La restrizione calorica previene i sintomi dell’asma

asma

Sperimentando con i topi, i ricercatori della Johns Hopkins Medicine hanno dimostrato che la restrizione calorica previene i sintomi dell’asma a prescindere dal contenuto di grassi e zuccheri della dieta. I ricercatori affermano inoltre di aver scoperto che l’obesità derivante da una dieta ipercalorica ha portato a sintomi di asma negli animali causando infiammazione polmonare e un farmaco che blocca l’infiammazione ha alleviato tali sintomi.

In un rapporto sugli esperimenti, pubblicati in Scientific Reports il 22 gennaio, i ricercatori spiegano che i loro risultati si aggiungono alle prove esistenti dei legami tra l’obesità, l’infiammazione e l’asma e riconoscono il valore di farmaci anti-infiammatori nel trattamento dei sintomi caratteristici dell’asma legati alla obesità nelle persone. 

Scienziati e clinici sanno da decenni che le persone obese hanno molto più probabilità rispetto alle persone con un peso normale, di sviluppare certi tipi di asma o aumentare i sintomi dell’asma. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, il 38,8 per cento degli adulti con asma sono obesi, un tasso molto superiore al tasso di obesità negli adulti senza asma che si attesta al 26,8 per cento. Ma i meccanismi biologici che stanno alla base dei sintomi e del rischio di asma legati all’obesità sono rimasti in qualche modo poco chiari.

Vedi anche, La restrizione calorica è salutare grazie ai batteri intestinali.

“Precedenti studi suggerivano che l’alto contenuto di grassi o zuccheri nelle diete che portavano all’obesità, favorivano l’infiammazione e causavano l’asma”, dice Vsevolod Polotsky, Professore di medicina polmonare e terapia intensiva presso la Johns Hopkins University School of Medicina e autore principale dello studio. “Tuttavia, il nostro studio dimostra che l’obesità porta a sintomi di asma associati all’infiammazione indipendentemente dalla composizione della dieta e che limitare le calorie con qualsiasi mezzo può prevenire o trattare l’asma riducendo l’infiammazione“.

L’asma è una malattia polmonare cronica comune in cui l’infiammazione provoca restringimento delle vie respiratorie, portando a respiro sibilante, tosse, mancanza di respiro e senso di costrizione toracica.

Il team ha perseguito lo studio sugli animali nel tentativo di chiarire i legami tra obesità, asma, dieta e infiammazione e sviluppare nuove opzioni di trattamento, in particolare perché le terapie tradizionali come gli inalatori non funzionano altrettanto bene per gli asmatici obesi.

In questo studio, i ricercatori hanno somministrato ai topi maschi normali una delle quattro diete: (1) una dieta a basso contenuto calorico che è una normale dieta da laboratorio di pastiglie croccanti senza restrizioni caloriche; (2)una dieta ricca di calorie che contiene più calorie e grassi per grammo; (3) una dieta ricca di calorie contenente più grassi per grammo e integrata con zucchero addizionale e (4) una dieta ricca di calorie ad alta quantità di grassi insaturi e integrata con zucchero. Inoltre, gruppi separati di topi sono stati alimentati con diete a contenuto calorico, ma il loro apporto giornaliero di cibo è stato limitato per corrispondere al numero di calorie che i topi mangiano con una dieta ipocalorica.

Dopo otto settimane, i topi con qualsiasi dieta ipercalorica , il cui consumo non era limitato, hanno guadagnato almeno 7 grammi in più rispetto ai topi con dieta a basso contenuto calorico o topi con diete ipocaloriche a ridotto contenuto calorico.

I ricercatori hanno poi valutato la funzione polmonare degli animali per vedere se i topi sviluppavano i sintomi dell’ asma, misurando il restringimento delle vie aeree dei polmoni quando i topi inalavano dosi diverse di metacolina, un farmaco che causa costrizione delle vie aeree. Quando i topi sono stati somministrato con una dose di 30 milligrammi per millilitro di metacolina, i topi trattati con tutti i tipi di diete ipercaloriche il cui consumo non era limitato avevano le vie aeree ristrette almeno 6,3 volte di più rispetto al basale, mentre i topi alimentati con diete ipocaloriche o a basso contenuto di cibo sulle diete ipercaloriche, avevano le vie aeree ristrette di 4,7 volte in più rispetto al basale. I risultati di questi test, simili a quelli utilizzati per lo screening o la diagnosi di asma nelle persone, hanno indicato che i topi alimentati con diete ipercaloriche sviluppavano sintomi di asma e obesità.

In studi precedenti, Polotsky e il suo team hanno dimostrato che i topi nutriti con diete ad alto contenuto di grassi per due settimane avevano aumentati livelli di IL-1 β (interleuchina-1 beta), una proteina la cui presenza indica un’infiammazione nel corpo.

Nei nuovi esperimenti, i ricercatori hanno cercato di definire ulteriormente i legami tra obesità , risposta infiammatoria e asma prima nutrendo topi con diete ricche di grassi per otto settimane. Hanno iniettato un gruppo di topi con un farmaco chiamato anakinra ogni giorno durante le ultime due settimane per bloccare l’attività della proteina IL-β, e quindi l’ infiammazione, impedendole di raggiungere i suoi siti target. A causa delle sue proprietà antinfiammatorie, anakinra è usato per trattare l’artrite reumatoide.

I topi obesi trattati con il farmaco anakinra avevano le loro vie aeree ristrette 2,9 volte più del basale, un restrizione inferiore all’aumento di 5,1 volte osservato nei topi obesi non trattati con il farmaco.

Fonte, Nature

 

 

Fon

Altri articoli su asma