Home Salute L'anestesia generale aumenta il rischio di demenza?

L’anestesia generale aumenta il rischio di demenza?

Immagine:Public Domain.

Si teme che l’esposizione all’anestesia generale durante l’intervento chirurgico possa contribuire ad un aumento del rischio di malattia di Alzheimer. 

Per indagare, i ricercatori hanno confrontato l’esposizione all’anestesia generale rispetto all’anestesia locale durante la chirurgia elettiva, cercando potenziali collegamenti con lo sviluppo della demenza.

- Advertisement -

I ricercatori si sono chiesti se l’intervento chirurgico vero e proprio o l’anestesia, o lo stress di essere in Ospedale possono aumentare il rischio di demenza. Probabilmente tutte queste cose insieme o probabilmente è la procedura chirurgica in sé ad aumentare il richio.
Il vero punto di forza dello studio è la sua dimensione. Tuttavia, l’entità del rischio evidenziata è in contrasto con quella emersa in alcuni degli altri studi condotti sull’argomento.

Vedi anche:Nuova luce su uno degli effetti più dannosi dell’anestesia: la funzione cardiaca depressa

Lo studio, pubblicato dal Journal of the American Geriatrics Society ha incluso 7.499 coppie abbinate di individui residenti in comunità di età pari o superiore a 66 anni che sono stati sottoposti a intervento chirurgico tra il 2007 e il 2011 e sono stati seguiti per un massimo di 5 anni.

I ricercatori non hanno riscontrato differenze nel rischio di essere diagnosticati con demenza per gli individui che hanno ricevuto l’anestesia generale rispetto a quelli che hanno ricevuto l’anestesia locale.

- Advertisement -

“Molti anziani sperimentano cambiamenti nella loro cognizione immediatamente dopo l’intervento chirurgico e ci chiediamo quale ruolo il tipo di anestetico potrebbe aver giocato in questi cambiamenti”, ha detto l’autore senior Dallas P. Seitz, MD, PhD, FRCPC, dell’Università di Calgary, in Canada . “Il nostro studio fornisce la prova che la tecnica anestetica utilizzata durante interventi chirurgici elettivi, anestesia generale o anestesia locale non è associata a un rischio a lungo termine di sviluppare demenza”.

Fonte: Journal of the American Geriatrics Society

ULTIMI ARTICOLI

COVID 19 grave: carenza di interferone la causa

Immagine COVID 19 grave. Credito Public Domain. Capire cosa contribuisce allo sviluppo di COVID 19 grave sarebbe di grande beneficio clinico. L'analisi delle persone in...

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...