HomeMedicina AlternativaL'aloe vera è " la pianta dell'immortalità"

L’aloe vera è ” la pianta dell’immortalità”

‘ Aloe Vera ha una storia di circa 6000 anni. La civiltà egizia ha notato per prima i suoi benefici straordinari per la salute e l’ha chiamata ” la pianta dell’immortalità”. 

E’ stata utilizzata per vari problemi di salute che vanno dall’ insonnia, calvizie, cattiva digestione e persino cancro. Ulteriori proprietà curative sono state scoperte nel tempo, a partire dal 18 ° secolo, quando l’Aloe Vera è stata spesso impiegata per il trattamento di altre condizioni, come irritazioni cutanee, ustioni e ferite.

L’aloe Vera è ormai considerata un superfood da molti operatori sanitari in quanto è un antibatterico eccezionale, anti-fungine, anti-virale ed ha  importanti proprietà antiossidanti. Questa pianta è ricca di numerose vitamine e minerali. E’ anche considerata un adattogeno che significa sostanzialmente che ha la capacità di aiutare il corpo ad adattarsi e resistere a praticamente tutte le modifiche indotte che normalmente possono portare a malattie. Stimola automaticamente meccanismi di difesa che possono far fronte più efficacemente alle varie forme di stress.

- Advertisement -

L’ Aloe Vera non è solo eccezionalmente buona per la pelle e il sistema immunitario, ma la ricerca tende ora a mostrare il suo immenso potenziale quando si tratta di problemi legati al sistema cardiovascolare e persino alcune forme di cancro.

La ricerca mostra che l’aloe Vera può inibire la crescita del cancro della pelle

In India, gli scienziati hanno voluto mettere alla prova l’efficacia dell’ Aloe Vera quando impiegata sia a livello topico che per via orale. Essi hanno notato che i topi trattati con una qualsiasi forma di Aloe Vera, avevano fino al 60% in meno di probabilità di sviluppare tumori.  I ricercatori sono convinti che l’attività chemiopreventiva dell’ Aloe Vera deriva dalle sue alte concentrazioni di antiossidanti, glutatione perossidasi, diversi isoenzimi di superossido dismutasi, selenio, zinco e polisaccaridi.

Sulla base di alcuni esperimenti, si ritiene che quando l’ Aloe Vera viene introdotta nel flusso sanguigno, può aumentare significativamente il trasposto di ossigeno e favorire le capacità dei globuli rossi. Il British Medical Journal ha pubblicato uno studio che ha mostrato come componenti dell’ Aloe Vera sono stati in grado di abbassare i livelli di colesterolo, controllare i livelli di pressione sanguigna e migliorare la circolazione rendendo più fluido il sangue. Questi risultati sono un chiaro segno che il consumo di Aloe Vera riduce anche i rischi di malattie cardiache.

Molti ricercatori hanno scoperto che le ustioni possono guarire fino a nove giorni più velocemente, quando vengono trattate con l’ aloe Vera .

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...