Home Salute Virus e parassiti La terapia precoce con Eparina migliora l'ipossia nei pazienti con COVID-19

La terapia precoce con Eparina migliora l’ipossia nei pazienti con COVID-19

L’uso sistemico di Eparina per il trattamento della COVID-19, ha mostrato miglioramenti significativi nello scambio di ossigeno e nella presentazione clinica complessiva dei pazienti, come riportato da uno studio brasiliano disponibile su un server di prestampa medRxiv.

La pandemia COVID-19, causata da una grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2), sta ponendo un enorme carico di cure critiche. Finora le unità di terapia intensiva hanno basato i loro protocolli su precedenti esperienze con influenza e altre infezioni virali.

Disturbi della coagulazione come segno distintivo della malattia COVID-19

Dall’inizio della pandemia di COVID-19, la gravità della malattia è stata associata a marcatori di disturbi della coagulazione e indipendentemente collegata allo sviluppo di insufficienza respiratoria, ipossia (bassi livelli di ossigeno) e morte. Inoltre, è stato costantemente dimostrato che SARS-CoV-2 provoca una “tempesta di citochine” che alla fine porta all’attivazione della cascata della coagulazione, causando vari fenomeni trombotici e compromettendo l’apporto di sangue adeguato a molti organi del corpo.
A differenza del tipico irrigidimento polmonare tipicamente osservato nella sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), nei pazienti con COVID-19 l’ipossiemia grave (ovvero bassi livelli di ossigeno nel sangue) è accompagnata da una compliance polmonare quasi normale – in particolare nelle prime fasi della malattia .
Finora, la letteratura mostra che la mancata corrispondenza ventilazione-perfusione a causa dell’ostruzione capillare potrebbe essere una caratteristica chiave nell’ipossiemia refrattaria presentata da questi pazienti. Allo stesso tempo, la coagulazione intravascolare disseminata può avere un ruolo significativo sia nell’ipossiemia che nel risultato finale.
Una serie di casi retrospettivi
Poiché il trattamento della coagulazione intravascolare disseminata consiste nel ritardare la cascata della coagulazione utilizzando basse dosi di anticoagulanti, un gruppo di autori dell’Ospedale Sirio-Libanes di San Paolo e della Scuola medica dell’Università di San Paolo ha preso in considerazione l’ipotesi di aggiungere un trattamento precoce con Eparina al proprio regime di cura standard.
In una recente pubblicazione disponibile presso il server di prestampa medRxiv, gli autori hanno condotto una serie di casi retrospettivi di 27 pazienti COVID-19 ammessi al servizio di pneumologia all’Ospedale Sirio-Libanes trattati con eparina in dosi terapeutiche adattate alla gravità clinica. Inoltre, a tutti i pazienti è stato somministrato un trattamento di 10 giorni con Azitromicina, mentre il Metilprednisolone è stato introdotto quando la condizione è peggiorata in base alla radiologia e ai risultati di laboratorio. Se si è verificato un aumento sostanziale dei livelli di proteina C-reattiva (che è un marker di infiammazione), nei casi di infezione secondaria è stata iniziata una terapia antibiotica mirata.
Il rapporto tra la pressione parziale dell’ossigeno arterioso e la frazione di ossigeno inspirato (rapporto PaO2 / FiO2) è stato usato come indicatore comunemente usato della funzionalità polmonare nei pazienti gravemente malati. Per molti anni, medici e ricercatori hanno fatto affidamento su questa misura per caratterizzare la gravità dell’ARDS.

Affrontare l’ipercoagulabilità nei pazienti COVID-19

Nei primi tre giorni è stato osservato un graduale, ma significativo miglioramento del rapporto PaO2 / FiO2 e in media oltre la metà dei pazienti è stata dimessa entro 7,3 giorni.
Inoltre, la metà dei pazienti sottoposti a ventilazione meccanica è stata estubata in media entro 10,3 giorni. I restanti pazienti hanno dimostrato un miglioramento progressivo senza complicanze emorragiche o morti.  “I nostri risultati suggeriscono l’importante ruolo della coagulazione intravascolare disseminata come uno dei principali meccanismi di insufficienza d’organo in COIVID-19 e la potenziale risposta alla terapia anticoagulante precoce”, spiegano gli autori dello studio guidati dal Dr. Elnara Marcia Negri dell’ospedale Sirio-Libanes di San Paolo. A nostro avviso, data la marcata ipercoagulabilità osservata in questi pazienti – e di nuovo in accordo con i risultati dell’autopsia – è necessaria un’adeguata modellazione delle dosi di eparina per prevenire la reocclusione capillare evitando i rischi di complicanze emorragiche“, aggiungono gli autori.
Sebbene questa serie di casi incontrollati non fornisca la prova assoluta della coagulazione intravascolare disseminata come causa di insufficienza respiratoria nei pazienti COVID-19, gli effetti benefici dell’eparinizzazione della dose su misura forniscono preziose intuizioni sia per comprendere i meccanismi fisiopatologici stabiliti della malattia sia per il trattamento di questi pazienti gravemente malati.

La terapia con eparina: un approccio unico per tutti?

 Il sostanziale miglioramento dimostrato sia nei sintomi che nello scambio di ossigeno dei pazienti COVID-19 in risposta all’approccio anticoagulante rivela il ruolo potenziale dell’uso sistemico di eparina per il trattamento di tali pazienti.
Questa linea di ragionamento è corroborata dall’aumentata incidenza di eventi trombotici nei pazienti con COVID-19, ma anche osservazioni simili in altri recenti focolai di coronavirus. Un altro livello di prova sono i trombi documentati nella microvascolatura dei pazienti deceduti con COVID-19. “Il fatto che si tratti di uno studio retrospettivo senza braccio di controllo non ci consente ancora di concludere definitivamente che l’eparina in dosi su misura debba essere sistematicamente impiegata in tutti i pazienti COVID19”, ammoniscono gli autori dello studio. “Tuttavia, i nostri risultati in questo primo gruppo di pazienti forniscono certamente spunti di riflessione e forse una logica per giustificare l’uso di un farmaco facilmente disponibile e noto come l’Eparina per migliorare la prognosi debole di tali pazienti malati mentre aspettiamo dati più solidi su questo argomento che potrebbe essere forniti da uno studio prospettico controllato “, concludono gli autori dello studio.
Fonte: mdRvix

ULTIMI ARTICOLI

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...

Distrofia muscolare di Duchenne: nuovo farmaco mostra benefici nella sperimentazione clinica

Immagine: Public Domain. Un nuovo farmaco offre speranza ai giovani ragazzi affetti da distrofia muscolare di Duchenne (DMD), malattia neuromuscolare progressiva, offrendo potenzialmente un'alternativa ai...

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...