Le cellule progenitrici endoteliali del midollo osseo trapiantate ritardano la progressione della SLA

Immagine, neuroscienziata della University of South Florida Svitlana Garbuzova-Davis, Ph.D. Credito: © University of South Florida.

Il trapianto di cellule progenitrici endoteliali umane (EPC) derivate dal midollo osseo dei topi che con i sintomi della sclerosi laterale amiotrofica (SLA) ha aiutato più neuroni motori a sopravvivere e rallentato la progressione della malattia riparando i danni alla barriera emato-spinale (BSCB), secondo i ricercatori della  University of South Florida.

Il nuovo studio, pubblicato il 27 marzo in Scientific Reports, contribuisce a un crescente corpo di lavoro che esplora approcci di terapia cellulare per la riparazione della barriera  emato-spinale nella SLA e in altre malattie neurodegenerative.

La progressiva degenerazione delle cellule nervose che controllano il movimento dei muscoli ( motoneuroni ) porta infine alla paralisi totale e alla morte da SLA. Ogni giorno, la malattia viene diagnosticata in una media di 15 americani, secondo l’associazione SLA.

Il danno alla barriera emato-spinale tra il sistema circolatorio del sangue e il sistema nervoso centrale è stato riconosciuto come un fattore chiave nello sviluppo della SLA. Un danno a questo muro protettivo che espone il cervello e il midollo spinale alle cellule immunitarie / infiammatorie e ad altre sostanze potenzialmente dannose che circolano nel sangue periferico. La cascata di eventi biochimici che portano alla SLA include alterazioni delle cellule endoteliali che rivestono la superficie interna dei minuscoli vasi sanguigni vicino ai neuroni motori danneggiati del midollo spinale.

Vedi anche, Le statine potrebbero proteggere dalla SLA.

Questo ultimo studio della ricercatrice Svitlana Garbuzova-Davis e colleghi del Centro di eccellenza per l’invecchiamento e la riparazione del cervello dell’Università Morsani di San Francisco, si basa su uno studio precedente che dimostra che le cellule staminali derivate dal midollo osseo umano hanno migliorato funzioni motorie e condizioni del sistema nervoso nei topi sintomatici SLA facendo avanzare la riparazione della barriera. Tuttavia, in quel precedente studio USF l’ effetto benefico è stato ritardato fino a diverse settimane dopo il trapianto di cellule staminali e alcuni capillari gravemente danneggiati sono stati rilevati anche dopo un trattamento ad alte dosi. Quindi, in questo studio, i ricercatori hanno testato se le cellule EPC umane raccolte dal midollo osseo, ma più geneticamente simili alle cellule endoteliali vascolari rispetto alle cellule staminali indifferenziate, fornissero un restauro ancora migliore della BSCB.

I topi SLA sono stati somministrati per via endovenosa con una dose di EPC derivate da midollo osseo umano. Quattro settimane dopo il trapianto, i risultati del trattamento è stato confrontato con i risultati di altri due gruppi di topi: i topi affetti da SLA che hanno ricevuto un trattamento con soluzione salina e topi sani.

I topi SLA sintomatici sottoposti a trattamenti EPC hanno dimostrato una funzionalità motoria significativamente migliorata, una maggiore sopravvivenza dei motoneuroni e una progressione della malattia più lenta rispetto alle controparti sintomatiche iniettate con soluzione salina. I ricercatori suggeriscono che questi benefici che portano alla riparazione della barriera emato-spinale potrebbero essere stati promossi dall’attacco diffuso delle EPC ai capillari nel midollo spinale. Supportano questa strategia, evidenze di capillari sostanzialmente restaurati, meno perdite capillari e ristabilimento di cellule di supporto strutturale (astrociti perivascolari) che svolgono un ruolo nell’aiutare a formare una barriera protettiva nel midollo spinale e nel cervello.

Sono necessarie ulteriori ricerche per definire chiaramente i meccanismi di riparazione della barriera EPC, ma, gli autori dello studio concludono: “Da un punto di vista traslazionale, l’inizio del trattamento cellulare nella fase sintomatica della malattia ha offerto un solido ripristino dell’integrità della barriera emato-spinale e mostra la promessa come una futura terapia clinica per la SLA.

Fonte, Nature