HomeAlimentazione & BenessereLa soia puà causare il cancro al seno?

La soia puà causare il cancro al seno?

Cosa dice la scienza sui rischi reali del consumo di cibi a base di soia? Se ti stai chiedendo se mangiare tofu o bere latte di soia può aumentare il rischio di cancro al seno, ecco cosa dovresti sapere.

“La soia nella sua forma naturale non è in cima alla lista dei fattori che contribuiscono a questa malattia”, afferma Erin Roesch, MD, specialista del cancro al seno. La relazione tra l’assunzione di cibo a base di soia e il cancro al seno è stata studiata per oltre 25 anni. Ecco perché.

I prodotti a base di soia contengono isoflavoni, molecole simili all’ormone estrogeno. È questa somiglianza che ha portato ad alcune preoccupazioni sul fatto che la soia potrebbe aumentare il rischio di tumori sensibili agli estrogeni (incluso il cancro al seno). Ma gli studi dimostrano che gli isoflavoni della soia non sono identici agli estrogeni. E questa differenza conta moltissimo. “Gli isoflavoni e gli estrogeni non hanno la stessa preferenza per il legame al recettore degli estrogeni e questa distinzione può portare a effetti a valle molto diversi “, afferma il Dott. Roesch.

- Advertisement -

Gli studi clinici  dimostrano costantemente che l’assunzione di isoflavoni non influenza il rischio di cancro al seno. Questi studi sugli esseri umani non hanno confermato un legame tra il consumo di soia e lo sviluppo del cancro al seno. In effetti, alcuni ricercatori effettivamente suggeriscono persino un effetto protettivo.

Ad esempio, uno studio del 2010 non ha trovato alcuna associazione tra il consumo di fitoestrogeni (che include prodotti a base di soia) e un aumento del rischio di cancro al seno. Nessun dato è abbastanza decisivo per pubblicizzare gli effetti della soia sul rischio di cancro al seno.

Tuttavia, quando studi come questi suggeriscono una possibile correlazione iniziale tra cibo e cancro, la disinformazione può diffondersi rapidamente. I consumatori potrebbero presumere rapidamente che questi studi mostrino una relazione di causa-effetto, quando in realtà è ancora necessaria una ricerca meticolosa a lungo termine per dimostrare qualsiasi connessione.

Vedi anche:Alzheimer: un derivato della soia combatte la perdita di memoria

Leggere correttamente i comportamenti sanitari in diversi paesi

- Advertisement -

La scienza cerca di evitare di correlare i comportamenti con i fattori di rischio troppo rapidamente. Ed è proprio per questo motivo che è necessario prima fare ricerche approfondite per prendere in considerazione tutti i fattori.

“Considera qualsiasi correlazione tra soia e cancro al seno in tutto il mondo. I tassi di cancro al seno in generale sono molto più alti negli Stati Uniti che in molti paesi asiatici, ad esempio, dove i prodotti a base di soia sono un importante alimento base”, afferma il Dottor Roesch. “Questi paesi tipicamente presentano anche una dieta a basso contenuto di grassi e differenze nei tassi di natalità, entrambi fattori che influenzano i tassi di cancro”. Una possibile ragione per cui il cancro al seno è in aumento negli ultimi tempi in questi paesi potrebbe essere dovuta all’adozione di una dieta e uno stile di vita occidentali, che possono includere un maggiore apporto di grassi saturi e non specificamente il consumo di soia.

L’obesità, il fumo, lo stile di vita e la genetica sono più rischiosi della soia

Sfortunatamente, quando le persone si preoccupano di qualcosa come l’assunzione di soia che potrebbe non essere un rischio per il cancro al seno, potrebbero non preoccuparsi tanto quanto dovrebbero dei veri fattori di rischio. “Rimuovere l’attenzione da questi veri fattori di rischio può essere il rischio maggiore”, afferma il Dottor Roesch. Questi altri fattori di rischio comportamentale per il cancro al seno – come l’obesità, il fumo in tenera età, uno stile di vita sedentario o  un’elevata assunzione di grassi saturi preoccupazioni – sono maggiori rispetto al consumo di estrogeni vegetali come la soia”, dice il ricercatore. Anche la genetica gioca un ruolo importante nel rischio di una persona di sviluppare alcuni tipi di cancro al seno.

La soia naturale è la scelta più salutare

Quando si scelgono prodotti a base di soia, scegliere opzioni naturali piuttosto che cibi altamente trasformati. “E mangiateli con moderazione”, consiglia il Dr. Roesch. “Fonti vegetali a base di estrogeni come latte di soia, tofu ed edamame sono tutte buone scelte. Ma rendili parte di una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura e povera di grassi saturi”.

Cerca di evitare gli estratti di isoflavoni

Il Dr. Roesch consiglia alle donne di evitare gli estratti di isoflavoni di soia, soprattutto in dosi elevate. E come regola generale è meglio ottenere la nutrizione attraverso fonti alimentari che attraverso integratori. “Quando assumi dosi di isoflavoni che possono essere diverse centinaia di volte superiori a quelle che ingeriresti mangiando tofu o bevendo latte di soia, questo potrebbe essere un potenziale problema”, dice. “Che tu sia preoccupato per il tuo rischio o se sei ad alto rischio di cancro al seno, è sempre meglio parlare con il tuo medico di tutte le tue scelte”, sottolinea. “Insieme potete eliminare qualsiasi disinformazione e identificare ciò che funziona meglio per mantenerti in buona salute”.

Fonte:HealthCleveland

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...