HomeSaluteSistema ImmunitarioLinfonodi invecchiati: alla ricerca di una soluzione per il sistema immunitario indebolito

Linfonodi invecchiati: alla ricerca di una soluzione per il sistema immunitario indebolito

(Linfonodi-Immagine Credit Unsplash/CC0 di dominio pubblico).

È ben noto che gli anziani sono più suscettibili alle infezioni e il loro sistema immunitario è meno in grado di generare una forte risposta immunitaria. Ora, un nuovo documento  dell’Università dell’Arizona spiega perché e la scoperta potrebbe portare a potenziali nuovi interventi.

I risultati dello studio, guidato da Janko Nikolich-Žugich, MD, Ph.D., capo dell’UArizona College of Medicine—Dipartimento di immunobiologia di Tucson e co-Direttore dell’Arizona Center on Aging suggeriscono che i linfonodi, che sono fondamentali per mantenere e per accelerare la risposta immunitaria durante l’infezione, invecchiano a ritmi diversi. I linfonodi più vicini alla pelle si deteriorano due o tre volte più rapidamente di quelli più profondi nel corpo.

- Advertisement -

Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, aiuta a spiegare la risposta del sistema immunitario alle infezioni della pelle e persino ai tumori della pelle. Questo è probabilmente anche il motivo di una risposta immunitaria più debole alle vaccinazioni somministrate attraverso la pelle negli anziani.

L’esercito del sistema immunitario

I globuli bianchi , in particolare i linfociti T, sono i soldati del sistema immunitario. I linfociti T sono prodotti dal timo, una ghiandola che si trova sotto l’osso toracico e sopra il cuore. Il timo riduce rapidamente la produzione di cellule T nel corso della vita umana. Entro la pubertà, la produzione di cellule T è il 10% di quella che era alla nascita. All’età di 40 o 50 anni, scende solo all’1%.

“Il sistema immunitario non è abbastanza forte per generare abbastanza nuove cellule T”, ha affermato il Dottor Nikolich-Žugich, membro dell’Istituto BIO5 dell’università.

- Advertisement -

Il mantenimento delle cellule T avviene prevalentemente nei linfonodi, che svolgono due funzioni principali. La prima è mantenere le cellule T sane e vive il più a lungo possibile, spesso decenni negli esseri umani. La seconda è innescare una risposta immunitaria durante l’infezione.

Gli esseri umani hanno circa 450 linfonodi”, ha detto il Dottor Nikolich-Žugich. “Queste sono come le baracche dove i piccoli soldati delle cellule T cercano riparo, sostentamento e recupero”.

È nei linfonodi che il sistema immunitario valuta prima il suo nemico. Questo è importante perché gli esseri umani non hanno un esercito permanente abbastanza grande in grado di affrontare tutte le infezioni.

“Abbiamo relativamente pochi soldati ben addestrati per affrontare infezioni specifiche”, ha detto il Dottor Nikolich-Žugich. “L’unità che si occupa dell’influenza è diversa dall’unità che si occupa del coronavirus”.

Durante l’infezione, i globuli bianchi si sono specializzati per combattere la divisione rapida nei linfonodi. Una cellula può generarne un milione di altre. Viaggiano rapidamente verso il sito dell’infezione utilizzando i linfonodi come una sorta di superstrada. “Questa rete di linfonodi è ciò che si deteriora a velocità diverse”, ha scoperto il team di ricerca.

Linfonodi anziani come vecchie caserme 

Il Dr. Nikolich-Žugich e il team sono stati in grado di contrassegnare e tracciare le cellule T prodotte nel timo di topi vecchi e giovani e confrontare i percorsi che le cellule T hanno intrapreso in tutto il corpo. Hanno scoperto che anche se la produzione di cellule T era bassa negli animali più anziani, il timo ne stava ancora producendo alcune. Il problema era che quelle cellule non arrivavano ai linfonodi.

Successivamente, i ricercatori hanno cercato di aiutare il timo a generare globuli bianchi aggiuntivi per aumentare la risposta immunitaria. Anche quando ciò ha avuto successo, hanno osservato lo stesso comportamento: troppo pochi linfociti T stavano entrando nei linfonodi.

“Queste cellule non sono atterrate dove dovrebbero ed è per questo che abbiamo iniziato a studiare i linfonodi come una potenziale ragione per l’immunodeficienza che troviamo nelle persone anziane“, ha detto il ricercatore. “Abbiamo scoperto che l’intera infrastruttura che costituisce la caserma, i linfonodi, è stata distrutta”.

Vedi anche:Le cellule strutturali dei linfonodi rinforzano le risposte immunitarie umane

In effetti, le cellule che sono atterrate nei linfonodi più vicini alla pelle negli animali più anziani si sono mosse come se dovessero uscire rapidamente. Il Dottor Nikolich-Žugich pensa che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che i linfonodi non fornivano i nutrienti e il mantenimento necessari.

I ricercatori hanno anche scoperto che le connessioni tra le cellule che mantengono le cellule T e costituiscono le “autostrade” dei linfonodi erano gravemente ridotte.

“Era come se le stesse cellule dei linfonodi stessero male, quindi non si contattavano più“, ha detto il Dottor Nikolich-Žugich. “Questa scoperta è coerente con ciò che altre persone hanno descritto prima: i linfociti T migrano con una certa velocità e si muovono in modo direzionale. Ma nei linfonodi più vecchi, in particolare, sembrano piuttosto disorganizzati e si muovono molto più lentamente”.

Implicazioni per le vaccinazioni e l’intervento

I risultati avvicinano i ricercatori alla comprensione della risposta immunitaria indebolita alla vaccinazione, negli anziani.

“Ogni volta che viene somministrato un vaccino, viene coinvolto un linfonodo”, afferma il Dottor Nikolich-Žugich. “Tuttavia, la maggior parte dei vaccini non è in grado di avviare sistemi immunitari più vecchi con la stessa efficacia di quelli più giovani, il che è un problema per lo sviluppo della protezione”.

Ma c’è speranza. Il Dr. Nikolich-Žugich ha sottolineato che il sistema immunitario, come un muscolo, può essere rafforzato e possono intervenire i trattamenti.  “Questo ci dà una grande speranza. Se riusciamo a ripristinare la funzione del timo, anche per un breve periodo in tarda età, ciò potrebbe portare a trattamenti molto praticabili. Potrebbe anche aprire la strada a nuovi trattamenti per il cancro”.

“L’85% del cancro si verifica nelle persone di età superiore ai 50 anni“, ha affermato il Dottor Nikolich-Žugich. “I principi del sistema immunitario sono gli stessi, quindi se possiamo aiutare i linfonodi a migliorare nella lotta contro le infezioni, allora beneficeremo anche l’immunoterapia per il cancro”.

Fonte:PNAS

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...