La memoria dipende da un interruttore proteico

memoria

Sommario: un nuovo studio dell’ Università di Warwick suggerisce che la mancanza di flessibilità cognitiva e la  memoria, la capacità di conservare nuove informazioni, potrebbero essere il risultato della mancata completa disattivazione della proteina Arc.

La memoria, l’apprendimento e la flessibilità cognitiva dipendono da una proteina “on/of” nel cervello, secondo una scoperta rivoluzionaria fatta da una collaborazione di ricerca internazionale co-guidata dall’Università di Warwick. Questa nuova conoscenza potrebbe consentirci di comprendere e combattere meglio le malattie neurologiche che inibiscono la memoria, come l’Alzheimer. Il Dott. Mark Wall della School of Life Sciences di Warwick, con i ricercatori dell’Università di Bradford e della Georgia State University, ha scoperto che la proteina Arc – che aumenta nel cervello durante l’apprendimento – deve essere rapidamente disattivata e rimossa poco dopo aver ricevuto nuove informazioni, affinché possiamo ricordarle e conservarle.

( Vedi anche:I ricercatori trasferiscono una memoria da una lumaca ad un’altra).I

Il contributo di Arc nel regolare la memoria e il processo di apprendimento era già noto, ma l’importanza vitale del suo “spegnimento” e rimozione è rimasta nascosta fino ad ora.

La flessibilità cognitiva ci consente di imparare e adattarci al mondo che ci circonda, raccogliendo e ricordando nuove informazioni come indizi visivi e sonori per determinare come agiamo e reagiamo alle situazioni che cambiano.

Nelle persone che vivono in condizioni neurologiche, come il morbo di Alzheimer, la flessibilità cognitiva si riduce, causando comportamenti alterati, confusione e incapacità di apprendere e conservare nuove informazioni, come la posizione di un edificio o il nome di una persona.

La ricerca suggerisce che questa mancanza di flessibilità cognitiva e l’incapacità di apprendere e ricordare nuove informazioni potrebbero derivare dal fatto che la proteina Arc non viene completamente disattivata e quindi persiste nel cervello.

I ricercatori clinici potrebbero utilizzare questa scoperta chiave per comprendere e curare meglio malattie come l’Alzheimer puntando a questo interruttore proteico e scoprendo che cosa causa malfunzionamenti. Il Dott. Mark Wall, Direttore di Scienze biomediche della School of Life Sciences dell’Università di Warwick, ha commentato: “Per spiegare i nostri risultati con un’analogia, immagina di stare in un hotel per un paio di settimane. Dopo la prima settimana, il gestore cambia la tua stanza, ma non ti dirà dove si trova la tua nuova stanza. Per trovare la tua nuova stanza, dovresti testare la tua chiave in ogni porta delle camere d’albergo finché non si apre la porta della tua stanza. Tuttavia, una volta trovata, la prossima volta che torni in albergo, potresti localizzare rapidamente la tua stanza usando una serie di segnali spaziali che potrebbero includere il piano su cui si trovava la tua stanza, quanto la tua stanza è lontana dall’ascensore e se si trovava vicino a un’uscita antincendio”.

La Dott.ssa Sonia A.L. Corrêa della Facoltà di scienze della vita dell’Università di Bradford ha proseguito: “Ora, immagina una situazione in cui ogni volta che torni in albergo devi testare la tua chiave in ogni stanza finché non hai trovato la tua stanza. Questa incapacità di regolare la tua strategia per trovare la posizione della tua nuova stanza è conosciuta come inflessibilità cognitiva e questo cosa succede se la proteina Arc non viene disattivata correttamente. Invecchiando, questo comportamento alterato si verifica più frequentemente e, cosa più importante, questo tipo di comportamento si trova in alcune forme di condizioni neurologiche, tra cui il morbo di Alzheimer “.

I ricercatori hanno generato un topo con una forma mutata della proteina Arc che non è stata spenta o rimossa. Hanno scoperto che i topi che contenevano questa mutazione avevano normali comportamenti, ma avevano difetti specifici nella flessibilità cognitiva.

Fonte:Neuron

Altri articoli su memoria