Attraverso l’emicrania il cervello si protegge e si ripara

emicrania

Un nuovo studio evidenzia una teoria convincente sugli attacchi di emicrania. Sostiene che essi sono un meccanismo integrato attraverso il quale il cervello si protegge e si ripara. 

Lo studio è stato pubblicato in The Journal of Head and Face Pain.

Le emicranie interessano circa il 14 per cento della popolazione mondiale, o 1,04 miliardi di persone.

( Vedi anche:Studio genetico fornisce nuovi indizi sulle cause dell’ emicrania).

Precedenti ricerche hanno suggerito che gli individui che soffrono di emicranie hanno livelli più elevati di stress ossidativo. Il Dr.Jonathan Borkum, dell’Università del Maine, osserva che i fattori di rischio per l’emicrania, inclusi lo stress, l’interruzione del sonno, il rumore, l’inquinamento atmosferico e la dieta, possono aumentare lo stress ossidativo del cervello, uno squilibrio tra la produzione di radicali liberi e la capacità del corpo di contrastare i loro effetti dannosi. “Lo stress ossidativo è un segnale utile di danni imminenti”, ha detto il Dr. Borkum.” Pertanto, il target dello stress ossidativo potrebbe aiutare a prevenire le emicranie”.

Nell’articolo,  il Dr. Borkum osserva da vicino le componenti di un attacco di emicrania, individualmente. Nel contesto di una nota minaccia al cervello – un’interruzione dell’approvvigionamento di sangue – ognuno dei componenti di un attacco di emicrania è protettivo: rafforzare le difese antiossidanti, ridurre la produzione di ossidanti, ridurre i requisiti energetici e, in particolare, liberare fattori di crescita nel cervello che proteggono i neuroni e sostengono la nascita e lo sviluppo di nuovi neuroni.

“Ci sono circuiti di feedback tra questi componenti di un attacco di emicrania che li legano in un sistema integrato”, ha spiegato il Dr. Borkum. “Pare quindi che gli attacchi di emicrania non siano semplicemente innescati da stress ossidativo, ma proteggono e riparano attivamente il cervello”.

Per anni, la tentazione è stata vedere l’ attacco di emicrania – il dolore, la nausea e la sensibilità alla luce e al suono – come il disordine. Di solito, però, i sintomi di una malattia – per esempio, febbre, gonfiore, dolore o tosse, non sono la malattia stessa ma sono piuttosto parte della difesa del corpo contro di essa. “Quindi, la teoria qui ci dice che per risolvere veramente le emicranie dobbiamo capire la vulnerabilità sottostante il cervello, cioè ciò che dà origine allo stress  ossidativo “, ha detto il Dr. Borkum.

La teoria suggerisce nuove direzioni per trovare farmaci e stili di vita preventivi che si concentrano sulla riduzione dello stress ossidativo e aumentano la liberazione dei fattori di crescita. “L’esistenza di un sistema integrato per la protezione e la riparazione del cervello potrebbe rivelarsi molto utile – ad esempio, potremmo un giorno imparare da questo meccanismo come prevenire le malattie neurodegenerative”, ha dichiarato Dr. Borkum.

Fonte:


Altri articoli su emicrania