HomeSaluteTumoriLeucemia mieloide acuta: trovato "il proiettile magico"

Leucemia mieloide acuta: trovato “il proiettile magico”

(Leucemia mieloide acuta-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori hanno fatto un enorme passo avanti nella ricerca di una terapia mirata per la leucemia mieloide acuta.

L’innovativa tecnica del “proiettile magico” utilizza una tecnologia specifica per il target degli anticorpi che ridurrebbe la necessità di trattamenti attuali che possono essere ardui, invasivi e richiedere lunghi ricoveri ospedalieri.

- Advertisement -

La leucemia mieloide acuta (LMA) colpisce generalmente le persone anziane con circa tremila persone diagnosticate all’anno solo nel Regno Unito. I trattamenti attuali possono comportare il trapianto di midollo osseo che può essere doloroso e talvolta può portare con sé spiacevoli effetti collaterali.

I ricercatori hanno scoperto che nella leucemia mieloide acuta c’è un’alta concentrazione di una molecola chiamata Siglec-15 che si trova sulla superficie della cellula malata. Il team ha identificato una molecola che potrebbe legarsi a Siglec-15, trasportarla nelle cellule e portare con sé una tossina che potrebbe potenzialmente uccidere la cellula malata, sradicando così la malattia senza danneggiare le cellule sane.

Pubblicato sul British Journal of Hematology e finanziato dal Biotechnology and Biological Sciences Research Council (BBSRC), lo studio è stato condotto dal Dr. Huan Cao, Research Fellow presso l’Università di Aberdeen, insieme ai colleghi dell’Università di Cambridge, dove gran parte del lavoro è stato effettuato.

Vedi anche:Leucemia mieloide acuta: intuizioni su come si sviluppa

- Advertisement -

Il Dr. Cao spiega: “Stiamo cercando di trovare una cura per la leucemia utilizzando una terapia anticorpale mirata nota come “proiettili magici”. Per questo avevamo bisogno di identificare un bersaglio specifico per questo cancro e creare un anticorpo contro di esso. Abbiamo scoperto che nella leucemia mieloide acuta, Siglec-15 è altamente espresso rispetto alle cellule sane e abbiamo deciso di trovare un modo per utilizzare questa sovraespressione a nostro vantaggio. Identificando una molecola che si lega a Siglec-15, sblocchiamo il potenziale per attaccarvi una tossina che può poi essere trasportata nella cellula e infine distruggerla. In questo modo è possibile che l’anti-Siglec-15 possa essere usato come “proiettile magico” per trattare le cellule AML introducendo tossine nelle cellule malate”.

Sebbene i proiettili magici siano stati utilizzati in alcuni tipi di cancro, questa è la prima volta che vengono utilizzati nella leucemia mieloide acuta.

Spiegano gli autori:

La lectina simile all’immunoglobulina legante l’acido sialico (Siglec)-15 è stata recentemente identificata come un checkpoint tumorale critico, aumentando l’espressione e la funzione del ligando di morte programmato 1. Abbiamo allevato un anticorpo monoclonale, A9E8, specifico per Siglec-15 utilizzando il fago Schermo, linee cellulari di leucemia mieloide colorate con A9E8 e cluster periferico di differenziazione (CD)33 + blasti e cellule staminali leucemiche CD34 + da pazienti con leucemia mieloide acuta (LMA). Al contrario, c’era un’espressione minima su leucociti da donatori sani o CD34 +cellule staminali da donatori non AML, suggerendo che il target di Siglec-15 potrebbe avere vantaggi terapeutici significativi rispetto al suo collega Siglec CD33. Dopo il legame, A9E8 è stato rapidamente internalizzato (emivita di 180 s) nelle cellule K562. Gli anticorpi anti Siglec-15 hanno quindi un potenziale terapeutico per il trattamento della LMA”.

Il Dr. Cao aggiunge: “La leucemia è un grande killer soprattutto per la popolazione anziana. Il trattamento con “proiettile magico” può essere molto efficace con effetti collaterali minimi, il che significa che potrebbe essere estremamente vantaggioso per una popolazione già vulnerabile. Anche se ancora in fase sperimentale, se tutto va bene, c’è la possibilità che questa strategia possa essere usata clinicamente come trattamento per i pazienti entro i prossimi tre-cinque anni“.

Fonte:British Journal of Hematology

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...