Legame tra carenza di vitamina D neonatale e schizofrenia confermato

schizofrenia

Immagine, il Professor John McGrath ha guidato una squadra che ha confermato un legame tra carenza di vitamina D neonatale e schizofrenia. Credit: The University of Queensland.

I neonati con carenza di vitamina D hanno un aumentato rischio di schizofrenia più tardi nella vita, secondo quanto riferito da un team di ricercatori australiani e danesi.

La scoperta potrebbe aiutare a prevenire alcuni casi della malattia trattando la carenza di vitamina D durante le prime fasi della vita.

Lo studio, condotto dal Professor John McGrath dell’Università del Queensland (UQ) in Australia e dall’Università di Aarhus in Danimarca, ha rilevato che i neonati con carenza di vitamina D avevano un rischio aumentato del 44% di essere diagnosticati con schizofrenia rispetto agli adulti con livelli di vitamina D normali.

“La schizofrenia comprende un gruppo di disturbi cerebrali poco conosciuti caratterizzati da sintomi come allucinazioni, delusioni e deterioramento cognitivo…“, ha detto McGrath.

“Dato che il feto in via di sviluppo dipende totalmente dai depositi di vitamina D della madre, i nostri risultati suggeriscono che garantire alle donne in gravidanza livelli adeguati di vitamina D può comportare la prevenzione di alcuni casi di schizofrenia, in un modo paragonabile al ruolo svolto dall’integrazione di folati nella prevenzione della spina bifida“.

Lo studio, basato su 2602 individui, ha confermato un precedente studio condotto dallo stesso ricercatore ed ha anche trovato un’associazione tra carenza di vitamina D neonatale e un aumentato rischio di schizofrenia.

Il team ha fatto la scoperta analizzando la concentrazione di vitamina D in campioni di sangue prelevati da neonati danesi tra il 1981 e il 2000 che hanno sviluppato la schizofrenia da giovani adulti.

I ricercatori hanno confrontato i campioni prelevati con quelli di persone abbinate per sesso e data di nascita che non avevano sviluppato la schizofrenia.

La schizofrenia è associata a molti diversi fattori di rischio, sia genetici che ambientali, ma la ricerca ha suggerito che la carenza di vitamina D neonatale potrebbe rappresentare circa l’otto per cento dei casi di schizofrenia in Danimarca.

“Gran parte dell’attenzione nella ricerca sulla schizofrenia si è concentrata su fattori modificabili nelle prime fasi della vita con l’obiettivo di ridurre il carico di questa malattia”, ha detto il ricercatore.

“La ricerca precedente ha identificato un aumento del rischio di schizofrenia associato alla nascita in inverno o in primavera e al vivere in un paese ad alta latitudine, come la Danimarca. Abbiamo ipotizzato che bassi livelli di vitamina D nelle donne in gravidanza a causa della mancanza di esposizione solare durante i mesi invernali, potrebbero essere alla base di questo rischio e studiato l’associazione tra carenza di vitamina D e rischio di schizofrenia”.

Vedi anche, Bassi livelli di vitamina D influenzano la massa muscolare e la funzione nel tempo.

 McGrath ha affermato che sebbene l’Australia abbia un sole più luminoso rispetto alla Danimarca, la carenza di vitamina D potrebbe ancora essere trovata nelle donne incinte in Australia a causa dello stile di vita e del comportamento di sicurezza adottato per evitare i danni da raggi UV.

 McGrath, che ha conseguito una prestigiosa cattedra alla Niels Bohr presso l’Università di Aarhus, ha anche condotto uno studio olandese del 2016 che ha trovato un collegamento tra la carenza di vitamina D prenatale e l’aumento del rischio di tratti di autismo infantile.

“Il passo successivo è quello di condurre studi clinici randomizzati di integratori di vitamina D in donne in gravidanza che sono carenti, al fine di esaminare l’impatto sullo sviluppo del cervello del bambino e il rischio di disturbi dello sviluppo neurologico, quali l’autismo e la schizofrenia“.

Fonte, Scientific Reports

Altri articoli su schizofrenia