Home Salute Virus e parassiti Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell’ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti di laboratorio, Ospedali e interi paesi mostrano che le maschere funzionano e i Centers for Disease Control and Prevention raccomandano coperture per il viso al pubblico statunitense. Con tutte queste prove, indossare la maschera è diventata la norma in molti luoghi.

Monica Gandhi, Professore di Medicina, Divisione di HIV, Malattie Infettive e Medicina Globale, Università della California, San Francisco, riferisce:

“Sono un medico di malattie infettive e Prof.ssa di medicina presso l’Università della California, San Francisco. Quando i Governi e i luoghi di lavoro hanno iniziato a raccomandare o imporre l’uso di maschere, i miei colleghi e io abbiamo notato una tendenza interessante. Nei luoghi in cui la maggior parte delle persone indossava maschere, coloro che erano stati infettati avevano drasticamente meno probabilità di ammalarsi gravemente rispetto ai luoghi dove le persone indossavano meno maschere.

Sembra che le persone si ammalino meno se indossano una maschera.

Quando indossi una maschera, anche una maschera di stoffa, in genere sei esposto a una dose inferiore di coronavirus di quando non la indossi. Entrambi i recenti esperimenti su modelli animali che utilizzano il coronavirus e quasi cento anni di ricerca virale, mostrano che dosi virali più basse di solito significano una malattia meno grave.

Nessuna maschera è perfetta e indossarne una potrebbe non impedirti di essere infettato. Ma potrebbe essere la differenza tra un caso di COVID-19 che ti manda in Ospedale e un caso così lieve che non ti rendi nemmeno conto di essere infetto”.

La dose di esposizione determina la gravità della malattia

Quando si inala, il virus respiratorio inizia immediatamente a dirottare tutte le cellule che si avvicinano per trasformarle in macchine per la produzione di virus. Il sistema immunitario cerca di fermare questo processo perbloccare la diffusione del virus.

La quantità di virus a cui sei esposto – chiamato inoculo virale, o dose – ha molto a che fare con “quanto” ti ammaliSe la dose di esposizione è molto alta, la risposta immunitaria può essere sopraffatta. Tra il virus che prende il sopravvento su un numero enorme di cellule e gli sforzi drastici del sistema immunitario per contenere l’infezione, si verificano molti danni al corpo e una persona può ammalarsi gravemente.

D’altra parte, se la dose iniziale del virus è piccola, il sistema immunitario è in grado di contenere il virus con misure meno drastiche. Se ciò accade, la persona avverte meno sintomi, se presenti.

Questo concetto di dose virale correlata alla gravità della malattia esiste da quasi un secolo. Molti studi sugli animali hanno dimostrato che maggiore è la dose di un virus che dai a un animale, più si ammala. Nel 2015, i ricercatori hanno testato questo concetto su volontari umani utilizzando un virus influenzale non letale e hanno trovato lo stesso risultato. Più alta era la dose di virus influenzale somministrata ai volontari, più si ammalavano.

A luglio, i ricercatori hanno pubblicato un documento che mostrava che la dose virale era correlata alla gravità della malattia nei criceti esposti al coronavirus. I criceti a cui è stata somministrata una dose virale più elevata si sono ammalati di più rispetto ai criceti a cui è stata somministrata una dose inferiore.

Sulla base di questo corpo di ricerca, sembra molto probabile che se sei esposto a SARS-CoV-2, minore è la dose, meno ti ammali.

Quindi cosa può fare una persona per abbassare la dose di esposizione?

Le maschere riducono la dose virale

La maggior parte dei ricercatori ed epidemiologi ritiene che il coronavirus sia diffuso principalmente da goccioline trasportate dall’aria e, in misura minore, da minuscoli aerosol. La ricerca mostra che sia le maschere di tessuto che le maschere chirurgiche possono bloccare la maggior parte delle particelle che potrebbero contenere SARS-CoV-2. Sebbene nessuna maschera sia perfetta, l’obiettivo non è bloccare tutto il virus, ma semplicemente ridurre la quantità che potresti inalare. Quasi tutte le maschere bloccheranno con successo una certa quantità di virus.

Esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che buone maschere in tessuto e maschere chirurgiche potrebbero impedire almeno all’ 80% delle particelle virali di entrare nel naso e nella boccaQuelle particelle e altri contaminanti rimarranno intrappolati nelle fibre della maschera, quindi il CDC consiglia di lavare la maschera in tessuto dopo ogni utilizzo, se possibile.

L’ultima prova sperimentale che mostra che le maschere riducono la dose virale proviene da un altro esperimento sui criceti.

Vedi anche:Sviluppata una mascherina in grafene che rende innocuo SARS-CoV-2

I criceti sono stati divisi in un gruppo senza maschere e un gruppo con le maschere che sono state posizionate sui tubi che portavano aria nelle gabbie del gruppo mascherato. I criceti infettati dal coronavirus sono stati posti in gabbie accanto ai criceti mascherati e non mascherati e l’aria è stata pompata dalle gabbie infette nelle gabbie con criceti non infetti.

Come previsto, i criceti mascherati avevano meno probabilità di essere infettati da COVID-19. Ma quando alcuni dei criceti mascherati sono stati infettati, hanno avuto una malattia più lieve rispetto ai criceti non mascherati.

Le maschere aumentano il tasso di casi asintomatici

A luglio, il CDC ha stimato che circa il 40% delle persone infette da SARS-CoV-2 sono asintomatiche e una serie di altri studi hanno confermato questo numero.

Tuttavia, nei luoghi in cui tutti indossano maschere, il tasso di infezione asintomatica sembra essere molto più alto. In un’epidemia su una nave da crociera australiana chiamata Greg Mortimer alla fine di marzo, ai passeggeri sono state fornite maschere chirurgiche e allo staff sono state fornite maschere N95 dopo che il primo caso di COVID-19 è stato identificato. L’utilizzo di maschere era apparentemente molto elevato e, anche se 128 dei 217 passeggeri e personale alla fine sono risultati positivi al coronavirus, l’ 81% delle persone infette è rimasto asintomatico.

Ulteriori prove sono arrivate da due epidemie più recenti, la prima in un impianto di lavorazione del pesce in Oregon e la seconda in un impianto di lavorazione del pollo in Arkansas. In entrambi i luoghi, agli operai venivano fornite maschere e veniva richiesto di indossarle sempre. Nei focolai di entrambi gli impianti, quasi il 95% delle persone infette era asintomatico.

“Non c’è dubbio che indossare una maschera universale rallenti la diffusione del coronavirus. I miei colleghi e io crediamo che le prove di esperimenti di laboratorio, studi di casi come la nave da crociera e le epidemie in impianti di trasformazione alimentare e principi biologici noti da tempo dimostrino che le maschere proteggono anche chi le indossa”, dice la Dr.ssa Gandhi.

L’obiettivo di qualsiasi strumento per combattere questa pandemia è rallentare la diffusione del virus e salvare vite umane. Il mascheramento universale farà entrambe le cose.

Fonte:The Conversation

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...