Home Medicina Alternativa Le alghe Chlamydomonas reinhardtii hanno dimostrato di migliorare la salute gastrointestinale

Le alghe Chlamydomonas reinhardtii hanno dimostrato di migliorare la salute gastrointestinale

Immagine: Credit: Frank Fields, UC San Diego

La Chlamydomonas reinhardtii, un’alga eucariote unicellulare di circa 10 µm di diametro, è famosa nei laboratori scientifici ed è tra le alghe più studiate in modo esauriente al mondo. Per decenni, questa alga che cresce principalmente nel suolo umido, è servito da specie modello per argomenti di ricerca che vanno dai biocarburanti a base di alghe all’evoluzione delle piante. Mentre altre specie di alghe sono state utilizzate come nutraceutici dietetici che forniscono oli benefici, vitamine, proteine, carboidrati, antiossidanti e fibre, i benefici del consumo di C. reinhardtii erano precedentemente inesplorati.

I ricercatori dell’Università della California a San Diego hanno recentemente completato il primo studio che ha esaminato gli effetti del consumo di C. reinhardtii e hanno dimostrato che queste alghe migliorano i problemi gastrointestinali umani associati alla sindrome dell’intestino irritabile (IBS) come diarrea, gas e gonfiore.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Functional Foods.

“I ricercatori hanno osservato queste alghe per decenni, ma questo è il primo studio a dimostrare ciò che molti di noi hanno sospettato: ossia che sono un beneficio per la salute”, ha affermato il principale ricercatore ed esperto di alghe Stephen Mayfield, illustre Professore della divisione UC di San Diego di Scienze biologiche e co-Direttore del programma Food and Fuel for the 21st Century (FF21). “Questo studio è eccitante perché dimostra un chiaro vantaggio: se hai sintomi simili all’IBS, questa alga ti farà bene”.

Per anni i ricercatori del laboratorio di Mayfield hanno esplorato l’alga C. reinhardtii come fonte competitiva e sostenibile in termini di costi di preziosi prodotti a base vegetale, in particolare prodotti farmaceutici e biocarburanti. Ora, lavorando con diversi collaboratori, tra cui John Chang (School of Medicine) della UC San Diego, Rob Knight (School of Medicine, Jacobs School of Engineering and Center for Microbiome Innovation) e la startup Triton Algae Innovations, con sede a San Diego, hanno trasferito la loro attenzione allo studio delle alghe come additivo alimentare nutriente per migliorare la salute umana.
La C. Reinhardtii utilizzata nello studio, che è stata coltivata da Triton Algae Innovations, è stata sottoposta a rigorosi test di sicurezza e designata come “generalmente riconosciuta come sicura” dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, dando luce verde all’ uso dell’organismo in uno studio umano.
I dati preliminari negli studi sui topi hanno dimostrato che il consumo di C. reinhardtii riduce significativamente il tasso di perdita di peso nei topi con colite acuta che è generalmente legata all’infiammazione del tratto digestivo. Sulla base di questi risultati, i ricercatori hanno trovato un effetto simile quando le alghe sono state consumate da volontari umani, compresi quelli con e senza sintomi associati all’IBS. I volontari hanno assunto quotidianamente C. Reinhardtii in polvere e hanno riferito ai ricercatori della loro salute gastrointestinale per un mese. Delle centinaia di partecipanti interessati al progetto, i dati di 51 volontari hanno soddisfatto i requisiti dello studio per l’inclusione nelle analisi dei dati finali.
I risultati hanno mostrato che i partecipanti che soffrivano di una storia di frequenti sintomi gastrointestinali riferivano significativamente meno disagio e diarrea intestinale, significativamente meno gas o gonfiore e movimenti intestinali più regolari.
“I benefici del consumo di questa specie di alghe sono stati immediatamente evidenti nell’esaminare i dati di topi e umani che soffrivano di sintomi gastrointestinali“, ha dichiarato Frank Fields, ricercatore nel laboratorio di Mayfield e autore principale dell’articolo. “Spero che questo studio aiuti a destigmatizzare il pensiero di aggiungere le alghe e prodotti a base di alghe alla vostra dieta: l’alga è una fantastica fonte di nutrimento e ora abbiamo dimostrato che questa specie di alghe ha ulteriori benefici per la salute animale e umana”.
Inoltre, ai volontari sono stati forniti kit di campionamento delle feci e i campioni sono stati inviati all’American Gut Project, uno sforzo scientifico condotto da Knight e dal suo laboratorio, per valutare eventuali cambiamenti nei loro microbiomi. I risultati hanno indicato che la composizione del microbioma intestinale è rimasta diversificata, caratteristica tipica degli individui più sani e che durante lo studio non si sono verificati cambiamenti significativi nella composizione del loro microbioma intestinale a seguito del consumo di alghe.
I ricercatori affermano che sono necessari molti più test con gruppi più grandi di partecipanti per periodi di tempo più lunghi. Inoltre, non è stato ancora chiarito come le alghe migliorano la salute gastrointestinale. Gli scienziati ritengono che i benefici potrebbero essere ricondotti a una molecola bioattiva nelle alghe o forse a un cambiamento nell’espressione genica dei batteri intestinali causato dal consumo di alghe.

ULTIMI ARTICOLI

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...

Composto ultrapotente può aiutare a trattare C. diff e ridurre le recidive

Immagine:Public Domain. Clostridioides difficile o C. diff, è la principale causa di infezione associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Solo due antibiotici, Vancomicina eFfidaxomicina, sono stati...

Sindrome dell’intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Ricercatori dell'Università del Queensland hanno scoperto che un peptide specifico trovato nel veleno di ragno potrebbe alleviare il dolore nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Lo...

Nuove inaspettate possibilità per la ricerca sugli antidolorifici da SARS-CoV-2

Immagine: la proteina spike su SARS-CoV-2 interferisce con la percezione del dolore. SEBASTIAN KAULITZKI / SCIENCE PHOTO LIBRARY / Getty Images. L'autore di un nuovo...

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...