La ricerca rivela il legame tra fibra alimentare e malattia polmonare

fibra alimentare


La fibra alimentare può essere un nuovo strumento nella prevenzione della malattia polmonare progressiva, grazie alla produzione di acidi grassi a catena corta anti-infiammatori (SCFA), secondo un nuovo studio del Centro di ricerca dell’Università di Newcastle e il Centro per l’infiammazione, una partnership tra l’Università della Tecnologia di Sydney e il Centenary Institute.

La ricerca è stata presentata agli esperti di salute polmonare all’ Australia and New Zealand Annual Scientific Meeting for Leaders in Lung Health & Respiratory Science (TSANZRS 2019 ).

“Da diversi anni il Centro di ricerca ha condotto ricerche a livello mondiale sul legame tra fibra alimentare e polmoni sani. La nostra ricerca precedente ha stabilito in che modo gli integratori di fibre possono essere usati non solo per trattare l’asma, ma anche per aiutare a prevenire la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) “, ha detto il ricercatore capo Phil Hansbro, Direttore del Centro per l’infiammazione.

La BPCO è un termine generico per condizioni polmonari progressive come l’enfisema, la bronchite cronica e l’asma cronica, che colpisce 1 australiano su 7 di età superiore ai 40 anni. La BPCO è caratterizzata da difficoltà respiratorie e le cause includono fumo, esposizione a lungo termine agli inquinanti e disturbo genetico raro.

Molte persone convivono con una forma lieve di BPCO senza nemmeno saperlo, mentre chi ha la forma grave, può seriamente vedere compromessa la qualità della propria vita. La BPCO è una delle principali cause di morte in Australia ed è la seconda causa di ricoveri ospedalieri. È la terza più grande malattia killer del mondo. I trattamenti esistenti sono solo parzialmente efficaci e alcuni non funzionano affatto.

Lo studio del NSW ha esposto i topi al fumo di sigaretta – una delle cause note della BPCO – per innescare l’inizio della malattia. Allo stesso tempo, la dieta di alcuni topi è stata integrata con fibra fermentabile.

I ricercatori hanno scoperto che il fumo di sigaretta riduceva la produzione di acidi grassi a catena corta antinfiammatori, ma che l’infiammazione risultante poteva essere compensata da una dieta ricca di fibre.

“Abbiamo scoperto che la fibra alimentare è in grado di ridurre l’infiammazione e il danno polmonare, con conseguente miglioramento della funzionalità polmonare“, spiega il Professor Hansbro. “Per la prima volta, abbiamo anche collegato queste modifiche al microbioma gastrointestinale e alla sua produzione di metaboliti protettivi”.

Vedi anche, La fibra alimentare riduce l’infiammazione cerebrale durante l’invecchiamento.

I risultati, affermano i ricercatori,potrebbero avere importanti implicazioni per le persone con o a rischio di BPCO e per i loro operatori sanitari“.

La dieta può essere un’aggiunta importante ai trattamenti attuali per contribuire a sostenere la qualità della vita nei pazienti e potenzialmente influenzare lo sviluppo della BPCO in quelli a rischio. Gli enti sanitari dovrebbero prendere in considerazione la dieta e la fibra come trattamento aggiuntivo sicuro ed economico per la malattia polmonare “, ha detto il Professor Hansbro.

I ricercatori sottolineano che il consumo di fibra alimentare da parte dei topi non li ha protetti da ogni sintomo di BPCO e quindi dovrebbe essere usato come supplemento e non una sostituzione degli interventi attualmente approvati.

I risultati aprono anche la strada allo sviluppo di nuovi trattamenti terapeutici.

Maggiore è la nostra comprensione della biochimica coinvolta nella scomposizione della fibra alimentare e il suo impatto sulla salute polmonare, più ci avviciniamo allo sviluppo di nuovi trattamenti efficaci. Comprendendo il ruolo fondamentale che gli acidi grassi a catena corta svolgono nella prevenzione del danno polmonare, possiamo meglio sviluppare trattamenti e modifiche dietetiche”, ha affermato il Professor Allan Glanville, presidente della Thoracic Society of Australia e New Zealand (TSANZ).

“Nel frattempo, il messaggio è chiaro: se vuoi polmoni sani, mangia le fibre”.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su fibra alimentare