Lo zucchero aumenta la pressione sanguigna?

0
30
I dati combinati di oltre due dozzine di studi nutrizionali mostrano che mentre le bevande zuccherate sono collegate all’elevata pressione sanguigna, gli alimenti più sani che contengono alcuni specifici zuccheri, non condividono la stessa relazione e in effetti possono avere un’associazione protettiva quando si tratta di ipertensione, secondo i ricercatori dell’Università di Toronto.
Le bevande zuccherate sono state collegate con un aumento del 10 percento della pressione sanguigna in questa revisione che ha riunito i risultati di oltre 900.000 partecipanti agli altri studi. I ricercatori hanno scoperto che frutta, piccole quantità di succo di frutta al 100% e latticini e cereali integrali con moderate quantità di zucchero aggiunto, hanno mostrato alcune associazioni protettive con l’ipertensione.
I risultati dello studio sono stati pubblicati questa settimana sul Journal of American Heart Association.
La fonte del cibo è importante“, afferma John Sievenpiper, Professore associato presso il Dipartimento di scienze nutrizionali della facoltà di medicina della  University  of Toronto e ricercatore principale dello studio. “Molte linee guida dietetiche per lo zucchero si basano sull’evidenza che le bevande dolcificate con zucchero sono dannose, ma non dovremmo necessariamente estrenderle alla frutta intera, allo yogurt magro o ai cereali integrali che contengono pochi zuccheri”.
“I risultati di questo studio dovrebbero fornire un po’ di sollievo ai consumatori e ai pazienti preoccupati per l’ipertensione”, aggiunge Sievenpiper che è un medico dello staff e scienziato presso l’Ospedale di St. Michael. “L’attenzione ai singoli nutrienti può interferire con i modelli alimentari generali che possono essere salutari, specialmente nel contesto della dieta DASH, che è una dieta molto fruttuosa per il trattamento dell’ipertensione”.
La dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) enfatizza la frutta intera,compresi succo di frutta e verdura, latticini a basso contenuto di grassi, tra cui yogurt zuccherato, cereali integrali, legumi e noci con minori quantità di carne, bevande zuccherate e dolci. È stato dimostrato che questa dieta riduce significativamente la pressione sanguigna.
“La dieta DASH e i risultati del presente studio si adattano bene alla nuova Guida alimentare del Canada e alle recenti linee guida dietetiche di Diabetes Canada e della Canadian Cardiovascular Society”, afferma Sievenpiper. “C’è stato un allontanamento dai limiti prescrittivi su nutrienti specifici verso schemi alimentari più ampi che enfatizzano cibi interi e non trasformati”, afferma. “È un approccio più liberale e moderno, che consente anche moderate quantità di grassi, zuccheri e sale”.
Lo studio segue un’analoga analisi di Sievenpiper e colleghi all’inizio di quest’anno, secondo cui le bevande zuccherate hanno aumentato il rischio di gotta, ma la frutta no. Il gruppo ha ottenuto risultati preliminari da analisi correlate di altri rischi ed esiti cardio-metabolici, inclusi obesità, diabete e malattie cardiache; i risultati di queste analisi sembrano per lo più coerenti con le attuali scoperte su zuccheri e ipertensione.
I ricercatori hanno valutato la certezza delle prove dagli studi nella loro attuale meta-analisi come bassa e in alcuni casi molto bassa. Ciò è dovuto in parte alla natura osservativa di molti studi, che possono confondere i risultati della ricerca. I consumatori di bevande zuccherate con zucchero, ad esempio, hanno spesso altre abitudini di vita che aumentano i loro rischi per la salute e i ricercatori hanno difficoltà a controllare tali abitudini.
Grandi studi randomizzati e controllati offrono una qualità più elevata di prove, ma non sono comuni nella ricerca nutrizionale, spesso a causa di preoccupazioni etiche e della difficoltà di seguire i soggetti per un lungo periodo di tempo.
Sievenpiper e i suoi colleghi ritengono necessari ulteriori ricerche sugli zuccheri e sulla salute cardiovascolare, ma affermano che i risultati del loro studio mostrano chiari segnali che le bevande zuccherate con zucchero sono associate all’aumento del rischio di ipertensione e che frutta intera e cibi con moderate quantità di zuccheri aggiunti possono essere parte di una dieta sana.
Gli alimenti sono più dei loro nutrienti“, afferma Sievenpiper. “Sono matrici complesse e non possiamo semplicemente prevedere l’effetto che un alimento avrà sulla base di un singolo nutriente“.