Home Salute Intestino e stomaco Livelli di Vitamina D-batteri intestinali: trovata connessione

Livelli di Vitamina D-batteri intestinali: trovata connessione

Vitamina D e microbioma-Immagine Credit Public Domain.

Ricercatori e collaboratori dell’Università della California di San Diego hanno recentemente trovato una connessione tra livelli di vitamina D e batteri intestinali.

I nostri microbiomi intestinali – i numerosi batteri, virus e altri microbi che vivono nel nostro tratto digerente – svolgono un ruolo importante nella nostra salute e nel rischio di malattie in modi che stanno appena iniziando a essere riconosciuti.

- Advertisement -

I ricercatori hanno recentemente dimostrato negli uomini anziani che la composizione del microbioma intestinale di una persona è legata ai loro livelli di vitamina D attiva, un ormone importante per la salute e l’immunità delle ossa.

Lo studio, pubblicato il 26 novembre 2020 su Nature Communications, ha anche rivelato una nuova comprensione della vitamina e di come viene tipicamente misurata.

La vitamina D può assumere diverse forme, ma gli esami del sangue standard ne rilevano solo uno, un precursore inattivo che può essere immagazzinato dall’organismo. Per utilizzare la vitamina, il corpo deve metabolizzare il precursore in una forma attiva.

“Siamo rimasti sorpresi di scoprire che la diversità del microbioma, la varietà di tipi di batteri nell’intestino di una persona, era strettamente associata alla vitamina D attiva, ma non alla forma precursore“, ha spiegato l’autore senior Deborah Kado, MD, Direttore della Osteoporosis Clinic presso UC San Diego Health. “Si ritiene che una maggiore diversità del microbioma intestinale sia associata a una salute migliore in generale”.

- Advertisement -

Kado ha condotto lo studio sulle fratture osteoporotiche negli uomini (MrOS) finanziato dall’Istituto Nazionale sulle fratture osteoporotiche negli uomini (MrOS), un grande sforzo multi-sito iniziato nel 2000. Ha collaborato con Rob Knight, Ph.D., Professore e Direttore del Center for Microbiome Innovation presso UC San Diego e co-primo autore Robert L. Thomas, MD, Ph.D., membro della Divisione di Endocrinologia presso la UC San Diego School of Medicine e Serene Lingjing Jiang, dottorando nel programma di biostatistica presso la Herbert Wertheim School of Public Health and Human Longevity Sciences.

Diversi studi hanno suggerito che le persone con bassi livelli di questa vitamina sono a maggior rischio di cancro, malattie cardiache, peggiori infezioni da COVID-19 e altre malattie. Tuttavia, il più grande studio clinico randomizzato fino ad oggi, con oltre 25.000 adulti, ha concluso che l’assunzione di integratori di vitamina D non ha alcun effetto sui risultati di salute, comprese le malattie cardiache, il cancro o persino la salute delle ossa.

“Il nostro studio suggerisce che potrebbe essere dovuto al fatto che questi studi hanno misurato solo la forma precursore della vitamina D, piuttosto che l’ormone attivo“, ha detto Kado, che è anche Professore presso la UC San Diego School of Medicine e la Herbert Wertheim School of Public Health. “Le misure della formazione e degradazione della vitamina D possono essere indicatori migliori dei problemi di salute sottostanti e di chi potrebbe rispondere meglio alla supplementazione di vitamina D“.

Il team ha analizzato campioni di feci e sangue forniti da 567 uomini che hanno partecipato a MrOS. I partecipanti vivono in sei città degli Stati Uniti, la loro età media era di 84 anni e la maggior parte ha riferito di essere in buona o eccellente salute. I ricercatori hanno utilizzato una tecnica chiamata sequenziamento dell’rRNA 16s per identificare e quantificare i tipi di batteri in ciascun campione di feci sulla base di identificatori genetici univoci. Hanno utilizzato un metodo noto come LC-MSMS per quantificare i metaboliti della vitamina D (il precursore, l’ormone attivo e il prodotto di degradazione) nel siero del sangue di ciascun partecipante.

Oltre a scoprire un legame tra la vitamina D attiva e la diversità complessiva del microbioma, i ricercatori hanno anche notato che 12 tipi particolari di batteri apparivano più spesso nei microbiomi intestinali degli uomini con molta vitamina D attiva.La maggior parte di questi 12 batteri produce butirrato, un acido grasso benefico che aiuta a mantenere la salute del rivestimento intestinale.

Vedi anche:La vitamina D è davvero collegata all’eccessiva mortalità da COVID-19?

“I microbiomi intestinali sono davvero complessi e variano molto da persona a persona”, ha detto Jiang. “In questo studio abbiamo trovato associazioni che di solito non sono così distinte”.

Poiché vivono in diverse regioni degli Stati Uniti, gli uomini partecipanti allo studio sono esposti a diverse quantità di luce solare, una fonte di vitamina. Come previsto, gli uomini che vivevano a San Diego, in California, hanno ottenuto più sole e hanno anche avuto più precursore della vitamina D.

Ma il team inaspettatamente non ha trovato alcuna correlazione tra il luogo in cui vivevano gli uomini e i loro livelli di ormone attivo della vitamina D.

“Sembra che non importa quanta vitamina D si ottiene attraverso la luce solare o l’integrazione, né quanta il tuo corpo può immagazzinare”, ha detto Kado. “È importante quanto bene il tuo corpo sia in grado di metabolizzarla in vitamina D attiva e forse questo è ciò che gli studi clinici devono misurare per avere un quadro più accurato del ruolo della vitamina nella salute”.

“Spesso troviamo in medicina che di più non è necessariamente meglio“, ha aggiunto Thomas. “Quindi, in questo caso, forse non è la quantità di vitamina D che conta, ma il modo in cui incoraggi il tuo corpo a usarla“.

 Secondo il team, sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio il ruolo svolto dai batteri nel metabolismo della vitamina D e per determinare se intervenire a livello del microbioma potrebbe essere utile per migliorare i trattamenti attuali per le ossa e possibilmente altri risultati di salute.

Fonte:Nature Communications

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...