Fino al 45% delle infezioni da SARS-CoV-2 può essere asintomatico

Coronavirus virus outbreak and coronaviruses influenza background as dangerous flu strain cases as a pandemic medical health risk concept with disease cells as a 3D render

Immagine: Public Domain.

Una percentuale straordinaria di persone infette dal virus SARS-CoV-2 dietro la mortale pandemia di COVID-19 non mostra i sintomi della malattia, secondo i risultati di un’analisi dello Scripps Research Institute di set di dati pubblici su infezioni asintomatiche.

I risultati dello studio, pubblicati negli Annals of Internal Medicine, suggeriscono che le infezioni asintomatiche possono rappresentare fino al 45% di tutti i casi di COVID-19, svolgendo un ruolo significativo nella diffusione precoce e in corso di COVID-19. Il rapporto evidenzia la necessità di test estesi e tracciabilità dei contatti per mitigare la pandemia.

“La diffusione silenziosa del virus rende ancora più difficile il controllo”, afferma Eric Topol, MD, fondatore e Direttore dello Scripps Research Translational Institute e Professore di Molecular Medicine presso lo Scripps Research. “La nostra recensione evidenzia davvero l’importanza dei test. È chiaro che con un tasso asintomatico così elevato, dobbiamo lanciare una rete molto ampia, altrimenti il ​​virus continuerà a sfuggirci“.

Insieme allo scienziato comportamentale Daniel Oran, Topol ha raccolto informazioni da studi di sperimentazione in 16 diverse coorti di tutto il mondo. Questi set di dati, raccolti tramite ricerche di parole chiave su PubMed, bioRxiv e medRxiv, nonché ricerche su Google di notizie pertinenti, includevano dati su residenti in case di cura, passeggeri di navi da crociera, detenuti e vari altri gruppi.

Vedi anche: Agente antivirale derivato dall’alpaca neutralizza SARS-CoV-2

“Ciò che praticamente tutti avevano in comune era che una percentuale molto ampia di individui infetti non aveva sintomi”, afferma Oran. “Tra più di 3.000 detenuti in quattro stati che si sono dimostrati positivi al coronavirus, la cifra era astronomica: asintomatici al 96 percento”. La revisione suggerisce inoltre che gli individui asintomatici sono in grado di trasmettere il virus per un periodo di tempo prolungato, forse più lungo di 14 giorni. Le cariche virali sono molto simili nelle persone con o senza sintomi, ma non è chiaro se la loro contagiosità sia della stessa grandezza. “Per risolvere questo problema, avremo bisogno di studi su larga scala che includano un numero sufficiente di persone asintomatiche”.
Gli autori concludono inoltre che l’assenza di sintomi non può implicare un’assenza di danno. Le scansioni TC condotte su 54 percento di 76 individui asintomatici sulla nave da crociera Diamond Princess sembrano mostrare significative anomalie polmonari subcliniche che aumentano la possibilità che l’infezione SARS-CoV-2 influisce sulla funzionalità polmonare che potrebbe non essere immediatamente evidente. Gli scienziati affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare il potenziale significato di questa scoperta.
Gli autori riconoscono anche che la mancanza di dati longitudinali rende difficile distinguere tra individui asintomatici e presintomatici. Un individuo asintomatico è una persona infetta da SARS-CoV-2, ma non sviluppa mai sintomi di COVID-19, mentre una persona presintomatica è similmente infetta, ma alla fine svilupperà sintomi. I test longitudinali, che si riferiscono a test ripetuti di individui nel tempo, aiuterebbero a distinguere tra i due.