HomeSaluteTumoriLinfoma: nuova strategia utilizza con successo cellule NK

Linfoma: nuova strategia utilizza con successo cellule NK

(Linfoma-Immagine: linfoma di Hodgkin, linfocita nodulare predominante (visione ad alta potenza) Credito: Gabriel Caponetti, MD./Wikipedia/CC BY-SA 3.0).

I ricercatori dell’MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas hanno dimostrato che le cellule natural killer (NK) derivate dal sangue del cordone ombelicale donato, combinate con un nuovo anticorpo bispecifico noto come AFM13 che mira a CD16A e CD30, hanno ottenuto risposte efficaci nei pazienti con linfoma CD30+ pretrattato e refrattario. 

Lo studio è stato presentato oggi all’incontro annuale 2022 dell’American Association for Cancer Research (AACR).

- Advertisement -

C’è stato un tasso di risposta globale (ORR) dell’89% in 19 pazienti, comprese 10 risposte complete (CR). I tassi di sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale per tutti e tre i livelli di dose erano rispettivamente del 53% e del 79% dopo un follow-up mediano di 11 mesi e un follow-up iniziale di 19 mesi. L’espansione delle cellule NK si è verificata immediatamente dopo l’infusione e si è protratta per due settimane.

Il livello di dose tre (10 8 NK/Kg) è stato stabilito come dose raccomandata di Fase II (RP2D). Tutti i 13 pazienti trattati a questo livello di dose hanno avuto una risposta alla terapia (100% ORR), di cui otto CR (62%).

“I pazienti con linfoma CD30+ recidivante a volte possono essere trattati con successo con i regimi attuali, ma, se tali trattamenti falliscono, i tumori sviluppano resistenza al trattamento e ai pazienti rimangono poche opzioni terapeutiche efficaci”, ha affermato il presentatore dello studio Yago Nieto, MD, Ph.D. , Professore di Trapianto di Cellule Staminali e Terapia Cellulare e ricercatore principale dello studio. “I nostri risultati preliminari indicano attività e tollerabilità promettenti in questa popolazione di pazienti pesantemente pretrattati e giustificano ulteriori indagini su questo approccio”.

Vedi anche:Linfoma: identificata la via di segnale coinvolta

- Advertisement -

Le cellule NK sono un tipo di globuli bianchi che controllano l’organismo alla ricerca di cellule cancerose e infette da virus. La tecnologia per isolare ed espandere le cellule NK dal sangue del cordone ombelicale è stata sviluppata presso MD Anderson.

L’AFM13 di Affimed è un anticorpo bispecifico brevettato progettato per legarsi a CD16A sulle cellule NK e CD30 sulle cellule di linfoma, consentendo alle cellule NK di eliminare le cellule tumorali. Prima dell’infusione, le cellule NK vengono attivate con citochine, espanse in presenza di cellule presentanti l’antigene artificiale e infine complessate con AFM13. Questo approccio combinato è stato sviluppato nel laboratorio di Katy Rezvani, MD, Ph.D., Professore di trapianto di cellule staminali e terapia cellulare. Affimed e MD Anderson stanno portando avanti lo sviluppo clinico di AFM13 attraverso un accordo di collaborazione strategica.

Questo studio di Fase I/II monocentrico ha arruolato 22 pazienti con linfoma CD30+ recidivante o refrattario. Alla maggior parte dei partecipanti allo studio era stato diagnosticato un linfoma di Hodgkin e aveva ricevuto una media di sette linee di terapia precedenti. Tutti i pazienti avevano una malattia progressiva attiva al momento dell’arruolamento e non è stata somministrata alcuna terapia transitoria. I pazienti sono stati arruolati a tre livelli di dose e 19 pazienti hanno completato entrambi i cicli pianificati. La ripartizione dei partecipanti era 15 bianchi (68,2%), 3 ispanici (13,6%), 3 mediorientali (13,6%) e 1 paziente di colore (4,5%), con un’età media di 37 anni.

Il trattamento è stato ben tollerato, con effetti collaterali minimi oltre alla prevista mielosoppressione dalla precedente chemioterapia linfodepletivaNon ci sono stati casi di sindrome da rilascio di citochine, sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici immunitarie o malattia del trapianto contro l’ospite. Ci sono state sei reazioni correlate all’infusione in 110 infusioni di AFM13 da solo e nessuna reazione alle cellule NK caricate con AFM13.

Sei pazienti hanno ricevuto un trapianto di cellule staminali dopo una risposta a questo trattamento, che limita la valutazione della durata delle risposte.

“Questi dati suggeriscono che questa nuova opzione terapeutica, utilizzata come ponte per il trapianto di cellule staminali o forse anche come trattamento curativo, offre un’opzione di trattamento efficace per i pazienti con linfoma CD30+”, ha affermato Nieto. “Siamo entusiasti di questi risultati e della possibilità di portare questo trattamento a questa popolazione di pazienti con un grande bisogno insoddisfatto”.

Lo studio è stato originariamente progettato con un breve follow-up. Per valutare la durabilità oltre i due cicli, la Food and Drug Administration ha approvato un emendamento per aumentare la durata del trattamento da due a quattro cicli, consentendo un follow-up più lungo dei pazienti.

Fonte:American Association for Cancer Research (AACR)

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...