La stimolazione cerebrale profonda può rallentare la progressione del tremore nel Parkinson

parkinson

La stimolazione cerebrale profonda (DBS) può rallentare la progressione del tremore nei pazienti con malattia di Parkinson allo stadio iniziale, secondo uno studio del Vanderbilt University Medical Center pubblicato il 29 giugno sul numero online di Neurology ®, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Lo studio, sperimenta un trattamento che rallenta la progressione di una delle caratteristiche del morbo di Parkinson, ma per confermare il risultato è necessaria una sperimentazione clinica su larga scala in più centri di indagine.

La nostra scoperta riguardante la progressione del tremore è davvero eccezionale”, ha detto l’autore senior David Charles, Professore di Neurologia. “Suggerisce che la stimolazione cerebrale profonda applicata nella fase iniziale della malattia di Parkinson, può rallentare la progressione del tremore, il che è notevole perché non ci sono trattamenti per il Parkinson che hanno dimostrato di rallentare la progressione di qualsiasi elemento della malattia”.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere la stimolazione cerebrale profonda più terapia farmacologica o terapia farmacologica da sola; il gruppo trattato con la sola terapia farmacologica aveva sette volte più probabilità di sviluppare un nuovo tremore dopo due anni, rispetto al gruppo trattato con terapia farmacologica più stimolazione cerebrale profonda.

La sperimentazione. iniziata nel 2006, è stata controversa perché ha reclutato pazienti con malattia di Parkinson in fase iniziale per la chirurgia cerebrale DBS. A quel tempo, la terapia con DBS era stata approvata solo per il morbo di Parkinson in stadio avanzato, quando i sintomi non erano più adeguatamente controllati dai farmaci.

( Vedi anche: Primo farmaco fotoattivo per combattere il morbo di Parkinson).

“Dato che questo è stato il primo studio sulla stimolazione cerebrale profonda, ad oggi non era noto se ci fossero singoli sintomi motori molto precoci nel morbo di Parkinson che potrebbero essere migliorati in modo più efficace dalla DBS”, ha detto l’autore principale Mallory Hacker, Prof. di Neurologia.

L’analisi ha mostrato che solo il 46 percento dei pazienti che avevano ricevuto la terapia DBS oltre alla terapia farmacologica, sviluppava il tremore degli arti a riposo, dopo due anni. Quattro dei pazienti con DBS hanno avuto un miglioramento del tremore degli arti a  riposo e il tremore è completamente scomparso da tutti gli arti interessati in un paziente trattato con DBS.

 Il Centro della Vanderbilt University potrà condurre uno studio multicentrico di fase III su larga scala che arruolerà 280 persone con malattia di Parkinson in stadio molto precoce, a partire dal 2019 e altri 17 centri medici statunitensi si sono uniti al gruppo di studio sulla malattia di Parkinson in fase iniziale.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su parkinson