La terapia combinata CD40 può ridurre il carcinoma del pancreas

carcinoma del pancreas


Una nuova combinazione di immunoterapia e chemioterapia per il carcinoma del pancreas ha causato il restringimento dei tumori nella maggior parte dei pazienti valutabili – 20 su 24, secondo un’analisi provvisoria dei dati dello studio di fase 1b.

I primi risultati forniscono la speranza che questa strategia che coinvolge l’anticorpo CD40, un inibitore del checkpoint immunitario e una chemioterapia standard possa essere efficace per trattare il terzo tipo di cancro più mortale della nazione.

I ricercatori dell’Abramson Cancer Center presso l’Università della Pennsylvania hanno presentato i risultati del loro studio oggi, in una sessione plenaria di prove cliniche all’Asian Association for Cancer Research 2019 Annual Meeting di Atlanta. Lo studio in corso è stato condotto in collaborazione con l’Istituto Parker per l’immunoterapia contro il cancro e le sue altre istituzioni e partner membri.

Questi risultati indicano che questa nuova e innovativa terapia combinata può essere efficace contro il cancro del pancreas“, ha detto il co-autore Mark H. O’Hara,  un assistente Professore di Ematologia-Oncologia presso la Penn. “Se il tempo e ulteriori ricerche saranno realmente in grado di replicare i risultati dello studio, i nostri dati saranno motivo di ottimismo”, dice O’Hara.

L‘adenocarcinoma duttale pancreatico (PDAC) è il tipo più comune di cancro al pancreas e uccide più americani ogni anno rispetto a qualsiasi altro tipo di tumore diverso dal polmone e dal colon-retto. Nonostante rappresenti solo il 3% dei nuovi casi di cancro, è responsabile di oltre il 7% di tutti i decessi per cancro e solo l’8,5% dei pazienti sopravvive a cinque anni con la malattia. Ricerche precedenti hanno dimostrato che gli inibitori di PD-1 sono inefficaci da soli contro PDAC, ma i dati preclinici hanno mostrato che la combinazione di inibitori PD-1 con anticorpi diretti ad un antigene diverso noto come CD40 può innescare una risposta immunitaria.

Per questo studio, i pazienti con PDAC metastatico precedentemente non trattati hanno ricevuto combinazioni di quattro diverse terapie. Ogni paziente ha ricevuto gemcitabina e nab-paclitaxel, che sono le chemioterapie standard di cura, così come un anticorpo sperimentale che bersaglia CD40, chiamato APX005M. La metà dei pazienti ha ricevuto anche l’inibitore del PD-1 nivolumab. A partire dal taglio dei dati per l’analisi ad interim, 20 su 24 pazienti (83%) hanno visto ridursi i loro tumori. Nel complesso, sebbene la maggior parte dei pazienti abbia avuto effetti collaterali dal trattamento che erano comunque previsti e gestibili, diversi pazienti hanno continuato il trattamento per più di un anno, il che suggerisce anche che il trattamento di combinazione può produrre una risposta duratura.

Vedi anche, Scoperto potenziale trattamento per il cancro del pancreas.

“Vedere pazienti che continuano il trattamento per questo lasso di tempo ci fa sperare che questo approccio combinato sia promettente, soprattutto se si considera che per il cancro del pancreas in stadio 4, la sopravvivenza mediana è di soli due-sei mesi”, ha detto l’autore senior Robert H. Vonderheide ,Direttore dell’Abramson Cancer Center e membro del ricercatore membro Parker Institute. Vonderheide ha condotto in precedenza il primo trial clinico su APX005M riportato nel 2017 che ha consentito lo studio in corso.

“Questo studio rappresenta la prima dimostrazione che il nostro modello collaborativo unico, che abbiamo usato per riunire partner provenienti da diverse Università, farmaceutica e biotecnologie, può aiutare ad accelerare il processo di traduzione dei risultati di laboratorio in studi clinici efficaci e avere impatto in aree con elevato insoddisfatto medico bisogno “, ha detto Ramy Ibrahim, chief medical officer presso l’Istituto Parker per l’immunoterapia contro il cancro. “Sulla base di questi risultati iniziali ma promettenti, siamo entusiasti di vedere i risultati della fase successiva dello studio”.e.

La fase randomizzata di due fasi del trial che valuta la chemioterapia, APX005M e / o nivolumab è attualmente in corso. Apexigen, che produce APX005M e Bristol-Myers Squibb, che produce nivolumab, hanno fornito ciascuno i farmaci per questo studio. Ulteriore supporto è stato fornito dal Cancer Research Institute.

Fonte, Penn Medicine news