la senescenza, l’instabilità genomica e la disfunzione mitocondriale.

Questo mostra capsule di olio di pesce disposte a forma di pesce
Gli estratti lipidici del krill antartico sono ricchi di acidi grassi omega-3 a catena lunga, colina e astaxantina. L’immagine è di pubblico dominio

Meccanicamente, l’olio di krill aumenta la resilienza neuronale attraverso il ricablaggio del trascrittoma temporale per promuovere lo stress antiossidativo e l’anti-infiammazione attraverso fattori di trascrizione che regolano la durata della salute, come SNK-1.

Vedi anche:Olio di krill: benefico per la funzione e le dimensioni muscolari

Spiegano gli autori:

L’invecchiamento è un processo biologico caratterizzato da progressiva perdita di vitalità e crescente fragilità. Poiché l’invecchiamento è il principale fattore di rischio per molte delle principali malattie, è generalmente accettato che il rallentamento dell’invecchiamento possa ridurre l’incidenza delle malattie legate all’età. Ci sono prove crescenti che l’interferenza con i processi conservati che inducono l’invecchiamento può prolungare la durata della vita sana. Tuttavia, molti processi cellulari contribuiscono all’invecchiamento. Questi processi sono spesso indicati come “segni distintivi dell’invecchiamento” e includono instabilità genomica, alterazioni epigenetiche, disfunzione mitocondriale, perdita di proteostasi , senescenza, accorciamento dei telomeri, metabolismo alterato e comunicazione cellula-cellula, nonché esaurimento delle cellule staminali. Gli integratori antietà dovrebbero idealmente attenuare la maggior parte di questi tratti distintivi per essere efficaci.

Gli oli marini sono stati ampiamente studiati per le proprietà che promuovono la salute. Tuttavia, i meccanismi molecolari alla base delle qualità di promozione della salute dell’olio di krill non sono completamente compresi e manca uno studio che abbia valutato il potenziale generale dell’olio di krill come nutraceutico mirato al processo di invecchiamento. Estratti dalla specie di krill antartico, Euphausia superba, hanno un alto contenuto di acidi grassi omega-3 a catena lunga (compresi l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA)). Nell’olio di krill, EPA/DHA sono principalmente legati ai fosfolipidi a differenza dell’olio di pesce, dove sono legati solo al triacilglicerolo. Questi acidi grassi sono importanti nel cervello con diversi ruoli che vanno dal mantenimento della struttura e della funzione del cervello e fungono da elementi costitutivi essenziali delle membrane cellulari sane. I fosfolipidi migliorano l’assorbimento da parte dei tessuti e facilitano un efficiente rilascio cerebrale. Il potente composto antiossidante e antinfiammatorio astaxantina è un componente naturale dell’olio di krill. In un modello murino di morbo di Parkinson (PD) indotto da MPTP, l’astaxantina proteggeva i neuroni dopaminergici nel circuito nigrostriatale nei topi giovani, ma non negli animali più anziani. L’olio di krill è anche una fonte alimentare del nutriente essenziale colina che è un componente del fosfolipide fosfatidilcolina (PC) e un precursore del neurotrasmettitore acetilcolina. Pertanto, grazie alla combinazione di diversi composti con proprietà neuroprotettive (colina, EPA/DHA e astaxantina) e squisita biodisponibilità, l’olio di krill può essere considerato un nutraceutico per migliorare la salute del cervello. A sostegno di ciò, esperimenti di integrazione a breve termine hanno dimostrato che DHA/EPA ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti con il potenziale per migliorare la funzione motoria e alcune proprietà cognitive.

Il nematode Caenorhabditis elegans (C. elegans) è considerato un buon modello per studiare l’invecchiamento poiché la maggior parte dei percorsi che influenzano i processi di invecchiamento sono conservati tra il nematode e l’uomo. C. elegans è un buon sistema modello per studiare i meccanismi di come il processo di invecchiamento porta allo sviluppo di malattie legate all’età. Una formulazione specifica di olio di krill è stata precedentemente trovata per aumentare la durata della vita in C. elegans , con la durata media della vita che aumenta di circa quattro giorni. In questo studio, abbiamo utilizzato C. elegans per esplorare se l’olio di krill può anche promuovere un invecchiamento sano. Per valutare il potenziale per attenuare le malattie legate all’età abbiamo usato il morbo di Parkinson come modello, perché l’invecchiamento è il principale fattore di rischio per questa malattia neurodegenerativa (NDD). Abbiamo sfruttato i ceppi transgenici che esprimono l’α-sinucleina umana (α-SYN) contrassegnata con la proteina fluorescente verde (GFP) nei neuroni e nei muscoli dopaminergici. Questi ceppi transgenici facilitano la visualizzazione della degenerazione legata all’età dei neuroni dopaminergici e l’aggregazione di α-SYN, due caratteristiche patologiche cardinali del morbo di Parkinson. Abbiamo scoperto che l’olio di krill contrasta i principali driver dell’invecchiamento, come la disfunzione mitocondriale, la senescenza e l’instabilità genomica in C. elegans e abbiamo convalidato i risultati principali nei fibroblasti umani”.

“Collettivamente, l’olio di krill ricollega i programmi di espressione genica globale e promuove un invecchiamento sano abrogando molteplici segni distintivi dell’invecchiamento, suggerendo indicazioni per ulteriori esplorazioni precliniche e cliniche”, concludono i ricercatori.

Fonte: Aging

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...