Le Filippine dichiarano il ritorno della polio dopo 19 anni

poliomielite

L’eradicazione della poliomielite  è stata una storia di successo per molti paesi in tutto il mondo, comprese le Filippine. Per quasi due decenni, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il Dipartimento della salute del paese (DOH) hanno dichiarato la nazione libera dalla polio, grazie a programmi e sforzi di immunizzazione.

In una brutta svolta di eventi, lo stato di 19 anni libero dalla polio è giunto al termine. Funzionari sanitari filippini hanno dichiarato la riemersione del primo caso di poliomielite in una bambina di 3 anni a Lanao del Sur, una provincia meridionale nella regione autonoma del Bangsamoro nel Mindanao.

La bambina di tre anni è il primo caso confermato di polio di tipo 2 nel paese. “La ragazza ora è a casa, ma con una paralisi residua”, ha confermato il  DOH.

Il Dr. Francisco Duque II, Segretario del Dipartimento della Salute (DOH), ha affermato che le autorità hanno confermato il caso della polio e hanno anche rilevato il poliovirus in campioni di fognature a Manila e corsi d’acqua a Davao, una provincia a sud delle Filippine.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e il Japan National Institute for Infectious Diseases avevano verificato i campioni inviati dal paese, confermando così la presenza del virus in tali luoghi.

L’OMS e l’UNICEF esprimono preoccupazione per il riemergere del virus

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) esprimono profonda preoccupazione per il paese, dove è stato segnalato l’ultimo caso di polio nel 1993, spingendo le agenzie sanitarie a dichiarare il paese libero dalla polio nel 2000.

“Siamo molto preoccupati per il fatto che i poliovirus circolano ora a Manila, Davao e Lanao del Sur”, ha dichiarato in una nota la Dott.ssa Rabindra Abeyasinghe, rappresentante dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nelle Filippine.

“L’OMS e l’UNICEF stanno lavorando a stretto contatto con il Dipartimento della Salute per rafforzare la sorveglianza e rispondere rapidamente a questo focolaio. Esortiamo tutti i genitori dei bambini di età inferiore ai 5 anni e gli operatori sanitari a farli vaccinare in modo che siano protetti contro la poliomielite per tutta la vita “, ha aggiunto la Dr.ssa.

Il rappresentante dell’UNICEF nelle Filippine, Oyun Dendevnorov, ha affermato che l’agenzia sta lavorando con l’OMS e il DOH per accelerare la risposta per frenare la diffusione dell’infezione virale.

“L’epidemia richiede un’azione urgente per proteggere più bambini dall’infezione. Ci ricorda l’importanza di aumentare la copertura immunitaria al 95% dei bambini per fermare la trasmissione del poliovirus nelle Filippine. La vaccinazione è l’unica e migliore protezione contro la poliomielite che colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai 5 anni “, ha spiegato Oyun Dendevnorov,

Prima della dichiarazione dell’epidemia, il DOH e alcuni dei suoi partner avevano lanciato una campagna di immunizzazione della poliomielite a Manila. Tuttavia, è necessario accelerare gli sforzi per condurre un’immunizzazione di massa contro la poliomielite il più presto possibile.

A ottobre, il DOH prevede di condurre una risposta rapida allo scoppio attraverso una campagna nazionale di immunizzazione della poliomielite di massa per tutti i bambini di età inferiore ai 5 anni. I funzionari sanitari sollecitano i genitori e gli operatori sanitari a partecipare alla campagna, che si dice sia l’unico modo per arginare l’epidemia e proteggere i bambini dalla malattia paralizzante.

Che cos’è la poliomielite?

La poliomielite è un’infezione potenzialmente fatale che colpisce i bambini, causando la paralisi. In effetti, il virus colpisce il sistema nervoso e nei casi peggiori porta alla paralisi totale nel giro di poche ore. Il virus può diffondersi attraverso la via fecale-orale. Il veicolo più comune sono cibo o acqua contaminati.

I sintomi della malattia includono affaticamento, febbre, vomito, mal di testa, rigidità del collo e dolore agli arti. In circa una su 200 infezioni, può verificarsi una paralisi irreversibile, che di solito colpisce le gambe. Nei pazienti con paralisi, si stima che il 5-10 percento muoia quando i muscoli respiratori si irrigidiscono e si immobilizzano.

Non esiste una cura per la poliomielite, ma è prevenibile. L’immunizzazione e le buone pratiche igieniche sono strategie chiave per combattere la malattia. Un bambino può essere protetto contro il virus a vita se somministrato più volte con il vaccino antipolio.

Il vaccino orale contro la poliomielite

Il vaccino orale contro la poliomielite è un vaccino importante somministrato ai bambini delle Filippine prima del primo anno di vita. La copertura vaccinale nazionale contro la poliomielite va dal 66 al 68 percento, che è molto più bassa dell’obiettivo nazionale del 95 percento.

Il riemergere dell’infezione potrebbe essere derivato dalla diminuzione della fiducia generale del pubblico nell’immunizzazione, a causa della risposta altamente politicizzata degli effetti collaterali segnalati e dei rischi presentati da uno dei vaccini introdotti nel paese, la Dengvaxia, che è stato formulato per combattere la febbre Dengue.

Il vaccino orale contro la poliomielite (OPV) è un vaccino sicuro ed efficace e, ad oggi, ha salvato milioni di vite. L’OMS riferisce che oltre 18 milioni di persone hanno riguadagnato la capacità di camminare, che altrimenti avrebbero potuto essere paralizzate, grazie al vaccino contro la polio. Inoltre, sono stati evitati oltre 1,5 milioni di decessi infantili. Dall’introduzione del vaccino nel 1988, il numero complessivo di casi è diminuito di oltre il 99 percento.