La temperatura ha un effetto “modesto” sulle velocità di trasmissione SARS-CoV-2

Immagine: Public Domain.

Un nuovo studio rileva che temperature più calde sono associate a tassi più bassi di SARS-CoV-2. Tuttavia, i ricercatori affermano che l’effetto è modesto e mettono in guardia dal rilassamento delle misure di contenimento.

Alcuni virus mostrano un comportamento stagionale. I casi di influenza, ad esempio, hanno un picco durante l’autunno e l’inverno, comunemente noto come la stagione influenzale. Ci sono varie ragioni per questo, inclusi fattori biologici legati al virus, nonché fattori sociali e ambientali. La stagionalità del virus dell’influenza ha suscitato speranze che lo stesso possa valere per il nuovo coronavirus, SARS-CoV-2 e che i casi di caontagio possano quindi diminuire durante i mesi estivi. In effetti, i dati di laboratorio suggeriscono che SARS-CoV-2 sopravvive per un periodo più breve a temperature più elevate. Tuttavia, l’effetto della temperatura sulla trasmissione del virus nel mondo reale non è attualmente chiaro. 

Oltre alla temperatura, la luce UV ha anche un potente effetto sugli agenti virali. Le persone usano abitualmente specifiche lunghezze d’onda della luce UV, come UV-C, per disinfettare le superfici in laboratori e Ospedali. È possibile che il clima estivo, con la sua maggiore luce solare, possa influenzare anche la trasmissione sul terreno.

I ricercatori del Mount Auburn Hospital di Cambridge, MA, hanno ora analizzato l’impatto di questi fattori sulla velocità di trasmissione del virus nella vita reale. Oltre all’indice e alla temperatura UV, i ricercatori hanno considerato l’effetto dei livelli di precipitazione sul tasso di malattia, utilizzando i dati del mondo reale sul numero di casi COVID-19 che si verificano negli Stati Uniti. Hanno scoperto che la temperatura e i raggi UV hanno entrambi un piccolo effetto sulla trasmissione, ma apparentemente le precipitazioni non ne hanno.
I risultati appaiono  nella rivista Clinical Infectious Diseases.
Collegamento dei dati meteorologici ai casi COVID-19
I ricercatori hanno valutato il numero di casi di infezione da SARS-CoV-2 segnalati ogni giorno negli Stati Uniti dal 22 gennaio al 3 aprile 2020, utilizzando il Dashboard COVID-19 della Johns Hopkins University. Hanno combinato questi dati con i dati a livello statale su temperatura, precipitazioni e indice UV dei Centri nazionali per l’informazione ambientale. Il team ha quindi valutato le associazioni tra le serie di dati utilizzando l’analisi di regressione, una metodologia statistica che stima le relazioni tra le variabili. Sebbene studi precedenti abbiano esaminato l’effetto della temperatura e della luce UV sul SARS-CoV-2 in laboratorio, questo è il primo studio a valutare l’impatto di questi fattori sulla trasmissione del virus nella comunità.
“Questo è probabilmente uno dei primi studi peer-reviewed che esaminano l’influenza che la temperatura, le precipitazioni e la luce UV hanno in termini di trasmissione del virus nella popolazione generale negli Stati Uniti”, dice la Dr. Shiv T. Sehra, primo autore e Direttore dell’Internal Medicine Residency Program presso il Mount Auburn Hospital.
Un effetto modesto
L’analisi ha rivelato che tassi più bassi di COVID-19 erano associati a temperature più calde. “Mentre il tasso di trasmissione del virus può rallentare quando la temperatura massima giornaliera aumenta, gli effetti dell’aumento della temperatura non sembrano essere significativi”, afferma il Dottor Sehra. Anche l’indice UV ha avuto un’associazione significativa, ma modesta, con il numero di casi, mentre le precipitazioni non hanno mostrato alcun impatto sulla trasmissione virale. I ricercatori hanno anche modellato ciò che accadrebbe alle velocità di trasmissione a cinque diversi intervalli di temperatura: sotto 30 ° F, 30–40 ° F, 40-50 ° F, 50–60 ° F e oltre 60 ° F. Hanno scoperto che il tasso più basso di nuovi casi si è verificato quando la temperatura 5 giorni prima era superiore a 50 ° F. Il modello ha prodotto i più alti tassi di infezione quando questa temperatura è scesa sotto i 30 ° F. Questi risultati suggeriscono che potrebbe esserci un aumento della trasmissione della malattia negli Stati Uniti durante l’autunno. Nel loro articolo, gli autori propongono che anche i paesi dell’emisfero meridionale potrebbero vedere un aumento dei casi man mano che le temperature iniziano a diminuire.
Le misure di contenimento dovrebbero rimanere in vigore
Nel complesso, i risultati suggeriscono che l’effetto della temperatura sulla trasmissione del virus è piccolo e probabilmente non avrà un effetto significativo sul numero di casi.
“Sulla base della nostra analisi, l’associazione modesta suggerisce che è improbabile che la trasmissione della malattia rallenti drasticamente nei mesi estivi dall’aumento della sola temperatura”, riassume il Dottor Sehra.
Gli autori dello studio mettono in guardia contro l’allentamento delle misure di contenimento nei mesi estivi, spiegando che l’effetto della temperatura sulla trasmissione è piccolo e che difficilmente rallenterà la diffusione della malattia se le misure di contenimento sono rilassate.